Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
LAVORI PUBBLICI Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
AZIENDE

L’argilla espansa Lecapiù per la nuova fontana di Nizza

Commenti 3714
28/11/2013 - Si trova in territorio francese, nella città di Nizza, e con i suoi 4.000 metri quadrati di superficie detiene il record del più grande specchio battente d’acqua d’Europa. È la fontana che la municipalità della cittadina francese ha deciso di realizzare nella centralissima Piazza Massena. L’intervento si colloca nel più ampio contesto del progetto “Coulée Verte”: un parco urbano dell’estensione di 12 ettari, collocato lungo l’asse che conduce dal Théatre National alla Promenade des Anglais, e articolato intorno a una passeggiata pedonale che attraverserà lungo il percorso spazi ricreativi dedicati a sport, eventi culturali ed esposizioni.  

L’area urbana scelta per la sua collocazione ha proposto una serie di importanti problematiche progettuali ed esecutive, cui l’impresa incaricata dei lavori ha dato risposta grazie all’utilizzo delle soluzioni sviluppate da Laterlite per la realizzazione di strutture di sottofondo leggere e resistenti.
 
Piazza Massena è un tradizionale punto d’incontro per i cittadini nizzardi e i numerosi turisti che ogni anno visitano il famoso centro del litorale francese, ed è quindi luogo d’eccellenza per un intervento di arredo urbano di rilievo come la realizzazione di una nuova grande fontana. La municipalità ha quindi deciso la rimozione del giardino originariamente esistente sull’area interessata dai lavori, insistente su una struttura di copertura di uno dei due fiumi che attraversano la città. Nel corso di questa fase dell’intervento, tuttavia, si è evidenziata l’esigenza di eseguire un sottofondo di riempimento, dello spessore di circa 80 cm, necessario al fine di rispettare le quote di progetto stabilite; tale opera, inoltre, avrebbe dovuto rispettare ben precisi limiti di peso, in modo da non gravare con un carico eccessivo sui solai di copertura del fiume, e assicurare adeguate proprietà di resistenza, capacità di drenaggio e durabilità in opera unitamente a un’adeguata velocità di esecuzione per limitare al minimo l’incidenza dei lavori sull’area. La soluzione è stata individuata nell’argilla espansa Lecapiù, in questa occasione impastata con boiacca di cemento in modo da conferire al sottofondo i requisiti di resistenza meccanica richiesti.
 
Parte dell’ampia gamma di soluzioni per l’esecuzione di sottofondi leggeri e isolanti Laterlite, l’argilla espansa Lecapiù (qui utilizzata nella granulometria tipo 3-8) consente di realizzare, sia imboiaccata che impastata direttamente con cemento, strati di alleggerimento dalle elevate proprietà meccaniche con grande rapidità e praticità. Caratterizzato da una massa volumica di circa 350 kg/m3, l’argilla espansa Lecapiù 3-8, grazie alla scorza esterna compatta e indeformabile offre infatti una buona resistenza a compressione e, anche con un basso dosaggio di cemento, consente di ottenere betoncini leggeri adatti a sopportare i carichi in uso su sottofondi. Due le modalità d’impiego utilizzabili: imboiaccato, in cui, una volta stesa Lecapiù sfusa, questa viene spruzzato con boiacca di cemento che fissa tra loro i granuli dello strato superiore; e impastato, in cui l’argilla espansa Lecapiù viene miscelata direttamente con cemento e acqua e gettato direttamente in opera.
 
Nel caso del cantiere di Nizza, Lecapiù, miscelato con boiacca di cemento fino ad ottenere un conglomerato di massa volumica pari a circa 600 kg/m3 e con una resistenza meccanica di 2 N/mm2, è stato posato in due strati successivi rispettivamente da 25 e 40 cm di spessore, pompando il prodotto conferito in sito tramite apposite cisterne fino in prossimità dello scavo per poi procedere all’iniezione della boiacca di cemento nell’ultimo tratto del condotto di pompaggio. Oltre ad ottenere un riempimento compatto e di adeguate caratteristiche meccaniche, la fluidità dell’impasto ha consentito di risolvere il problema di garantire un adeguato riempimento dello scavo anche in corrispondenza dei numerosi sottoservizi presenti. La praticità e rapidità esecutiva garantita da Lecapiù ha permesso all’impresa esecutrice di realizzare ben 3.250 m3 di riempimenti nell’arco di soli dieci giorni di lavoro.
 
Lecapiù è l’argilla espansa Leca speciale per sottofondi dalle eccezionali caratteristiche: è un prodotto asciutto, incombustibile ed eco biocompatibile in quanto naturale. Ma soprattutto è leggero, isolante, resistente e pratico come nella migliore tradizione della produzione Laterlite.

Laterlite su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa