Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus in condominio e lavori gestiti da una Esco, come funziona la detrazione
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus in condominio e lavori gestiti da una Esco, come funziona la detrazione
NORMATIVA

Mutui trentennali alle Regioni per costruire nuove scuole e palestre

di Rossella Calabrese

Approvato il Decreto ‘L’Istruzione riparte’. Carrozza: ‘restituite risorse e centralità al mondo dell'Istruzione’

Vedi Aggiornamento del 17/12/2019
Commenti 8552
11/11/2013 - Per far fronte alle carenze strutturali delle scuole, per la costruzione di nuovi edifici scolastici, per l’adeguamento o la costruzione di nuove palestre nelle scuole e nelle residenze universitarie, le Regioni potranno contrarre mutui trentennali a tassi agevolati.
 
È questa la novità in tema di edilizia scolastica, contenuta nella Legge 128/2013, di conversione del Decreto Istruzione, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di oggi.
 
I mutui potranno essere stipulati con la Banca Europea per gli Investimenti, la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa, la Cassa depositi e prestiti o con istituti bancari; gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato, mentre le rate di ammortamento dei mutui attivati saranno pagate agli Istituti finanziatori direttamente dallo Stato.
 
Tra le altre misure:
 
- 15 milioni spendibili subito per la connettività wireless nelle scuole secondarie, con priorità per quelle di secondo grado. Gli studenti potranno accedere a materiali didattici e contenuti digitali in modo rapido e senza costi;
 
- 3 milioni per il 2014 per finanziare progetti didattici nei musei, nei siti di interesse storico, culturale e archeologico o nelle istituzioni culturali e scientifiche;
 
- 10 milioni nel 2014 per l’accesso gratuito del personale docente di ruolo e con contratto a termine della scuola nei musei statali e nei siti di interesse archeologico, storico e culturale;
 
“Dopo anni di sacrifici, di ‘tagli alla cieca’, come ci ha ricordato anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, questo decreto restituisce finalmente risorse e centralità al mondo dell'Istruzione. Sono orgogliosa del lavoro fatto, anche nel passaggio in Parlamento, dove sono arrivati miglioramenti e proposte sulle quali mi impegno a proseguire il confronto”.
 
Lo ha detto il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, in occasione dell’approvazione in Parlamento del Decreto “L’Istruzione riparte”. “Ora - ha aggiunto Carrozza - occorre portare a termine il lavoro avviato con questo primo importante passo avanti, per arrivare ad una vera riforma del nostro sistema, che porti definitivamente l’Istruzione, l’Università e la Ricerca al centro della risposta alla crisi che il nostro Paese sta attraversando”.


Quasi in contemporanea, il Ministro Carrozza ha firmato il Decreto che assegna alle Regioni i primi 150 milioni di euro per interventi urgenti per la riqualificazione e la messa in sicurezza delle scuole statali.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui