Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
NORMATIVA Bonus ristrutturazioni, come funziona la detrazione se varia il numero delle unità immobiliari?
TECNOLOGIE

Tecnologie per la domotica: dal PLC all’Home PLC

di BTicino - Buildingblog

Il Programmable Logic Controller si è trasformato negli anni, adattandosi a diversi settori, tra cui la casa

Vedi Aggiornamento del 19/12/2013
Commenti 10203
14/11/2013 - Nel settore domotico, si parla ormai comunemente di Hplc. Concetto innovativo nato in Italia, Hplc è sinonimo di controllore programmabile per l'Home Automation. Esso è caratterizzato da un sistema di dispositivi sviluppati secondo gli standard industriali, ma con funzioni proprie dell'automazione domestica.
 
Ad esempio, le caratteristiche che contraddistinguono il PLC domotico da quello industriale vanno dal range esteso della tensione di alimentazione (che in campo industriale è normalmente fissata a 24 Vc.c., mentre in ambiente domotico è richiesta una maggiore versatilità), a librerie specifiche per l'automazione di funzioni domotiche ad un’estetica gradevole.
 
I software di programmazione devono fare riferimento agli standard internazionali IEC 61131-3 e comprendere di base almeno i due linguaggi grafici per eccellenza, il Ladder (Schema a contatti) e il Functional Block (Blocchi logici).
 
Un HomePLC può avere più protocolli di comunicazione, ma deve possedere almeno un protocollo aperto, libero e standard. Generalmente, ad esempio, il Modbus RTU nativo in questi apparati permette di utilizzare questi apparati in modo universale. Un HomePLC è tuttavia predisposto per dialogare pressoché con tutti gli standard ‘de facto’ più utilizzati: a fibra ottica, RS485, Ethernet (TCP/IP), Wi-Fi, Power Line.
 
I nuovi HomePLC hanno avuto il merito di introdurre gli standard dell’automazione nella Domotica, dove in precedenza, erano spesso utilizzati prodotti costruiti per l’ambiente industriale e riadattati per l’ambito Domotico: non esisteva di fatto un approccio standardizzato su come implementare le varie funzioni e librerie per questo settore.
 
Recentemente, l’offerta si è arricchita con nuovi controller basati su kernal Linux, dedicati alle aziende e agli sviluppatori software che si vogliono creare le proprie applicazioni senza essere legati a software di terze parti sfruttando velocemente l’hardware standard dei sistemi HomePLC.
 
Il mondo degli HomePLC deriva quindi concettualmente da quello dei PLC industriali, con l'importante differenza che in ambito residenziale si è passati in genere all'uso di un bus di campo (cioè di un cavo steso all'interno dell'impianto per garantire la comunicazione tra i componenti) per la trasmissione dei dati.
 
 
Fonte: BTicino - www.buildingblog.it
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui