Carrello 0
AMBIENTE

Un geologo in ogni Comune, la proposta al Governo

di Rossella Calabrese
Commenti 13971

Alla Camera un Ordine del giorno per la difesa del territorio dal rischio idrogeologico e sismico

Vedi Aggiornamento del 29/04/2016
Commenti 13971
06/11/2013 - “Con un Ordine del Giorno abbiamo chiesto al Governo di istituire la figura tecnica del geologo in tutti i Comuni”. Lo ha affermato qualche giorno fa il deputato Antonino Moscatt incontrando il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Gian Vito Graziano ed il Consigliere dell’Ordine dei Geologi della Sicilia, Calogero Pecoraro.
 
“A partire dagli anni ’80 - ha ricordato Graziano - l’Italia subisce danni sempre più rilevanti, che costano mediamente 3,5 miliardi di euro all’anno. I Comuni in pericolo per il dissesto idrogeologico sono 6.633 (82%) per una superficie di 2.951.700 ettari (9,8% del territorio nazionale); oltre la metà degli italiani vive in aree soggette ad alluvioni, frane, smottamenti, terremoti, fenomeni vulcanici e persino maremoti”.
 
Fra il 1960 e il 2012, spiega la nota del CNG, tutte le 20 Regioni italiane hanno subito eventi fatali: 541 inondazioni in 451 località di 388 Comuni che hanno causato 1.760 vittime (762 morti, 67 dispersi, 931 feriti), e 812 frane in 747 località di 536 Comuni con 5.368 vittime (3.413 morti compresi i 1.917 dell’evento del Vajont del 1963, 14 dispersi, 1.941 feriti).
 
“Secondo i dati del Ministero dell’Ambiente le persone esposte ad un elevato rischio idrogeologico sono almeno 6 milioni - ha aggiunto Pecoraro - e gli edifici a rischio sono circa 1,2 milioni. Le aree ad elevato rischio sismico sono ben oltre il 50% del territorio nazionale e interessano il 36% dei Comuni; le persone esposte ad un elevato rischio sismico sono 22 milioni e gli edifici a rischio sono 5,5 milioni, fra i quali ovviamente scuole ed ospedali.
 
A tutto questo vanno aggiunte le coste, “che hanno subito, attraverso una urbanizzazione sfrenata (non rispettando i vincoli imposti della “Legge Galasso” 431/1985), un’erosione dal 1985 ad oggi di ben 160 km di litorale; in 8 regioni italiane tra Adriatico e Tirreno, ben 1800 km di coste sono state trasformate dall’urbanizzazione. Si tratta di oltre il 55% delle coste analizzate” - ha concluso Pecoraro.
 
L’Ordine del Giorno presentato da Antonino Moscatt impegna il Governo, compatibilmente con le risorse finanziarie e i vincoli di bilancio, a favorire l’implementazione nelle pubbliche amministrazioni della figura del geologo, e ad istituire il Servizio geologico territoriale e la figura del ‘geologo di zona’, anche attraverso convenzioni con i professionisti, che assolva alle attività di controllo, monitoraggio, rilevazione e presidio del territorio e gestisca il vincolo idrogeologico.
 
Chiede, inoltre, di valorizzare le professionalità già presenti nelle pubbliche amministrazioni, “dove la geologia è davvero scarsamente rappresentata” e di costituire urgentemente le Autorità di Bacino distrettuali, dotandole di adeguate risorse finanziarie e umane (contemplando in primis i geologi).

L’OdG propone, infine, di “aggiornare i Piani stralcio per l’assetto idrogeologico, anche con la valutazione del rischio per le ‘colate rapide’ e della suscettività al rischio frana, secondo un approccio multi-rischio, e di snellire ed accorpare le competenze, attualmente imbrigliata in una infinità di enti, che spesso si ostacolano fra di loro”.
 
“La comunità italiana che vive quotidianamente in condizioni di rischio chiede di affrontare un problema che non è più rimandabile e che si ripresenta - ha affermato Moscatt - ormai di frequente, in ogni parte d’Italia. Dobbiamo, infatti, ricordare che la gestione del territorio non è un costo ma un volano per l’economia, oltre che indicativo del grado di civiltà di una nazione. Per questo motivo si ritiene che la figura del geologo rivesta un ruolo di vitale importanza per dare concreta attuazione ad un ampio ed organico programma di prevenzione volto alla messa in sicurezza del nostro territorio nei confronti dei fenomeni naturali calamitosi”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Marco C

* è ...... chiedo venia

thumb profile
Marco C

Si a parte questo modo snob che si ha di trattare i geologi ... non sapete quante volte mi ritrovo davanti a calcoli fatti da ing. già eseguiti prima di avere parametri geotecnici e categoria di suolo. poi loro mettono B il suolo e C i parametri li trovano in bibliografia forse.... e parlano ... ma fatevi il vostro che noi facciamo il nostro e tutti siamo felici .... no?

thumb profile
Andrea

Che bei commenti...si vede che chi scrive sono solo geometri ingegneri e architetti che di geologia non sanno una mazza! Poi quando arriva il terremoto l'alluvione la frana son capaci a spartire le colpe! BRAVI!!!!! NON preoccupatevi, non credo che i geologi vogliano rubare il mestiere ai raccomandati imboscati nei comuni....(ovviamente non tutti).

thumb profile
Fabio

Però poi quando arrivano i terremoti e le innondazioni subito a lamentarci e a puntare il dito contro i geologi. Vedasi il caso L'Aquila: geologi puniti penalmente perché non hanno saputo prevedere giorno, ora e secondi della scossa di terremoto (manco Nostradamus). Gli ingegneri che hanno costruito a cazzo con calcestruzzo fuori dalle norme sono esenti da colpe. Prassi comune italiana: ficcare la testa sotto la sabbia e se succede qualcosa puntare subito il dito accusatore verso il più debole o la minoranza.

thumb profile
Riccardo

La solita Italia divisa in fazioni. Il solito paese di merda poplato dalle solite teste di cazzo che sanno pensare solo a loro stessi e mai al bene comune. Ma tra qualche anno lascio questa terra di folli, finalmente.

thumb profile
massimo grecchi

Proclami assurdi, degni del peggior populismo. A parte il fatto che di geologi validi in Italia (non passacarte o scaldasedie) ve ne sono (molto) meno di 1 migliaio... Ma poi cosa fa un geologo se non si possono avviare piani realistici con copertura finanziaria? Prevenzione? Basta un minimo di buon senso, senza bisogno di elementi fissi. Protezione Civile ? (vedi sopra). Come diceva il vecchio Golfari: "Un geologo? E' un lusso... Giusto per non sentirsi in colpa..." Ed era il Presidente della Regione Lombardia...

thumb profile
ing

....ci mancano solo i geologi nei comuni......a far cosa poi? una volta studiata la situazione idrogeologica che altro devono fare?

thumb profile
Ignoranti e Presuntuosi

"le relazioni dei geologi finiscono tutte nei cassetti degli ingegneri, ed é li che le ritrovano i magistrati dopo che succedono le tragedie"

thumb profile
Saro

Dalla maggior parte dei commenti si evince quanto, in Italia, che ricordiamo essere ad alto rischio idrogeologico, sismico, ambientale ecc..., non si ha o non si vuole avere la consapevolezza che gli ingegneri devono fare gli ingegneri i geometri i geometri e così via....nessuno di queste figure può ricoprire le competenze di un buon geologo, e viceversa....ma noi italiani abbiamo sempre la memoria troppo corta, il terremoto dell'Emilia, Sarno, San Fratello e per ultimo il Vajont non vi hanno insegnato un cazzo!!!! ...SVEGLIATVI...

thumb profile
Sabato

Dalla maggioranza dei commenti si capisce perchè in Italia ad ogni goccia di pioggia viene già tutta la montagna:nei comuni il controllo del territorio non c'è o al massimo è affidato a qualche geometra,ingegnere o ..architetto (che sono la maggioranza dei commentatori su questo sito)!!!

thumb profile
riccardo

Pazzesco. Pazzesco. idioti al timone.

thumb profile
gabri

non si riescono a gestire le pratiche di edilizia privata e non si controlla a dovere l'edilizia pubblica per via delle mancanze di personale e voi vorreste spendere denaro per assumere figure completamene inutili come un geologo ?????? la definizione geologica del territorio comunale viene affidata in esterno come un appalto !!! basta proporre stupidaggini !!!! ennesima prova di come il vero problema italiano è che chi ci dirige non si sa di cosa parla

thumb profile
marco

ultima cosa.... nell'articolo precedente si parlava di aumentare i poteri ai professionisti per snellire la pubblica amministrazione.... mi sembra un contrsenso mettere una nuova figura statale pagata da tutti dove altre sigle sindacali ne stanno togliendo i poteri..controsenso di tutta un italia che sta andando a rotoli

thumb profile
marco

caro Carmine il testo dice un geologo in ogni Comune ma è inteso nell'ufficio tecnico comunale, percui mi dici cosa potrebbe fare sul territorio visto che comunque i P.G.T. hanno già dentro la componente geologica e sismica?

thumb profile
Carmine

Cari Mattia e Alessandro, il geologo non deve stare in ufficio ma sul territorio, per le fotocopie siete invitati a presentare la domanda.

thumb profile
Mattia

concordo, sarebbe un altro inutile impiegato comunale, che controllerebbe se le carte sono a posto per poi lavarsene le mani

thumb profile
Alessandro

Ma per favore....i comuni sono già sono saturii di nullafacenti, adesso ci mettiamo pure un geologo a far fotocopie e bollare qualche inutile carta!


x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa