Carrello 0
FINANZIAMENTI

Scuole, dal Miur 10 milioni per la messa a norma degli edifici

di Giovanni Carbone
Commenti 11491

Domande via PEC entro il 13 dicembre 2013. Altri 15 milioni di euro per finanziare il progetto wireless del decreto ‘L’istruzione riparte’

Vedi Aggiornamento del 18/03/2015
Commenti 11491
21/11/2013 - Con un totale di 25 milioni di euro il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) finanzierà la messa a norma e il potenziamento tecnologico degli istituti scolastici.


Piano di adeguamento normativo
Con un bando pubblicato lo scorso 13 novembre in Gazzetta Ufficiale, il Miur ha stanziato 10 milioni di euro per il cofinanziamento (al 50%) di interventi per la messa norma degli istituti scolastici di proprietà degli Enti Locali.
 
Gli Enti locali potranno beneficiare di un contributo massimo di 300 mila euro per ogni intervento utile al conseguimento del certificato di agibilità relativo alla messa a norma in materia di sicurezza, bonifica dall’amianto, idoneità igienico-sanitaria e superamento delle barriere architettoniche.
 
Le richieste di contributo (massimo due per Ente locale) dovranno essere inviate all’indirizzo dgbilancio@postacert.istruzione.it esclusivamente tramite posta elettronica certificata, secondo i criteri definiti nel bando, entro il 13 dicembre 2013, pena l’inammissibilità della richiesta.


Progetto wireless
È online il bando che stanzia 15 milioni di euro (5 per il 2013 e 10 per il 2014) per il potenziamento delle connessioni wireless nelle scuole secondarie statali; si tratta della prima misura attuativa del pacchetto scuola prevista dal decreto “L’istruzione riparte”.
 
I fondi serviranno per realizzare o ampliare infrastrutture di rete con l’obiettivo di incrementare l’uso dei contenuti digitali in aula da parte di insegnanti e studenti al fine di innovare e rendere più interattiva la didattica.
 
In particolare, ogni scuola potrà candidarsi al finanziamento di una delle seguenti tipologie di progetto: ampliamento dei punti di accesso alla rete WiFi; potenziamento del cablaggio fisico; realizzazione o adeguamento dell’infrastruttura di rete (Lan/Wlan) di edificio o campus.
 
Le scuole interessate potranno presentare la loro domanda di partecipazione dal 6 dicembre 2013 al 16 dicembre 2013 tramite l’indirizzo http://www.indire.it/bandi/wireless.
 
“La connessione internet delle aule delle nostre scuole - ha commentato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza - rappresenta una tappa importante nel percorso verso una scuola digitale per offrire pari opportunità di accesso alla Rete agli studenti italiani”.



Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter.

Foto tratta da www.indire.it/eventi/quandolospazioinsegna
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Giacomo

Che tristezza... nell'altro articolo leggo di 45mln per gli stadi e qui leggo che per le scuole un 'cofinanziamento al 50%' di 10mln complessivi... e per più con difficoltà a partecipare al bando come ben spiega il sindaco di Dairago... poveri noi...

thumb profile
Pier Angelo Paganini , Sindaco di Dairago(MI)

Potrebbe essere interessante il finanziamento al 50% per le scuole a condizione di poter utilizzare i propri soldi ( per esempio i residui o l'avanzo di amministrazione ) per coprire il restante 50% escludendo per questi interventi il Patto di Stabilità altrimenti e' impossibile parteciparvi. Per esempio il mio Comune di 6000 abitanti con un valore da rispettare per il Patto di circa 210000 euro l'utilizzare 150000 Euro dei nostri soldi per finanziare il 50% e dovere contemporaneamente rispettare il Patto la conclusione e' che per il Comune di Dairago e' impossibile partecipare al Bando pur volendo. Pertanto si chiede di escludere dal Patto di Stabilità almeno gli interventi fatti dai Comuni per le Scuole o almeno per quei comuni che hanno sempre rispettato il Patto. E' il minimo che viene richiesto da parte dei Comuni che hanno sempre rispettato le regole. Grazie. Il Sindaco di Dairago Pier Angelo Paganini.