Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
NORMATIVA

Dai prodotti riciclati un mercato per le PMI della green economy

di Paola Mammarella

In arrivo incentivi per l'acquisto di arredi ed elettrodomestici realizzati con materiali recuperati

Vedi Aggiornamento del 05/04/2016
Commenti 6727
14/11/2013 – Rifiuti urbani, carta, plastica, oggettistica per la casa, pannelli fonoassorbenti, arredamenti per esterni, profilati per prefabbricati, vetro e compost come risorse da riciclare per la realizzazione di nuovi prodotti. È uno degli obiettivi del Collegato Ambiente al ddl di Stabilità per il 2014, che prevede incentivi per l’acquisto e la commercializzazione di prodotti che, al posto della materia vergine, utilizzano materiali riciclati.

Come spiegato nella relazione illustrativa, le misure tentano di introdurre, accanto ai bonus energetici, gli incentivi per il recupero della materia. L’obiettivo non è solo il risparmio della materia prima, ma anche il mantenimento degli impegni presi con l’Unione Europea sulla raccolta differenziata e l’apertura di nuovi mercati. 
 
Col nuovo sistema di incentivi, spiega la relazione, il legno degli arredamenti per esterni o dei prodotti per le case mobili e prefabbricate potrebbe ad esempio essere sostituito con profili realizzati in plastiche eterogenee da imballaggi. Il risultato sarebbe un aumento del ciclo di vita del prodotto e l’azzeramento delle manutenzioni.
 
Il ddl spiega inoltre che, grazie all’incentivo concesso, l’uso di una determinata percentuale di plastica riciclata nella realizzazione di elettrodomestici e arredi potrebbe far scendere il prezzo pagato dal consumatore finale.

Per gli elettrodomestici, ad esempio, il peso della plastica nella sostituzione non potrebbe scendere sotto il 20%, facendo ottenere all’acquirente il 10% di sconto. L’utilizzo della plastica dovrebbe essere pari al 50% nell’arredo per interni e al 70% nell’arredo urbano, con risparmi del 5% e del 15%. I materiali usati per la realizzazione di pannelli fonoassorbenti, barriere e segnaletica stradale dovrebbero essere sostituiti al 30% dalla plastica riciclata, con un risparmio del 10%. Allo stesso modo, l’acquirente di prodotti per la casa e per l’ufficio, in cui la plastica riciclata ha sostituito il 10% della materia vergine, spenderebbe il 10% in meno.

Tutto ciò faciliterebbe il raggiungimento dell’obiettivo della raccolta differenziata, che l’Italia ha fissato al 65%. La presenza di incentivi a livello nazionale eviterebbe inoltre eventuali sanzioni da parte dell’Unione Europea, studiate per colpire i Paesi che non raggiungono il 50% nel riciclo di carta, vetro, plastiche e metalli.

Ma non solo, perché gli incentivi al riciclo aprirebbero un nuovo mercato, con piccole e medie imprese che potrebbero recuperare i materiali riciclati e rivenderli alle imprese produttrici di beni, creando posti di lavoro connessi alla green economy.

I costi per l’erogazione dei bonus potrebbero essere coperti in due modi. Una parte delle risorse dovrebbe essere stanziata con un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico. Un’altra fonte di finanziamento potrebbe derivare dall’addizionale a carico dei produttori di rifiuti che non rispettano gli obblighi della raccolta differenziata, che le Regioni dovrebbero destinare ad un fondo per sostenere gli incentivi al riciclo.

Il Collegato Ambiente sarà all'esame del Consiglio dei Ministri di domani 15 novembre.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Ing. Luigi P.

Vorrei tanto sapere alla fine dell'anno a quanto ammonta tutti questi incentivi, e nelle tasche di chi vanno a finire ... se dessero gli stessi soldi alle famiglie in difficoltà o alle imprese nelle medesime condizioni, probabilmente ci sarebbe più gente che lavora e/o che spende almeno per arrivare alla fine del mese. Invece no, ingrassiamo i ricconi che hanno portato le fabbriche in Cina, e a 4 soldi fanno elettrodomestici, la cui qualità ormai è scesa a livelli minimi, e che con 4 soldi di manodopera e di tasse, continuano a guadagnare visto che poi le persone comprano questi oggetti con l'ennesimo finanziamento che non riescono a pagare a fine mese. Poveri noi comuni mortali !!!


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa