Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
NORMATIVA Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
AZIENDE

Ruredil X Mesh C10 per il consolidamento statico e miglioramento sismico della Chiesa di San Bassiano

Commenti 3964
25/10/2013 - Il progetto di monitoraggio e consolidamento strutturale della chiesa di San Bassiano, ha come obiettivo finale la valutazione del rischio sismico e il miglioramento strutturale della fabbrica attraverso una serie sistematica d’interventi “migliorativi”. La Chiesa, edificio a tre navate con volte a crociera, catene traversali sulla navata centrale e ampia abside, sorge su fondazioni perimetrali appoggiate a quota - 200 cm circa dalla strada e dalla Piazza, su un terreno molto rimaneggiato e di scarsa consistenza, attraversato da lenti di sabbia, causa di cedimenti differenziali. Costruita nel XII secolo, nel tempo la fabbrica, ha subito notevoli trasformazioni con variazione dell’assetto strutturale classico e modificazione dell’assetto geometrico e strutturale generale che hanno compromesso e minato la stabilità strutturale del manufatto.

La Chiesa, oggetto di una campagna di diagnostica e di monitoraggio strutturale sotto la supervisione del progettista risulta affetta da diverse problematiche tra cui dissesti al sistema fondale dell’edificio, fessurazioni e distacchi tra gli arconi e le pareti perimetrali nonché incipiente ribaltamento fuori dal piano del timpano facciata principale, delle pareti navate laterali e delle pareti navata centrale.

Il criterio comune a tutte le scelte progettuali è stato quello di effettuare interventi puntuali, reversibili con il principio del minimo intervento nel rispetto della storia dell’edificio conservando non solo i materiali originali ma soprattutto senza mutare il comportamento strutturale originario seppur rendendo riconoscibili “a posteriori” le aree oggetto di intervento (garantendo comunque un significativo miglioramento nei confronti del comportamento sotto le azioni sia verticali sia orizzontali).

Il progetto prevede tre stralci funzionali, attualmente è in fase di completamento il primo di essi. Tale stralcio prevede: riduzione del rischio di ribaltamento fuori dal piano dei maschi murari a mezzo di realizzazione di cordolatura FRCM con il sistema Ruredil X-Mesh c10 e complementare cordolatura alle imposte delle volte / archi con malta pozzolanica fibrorinforzata Rurewall PVA-TX coadiuvata da una serie di “fiorettature” di collegamento imposta arco-piedritti con fiocchi in carbonio Ruredil X-joint inghisati con malta pozzolanica di inghisaggio Ruredil X-joint Inject.

Pulizia completa delle volte a crociera in laterizio della navata principale previa rimozione del materiale di rinfianco (che verrà comunque ricollocato a fine lavori di consolidamento) con stilatura dei giunti in malta con Naturcalce Muratura, realizzazione di cordolatura estradossali (larghezza var.) con il sistema FRCM X Mesh c10, previa realizzazione di “piste” di regolarizzazione con malta pozzolanica Rurewall R/Z. Il rinforzo è previsto anche all’estradosso degli arconi principali (sempre con sistema X Mesh c10) e per la realizzazione è stato previsto lo smontaggio dei frenelli esistenti in laterizio (non più ammorsati ai setti murari della navata principale) che verranno poi successivamente ricostruiti recuperando i laterizi originali e realizzando un migliore ammorsamento nelle pareti a loro perpendicolari.

La scelta delle malte e del sistema composito di rinforzo Ruredil, è stata effettuata tenendo presente la necessità di garantire, oltre alle necessarie prestazioni meccaniche-di resistenza, la necessaria durabilità dell’intervento al variare delle condizioni climatiche nonché la necessaria e continua traspirabilità delle zone oggetto di intervento al fine di garantire la conservazione dell’apparato decorativo sottostante senza pregiudicarne la fruibilità negli anni a venire.

RUREDIL su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati