Carrello 0
PROFESSIONE

Architetti, via alla formazione obbligatoria

di Paola Mammarella

Inizia oggi con la trasmissione in streaming del seminario ‘I lavori pubblici dopo il decreto del Fare’

Vedi Aggiornamento del 24/10/2016
10/10/2013 – Gli architetti iniziano a dare attuazione all’obbligo di formazione continua, previsto dal Dpr 137/2012 sulla riforma delle professioni, e lo fanno online.
 
Inizia oggi il seminario di aggiornamento professionale “I lavori pubblici dopo il decreto del Fare”, che costituisce la prima sperimentazione di formazione online organizzata dal Cnappc, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.
 
Ricordiamo che, in base alla riforma delle professioni, ogni professionista è tenuto a curare il continuo e costante aggiornamento delle proprie competenze.
 
Con il regolamento emanato dal Cnappc il 15 settembre scorso in attuazione del Dpr di riforma, è stato stabilito che l’obbligo formativo decorre dal primo gennaio 2014.
 
Per essere in regola sono validi corsi di formazione, anche a distanza online, master, seminari, convegni, giornate di studio, tavole rotonde, conferenze, workshop, relazioni e attività di aggiornamento, corsi abilitanti e altri eventi individuati dal Cnappc.
 
L’importante è  acquisire almeno 90 crediti formativi professionali (CFP) ogni tre anni, con un minimo di 20 all’anno, di cui almeno 4 sui temi della Deontologia e dei Compensi professionali. Nel primo triennio, invece, CFU da acquisire sono 60, con un minimo di 10 all’anno, di cui almeno 4 annui sui temi della Deontologia e dei Compensi professionali (Leggi Tutto).
 
Per il seminario di oggi, tenuto nella sede del Consiglio Nazionale degli Architetti (Roma, Via di Santa Maria dell’Anima, 16), è stata predisposta la trasmissione in streaming in circa duecento sale attrezzate dagli Ordini Provinciali, con la possibilità di intervenire dalle 17 alle 18.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Giuliano Aiudi "libero" professionista Pesaro

Finalmente , ci mancava questa grande genialata e siccome dopo trent'anni si seria professione ci si ritrova a non avere più da progettare neanche la cuccia di un cane e , con i tempi che corrono, non si riesce più a riscuotere un euro, grazie all'intelligenza di chi a fatto abolire le parcelle , mi piacerebbe vedere in faccia questi grandi cervelli, che si adoprano per farci riempire il vuoto che si sta creando nei nostri studi professionali per complimentarmi con loro. Probabilmente non hanno mai svolto la professione o non l'hanno svolta seriamente poiché è normale e necessario in questo mestiere essere autoaggiornati altrimenti meglio cambiare lavoro. Stanno svilendo sempre più questa nostra bellissima professione. Forse sarebbe stato meglio fare l'idraulico , meno responsabilità e più redditizio

thumb profile
Arch. SAnchez Patricia

Allora..che venga ELIMINATO L'ESAME di Stato!!!!!


x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati