Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come funziona la detrazione 90% dell’assicurazione
PROFESSIONE

L’obbligo di Pos per i professionisti frutterà 2 miliardi alle banche

di Rossella Calabrese

L’analisi dei Consulenti del Lavoro. Ingegneri e architetti chiedono da mesi l’eliminazione dell’obbligo, che scatterà il 1° gennaio 2014

Vedi Aggiornamento del 23/05/2014
Commenti 40783
20/11/2013 - L’introduzione dell’obbligo di Pos per gli studi professionali, dal 1° gennaio 2014, frutterà alle banche un utile di oltre due miliardi di euro all'anno.
 
È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, che ha analizzato i dati macroeconomici dei movimenti bancari medi in questi ultimi anni, definendo il dato “sconfortante nel momento in cui si parla di spending review e diminuzione dei costi ad ogni livello”.
 
In Italia le imprese si attestano su circa 5 milioni di soggetti - spiega il Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro - che in un anno spendono mediamente 7 mila euro per servizi professionali, con un volume di transazioni pari a circa 35 miliardi di euro. Applicando il 3% medio di commissione bancaria sui pagamenti si arriva a oltre 1 milione di euro in più di incassi per le Banche.
 
I professionisti ordinistici - prosegue il comunicato - sono 2.300.000 che dovrebbero dunque installare un Pos con due costi ulteriori: 150 euro circa per il rilascio del bancomat (pari a circa 350 milioni) e altrettanti per il canone. “Insomma - affermano i Consulenti del Lavoro - un regalo da oltre 2 miliardi di euro per il sistema bancario”.
 
Ma c’è di più. Cosi come è strutturata la norma (introdotta dal Decreto Sviluppo bis) - prosegue la nota - i professionisti dovranno accettare solo bancomat, escludendo quindi le carte di credito, che invece avrebbero potuto essere più utili per i pagamenti delle fatture, visto che non hanno limiti giornalieri di utilizzo. Oggi il 90% delle transazioni tra professionisti e clienti avviene tramite bonifico ovvero assegno bancario; anche alla luce del limite di utilizzo del contante esistente in Italia.
 
I Consulenti del Lavoro concludono ricordando che non si sa “se e come questa norma entrerà in vigore”, visto che ad oggi mancano i previsti decreti attuativi del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che dovranno definire modalità, procedure e limiti per l’applicazione dell’obbligo di Pos ma, soprattutto, dovranno indicare le sanzioni per chi non si mette in regola.
 
Secondo i Consulenti del Lavoro, l’obbligatorietà del Pos “non è idonea a combattere l’evasione, ma servirà esclusivamente a creare maggiori difficoltà e costi diretti e indiretti per professionisti, imprese e cittadini, in un momento in cui semplificare e ridurre i costi è fondamentale. Ma principalmente creerà un grande business per gli Istituti di Credito”.
 
Ricordiamo che moltissimi professionisti si sono dichiarati contrari all’obbligo di Pos fin dal primo momento.
 
I primi a chiedere al Governo di essere esclusi dall’obbligo di Pos sono stati gli Architetti, sostenendo che “le attività professionali prevedono pagamenti normalmente superiori ai massimali delle carte di debito” e che quindi la categoria sarebbe gravata dai soli costi fissi per l’attivazione e la gestione del Pos, a fronte di un suo totale inutilizzo.

Nettamente contrari all’obbligo anche il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, secondo cui “la norma impone un ulteriore balzello a carico dei professionisti e non ha nessuna finalità di lotta all’evasione e al sommerso, in quanto la quasi totalità delle prestazioni professionali ha una soglia di valore superiore ai 1000 euro, oltre la quale già ora tutti i pagamenti devono essere tracciabili e quindi fatti con sistemi di pagamento quali assegni o bonifici”. Il Cni ha calcolato che il nuovo obbligo complessivamente costerà agli ingegneri 60 milioni di euro, cifra che si trasformerà “da reddito dei professionisti a rendita per le banche”.
 
Da ultimo InarSind, il Sindacato degli Architetti e degli Ingegneri liberi Professionisti, ha chiesto l’eliminazione dell’obbligo di Pos “che, per la tipologia dei pagamenti dei professionisti tecnici, appare del tutto ingiustificato e poco si concilia con importi delle prestazioni professionali normalmente superiori ai 1.000 euro per i quali è possibile utilizzare bonifici ed assegni, sistemi di pagamento di per sé tracciabili”.


Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
rigolo71

maledetti boiardi servi delle banche e dei poteri forti. Per non scadere evito di condire il tutto con ciò che realmente penso. Però concordo: siamo governati da deficienti!

thumb profile
pippis1981

Il titolo dell'articolo è sbagliato: questa storia non frutterà una lira alle banche perché NESSUN professionista metterà una cosa tanto assurda come il POS. Io MI RIFIUTO di metterlo, non sono un commerciante né un medico, sono un LIBERO PROFESSIONISTA INGEGNERE e svolgo una professione intellettuale: non VENDO nulla, perdio.

thumb profile
Alessandro

E' la solita schifezza, come quando è stato imposto il conto corrente per lo studio del professionista, l'obbligo del computer per effettuare le operazioni con la pubblica amministrazione e ora i pos per far guadagnare le Banche poverine. Ma se le operazioni con le banca le faccio on line perchè caricano il conto corrente con le spese come se le operazioni le facesse un impiegato alla cassa, sono io il cassiere di me stesso, quindi lo stipendio dell'impiegato lo dovrebbero dare a me. Comunque è la classica genialata di chi spalleggia le banche e non gli italiani.

thumb profile
Rens

io non farò nessun POS del c...o, nemmeno se il canone fosse compreso nel conto corrente di una banca, è inutile e serve solo a far guadagnare le banche....non siamo degli squallidi commercianti....ribelliamoci una volta tanto.....

thumb profile
davide.m

La legge prevede "sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito" parla di accettare, e non obbligare al pagamento con pos, comunque farsi pagare le parcelle con un limite di pos di € 250/300 E' IMPOSSIBILE...CHE PARCELLE SONO????OPPURE DOBBIARE FARE 20 FATTURE PER UN UNICA PRESTAZIONE????

thumb profile
ottavio

.... quando berlusconi andrà in galera, quando la cancellieri si dimetterà, quando i politici si dimezzeranno lo stipendio e si pagheranno le spese come faccio io, quando i politici incominceranno a lavorare e non saranno gli "amici di", quando chi fa le leggi userà "grano salis" o, se non ce l'ha, avrà la modestia di guardare ciò che di buono fanno già altri, quando i presidenti del consiglio penseranno alla "res publica" e non all'interesse di amici e parenti, quando ......ALLORA, MA SOLO ALLORA, MI DOTERO' DI POS

thumb profile
gian

ma lo sanno questi deficienti quanto è difficile farsi pagare oggi dalle amministrazioni pubbliche? io lavoro solo coni comumni, che ti fanno passare anche due o tre anni prima di pagarti, e devo munirmi di pos ? Abbiamo dei DEFICIENTI al governo.

thumb profile
Michael

Prima dell'obbligo del POS io ho l'obbligo di campare! ...Con molta nonchalance me ne frego altamente...

thumb profile
Francesco

assicurazione rc obbligatoria, aggiornamento continuo obbligatorio, pos obbligatorio, cosa altro ci aspetta?

thumb profile
Leonardo

Una sola cosa vi dico, martedì scorso ho aperto la mia piccola attività in slovenia e giorno dopo giorno mi rendo conto che la mia scelta è stata obbligata da uno stato che non esiste, da un governo che non sa più cosa inventarsi per fotterci tutti i giorni un euro in più.....Adios italia

thumb profile
domenico

E' uno scandalo ! Questoi governi , forti con i deboli e debole con i forti ha davvero stancato . Qui tutti cominciano a pensare dapprima all disobbedienza civile e poi ad altre azioni che è facile immaginare , ma che è meglio non dire , ma il Governo che fino ad oggi ha comprato le coscienze dei più con i soldi dello stato non può pensare di continuare a pensare di poter vessare i cittadini senza che accadano eventi spiacevoli ed una reazione che sarà tanto più violenta quanto maggiore sarà la vessazione oltre ogni ragionevole dubbio. Al Governo non è possibile che sfugga il fatto che chi paga sono sempre gli stessi , ossia gli onesti e che coloro che non pagano continueranno a non pagare . Ma gli onesti sono ormai stanchi e sono ormai maturi per organizzarsi contro uno stato avido che non limita in alcun modo i benefit dei protetti e continua a vessare gli onesti . La reazione ci sarà e sarà violente !!

thumb profile
giovaldo

chi ha scritto questa norma ha della merda nel cervello, preoccupa che la merda ultimamente nel cervello ce l'hanno tutti i politici, che dovremo mandare a casa, andate a lavorare toglietevi dalle p.........

thumb profile
Maurizio

Perché non ci dite il nome cognome della testa di rapa che ha inserito nel Decreto Sviluppo una disposizione così demenziale e vessatoria almeno potremmo sapere a chi inviare le nostre quotidiane maledizioni. gli imbecilli restano sempre anonimi così possono fare danno senza assumersese la responsabilità.

thumb profile
Francesco

Sono un architetto e farsi pagare quel poco lavoro che si trova in questo periodo e' un impresa. Ma cosa ci faccio con il pos? Ci raccolgo la polvere. Chi scrive tali norme e' un idiota si un vero idiota, non c'è lavoro quasi tutti i compagni di università sono tornati ad utilizzare la propria casa come studio in quanto non possono più permettersi neanche una stanza in affitto. imbecilli imbecilli e idioti. Non sono questi i problemi.

thumb profile
matte

Il pos non lo metteremo, vedano loro se perdere tempo con leggi e decreti. Quando i clienti ne sentiranno la neccessità ne riparleremo. Quando i politici vorranno lavorare un pochino, si concentrino sull'eliminazione di un pò di "carta" invece che creare altri intoppi.

thumb profile
pippips1981

Cari colleghi, indico qui un concorso a premi: Scoviamo il POLITICO DI MMMM3ERDA che ha un interesse privato in qualche azienda che produce POS, e sputtaniamolo in rete, sui social network etc: il potere di internet è anche questo, un tag su facebook o twitter può diventare virale e sputtanare un politico per sempre, tipo il mitico "la casa a mia insaputa" di scajola..

thumb profile
pippis1981

Io il POS non lo metterò mai: collaboro con un grande studio che mi paga con bonigfico tutti i mesi, ho pochi e sparsi clienti privati, nessuno dei quali vive nella mia città: che faccio, pago loro il treno, l'aereo o l'autostrada+benzina per venire a casa mia a strisciarmi il bancomat nel POS?! Poliutici di mmmm3rda, provate apensare ai professinisti come a esponenti di una professione e non come salumieri o limoni da torchiare per fare poacere ai vostri amici di mmmm3erda come voi (banche, assicurazioni, enti delal formazione etc)!!!

thumb profile
bruno

Io la penso così e tu? http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&frm=1&source=web&cd=1&cad=rja&sqi=2&ved=0CDEQtwIwAA&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3Dty-XfJ1-7-w&ei=zQySUuGnC8rY7Ab0u4GwCQ&usg=AFQjCNHT3ub2qkoQwA4aRB2MN-TmEN1-iw&sig2=--VsRX5LWKU3N8GquP-HKg&bvm=bv.56988011,d.bGE

thumb profile
Bruno

Un'altra tangente da pagare alle banche che non si "abboffano" mai.

thumb profile
claudio

ma questi geni da 14'000€. al mese si sono mai domandati quanti clienti pagano in contanti (quando pagano) il tecnico presso il suo studio? con tutti i problemi di sopravvivenza che abbiamo (tra Inarcassa aumentata del 50%, assicurazione obbligatoria, aumento del carico di responsabilità con la scusa della falsa semplificazione) mi pare una presa per il POS-teriore...

thumb profile
Giacomo

Io neppure lo metterò

thumb profile
CLAUDIO

UN ULTERIORE REGALO ALLE BANCHE; DEL RESTO I GOVERNI SONO UN'EMANAZIONE DELLE BANCHE. SI DEVE ELIMINARE QUESTA ULTERIORE "MAZZETTA" ALLE BANCHE

thumb profile
rikii72

Pos? come l'assicurazione obbligatoria. Un modo alternativo per pagare nuove tasse.

thumb profile
Giovanni

Se una volta tanto ingegneri ed architetti fossero solidali tra loro e si rifiutassero in massa di mettere il POS, cosa farebbe lo Stato ? Sospendebbe tutti gli architetti e gli ingegneri disubbidienti dagli Ordini professionali ? Dubito. Bisognerebbe pertanto comportarsi come i sindacati dei dipendenti pubblici: tocchi un dipendente, scendono compatti in piazza. A fronte di una domanda nel merito del perché non si vogliono mai toccare i dipendenti pubblici, questa è stata la risposta di un amico senatore.

thumb profile
Domenico

Qui in "ItaGlia" solo le cose che convengono a loro sono cose che ci chiede l'Europa, tipo assicurazione, pos, etc. Quelle che convengono a noi invece possono rimanere nel dimenticatoio, magari anche pagando sanzioni all'Europa.....

thumb profile
Ing. Luigi P.

D'accordo con Luca ... non aggiungo altro altrimenti altro che parolacce ...

thumb profile
Luca

Abolire la possibilità di svolgere la professione per gli insegnanti ingegneri, architetti, geometri, periti ecc... Scegliere come fanno i medici. Poi compro il POS !!

thumb profile
Giovanni

Io non farò mai l'assicurazione e non installerò il pos nel mio studio. Mangia soldi goveroi e banche!!!! Il popolo lo pja ner cu...

thumb profile
Pierugo

Ma ragazzi, è inutile iniziare con la solita solfa di parolacce. Almeno in questo caso sono strasicuro che tutto andrà a donnine. Come qualcuno giustamente scrive, non ci sarà nessuno che lo acquisterà. Né i piccoli professionisti che sono soffocati da tanti oneri e dazi, né le società di ingegneria che lavorano su importi molto elevati e con clienti che molto difficilmente pagheranno con il bancomat. E' solo una str*** ideata da qualcuno poco competente che ha erroneamente comparato i professionisti con i commercianti (il paragone sta solo negli importi mediamente pagati per un prodotto o un servizio venduto, sia chiaro).

thumb profile
gabriele

le banche possono anche iniziare a contare i loro soldi ma stavolta non incasseranno un euro, non esiste una persona che lo acquisterà. è persino imbarazzante che al ministero ci sia chi pnsa a queste cose come azioni realmente fattibili. patetici, non esiste altra parola per descriverli

thumb profile
Giusy

Da noi in Banca Carime il pos è incluso nel canone mensile del conto corrente, e il prezzo non è 150 euro. Www.quiubi.it

thumb profile
Massimiliano

Ma poi volevo sapere...ma l'ORDINE DEGLI INGEGNERI DI MILANO a cui ogni anno pago l'obolo ma NON MI DA NESSUN SERVIZIO...ma cosa fa!!! dormite!!!??? svegliatevi e DIFENDETE I DIRITTI DEGLI INGEGNERI! O SIETE COME GLI ALTRI prendete solo i soldi ma nadate a bip bip bip bip bip bip

thumb profile
Massimiliano

Io con lo studio a casa composto da una scrivania che tra l'altro non uso perchè sono sempre in giro per cantieri mi spiegate a cosa serve..ma andate a c......

thumb profile
Emanuele

Io non metterò il POS.