Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, apre oggi la prima fiera online dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, apre oggi la prima fiera online dell’edilizia
URBANISTICA

Fondo da 45 milioni di euro e tempi rapidi per costruire nuovi stadi

di Rossella Calabrese

Emendamento al ddl Stabilità: semplificazioni per realizzare impianti sportivi e altre strutture di qualunque tipo

Vedi Aggiornamento del 10/11/2014
Commenti 11053
22/11/2013 - Realizzare nuovi impianti sportivi e ristrutturare quelli esistenti, con procedure semplificate e tempi rapidi, grazie a 45 milioni di euro di fondi pubblici e a risorse private.
 
È questo, in sintesi, il contenuto di un emendamento alla Legge di Stabilità 2014 presentato dal Governo.
 
L’emendamento prevede uno stanziamento di 45 milioni di euro (10 nel 2014, 15 nel 2015 e 20 nel 2016) per la sicurezza strutturale e funzionale, la fruibilità, lo sviluppo e l’ammodernamento degli impianti sportivi, e delinea una procedura semplificata e modalità di finanziamento innovative.
 
Tutto parte da un soggetto privato che presenta al Comune uno studio di fattibilità e un piano economico-finanziario del progetto. L’intervento - si legge nell’emendamento - può prevedere “uno o più impianti sportivi nonchè insediamenti edilizi o interventi urbanistici di qualunque ambito o destinazione, anche non contigui agli impianti sportivi, che risultano funzionali al raggiungimento del complessivo equilibrio economico-finanziario dell'intervento e concorrenti alla valorizzazione in termini sociali, occupazionali ed economici del territorio di riferimento”.
 
Poche righe che aprono enormi possibilità per gli investitori. “Insediamenti edilizi e interventi urbanistici di qualunque ambito o destinazione, anche non contigui agli impianti sportivi” può significare cinema, ristoranti, centri commerciali, ecc. anche in aree vicine ma non adiacenti agli impianti stessi.
 
L’emendamento prevede tempi di approvazione molto stretti: il soggetto interessato presenta al Comune lo studio di fattibilità e il piano economico-finanziario; nel giro di 3 mesi dalla presentazione della proposta progettuale il Comune ne dichiara il pubblico interesse, dopodichè il proponente presenta il progetto definitivo (e l’accordo con la società sportiva che gestirà la struttura), che il Comune approva entro 4 mesi (più 2 mesi se sono necessari la VIA e l’assenso della Regione). Il provvedimento finale vale come dichiarazione di pubblica utilità.
 
In caso di inerzia degli Enti locali, per gli impianti sotto i 4.000 posti al coperto e sotto i 20.000 all’aperto, il Presidente del Consiglio dei Ministri nomina un Commissario, mentre per gli impianti oltre i 4.000 posti al coperto e oltre i 20.000 all’aperto, interviene direttamente il Presidente del Consiglio dei Ministri.
 
Se l’impianto deve essere realizzato su aree pubbliche o l’intervento riguarda impianti esistenti di proprietà pubblica, si procede con una gara d’appalto alla quale è invitato anche il soggetto proponente, che ha il diritto di prelazione sul progetto.
 
I commenti
Contro la proposta si è espresso il deputato PD Roberto Morassut, secondo il quale “si delinea in sostanza una procedura specialissima che lede il ruolo autonomo delle Regioni e dei Comuni in materia urbanistica toccando persino aspetti di carattere costituzionale. Una procedura specialissima quasi di emergenza per gli stadi. E perché non per ospedali e carceri? Mi domando come una tale norma possa essere stata concepita”.
 
“In questi giorni l’ennesimo disastro climatico ambientale ci richiama alla vera emergenza che non sono gli stadi ma una politica di governo del territorio. Questa norma e di fatto una spinta al consumo di nuovo suolo senza nessuna visione organica di sviluppo equilibrato del territorio. Anche per questo l’iniziativa è contraddittoria e inopportuna e andrebbe ritirata” conclude Morassut.
 
Per l’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), “l’emendamento, che dovrebbe regolamentare la costruzione dei nuovi stadi e dei nuovi impianti sportivi in generale, non è solo sbagliato, è pericoloso. Esso segnerebbe un arretramento grave della cultura paesaggistica e un ulteriore attacco alla tutela del territorio nel nostro Paese”. La disposizione - sostiene l’INU - “è talmente vaga e fumosa che darebbe di fatto il via libera a qualsiasi tipo di intervento edilizio sul territorio, aprendo la strada all'annullamento delle condizioni e delle previsioni dei piani urbanistici, preposti alla difesa dei suoli e all'equilibrio insediativo”.
 
“A volte ritornano: per l’ennesima volta una lobby legata ai costruttori utilizza in modo assai improprio una norma di finanza pubblica per riproporre un emendamento che utilizza la necessità di rinnovare gli impianti sportivi come un cavallo di Troia per interessi speculativi”. È il commento di Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera.

“Con la motivazione condivisibile di ammodernare gli impianti e favorire lo sport  prosegue -Realacci - si propongono cubature di tutti i tipi, nuovi appartamenti e possibili aggiramenti delle norme esistenti, inclusi i vincoli ambientali e idrogeologici. E paradossalmente di tale emendamento si parla anche oggi, giornata di lutto nazionale per la tragedia sarda, che deriva anche da un cattivo uso del suolo ed da una sregolata cementificazione del territorio”.
 
La norma era stata annunciata dal premier Enrico Letta una decina di giorni fa al Consiglio nazionale del Coni. “La forza del nostro Paese - aveva detto Letta - è la diffusione della pratica sportiva, e gli impianti ci servono per essere più competitivi in vista degli impegni del futuro”, anche alla luce della eventuale candidatura italiana a ospitare i Giochi Olimpici del 2024, vista con favore dal Governo.

Non è la prima volta che si tenta di liberalizzare la costruzione di nuovi stadi e di associare a questo tipo di interventi operazioni urbanistiche più ampie e complesse. Nel 2009 è stato presentato un disegno di legge con contenuti analoghi all’emendamento di oggi. Nel 2010 una nuova proposta di legge ha intrapreso l’iter in Parlamento. Dopo uno stop di un anno e mezzo, nel 2012 il testo ha ottenuto il via libera della Camera, per poi arenarsi in Senato.
 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Alberto

Spero che chi ha votato queste m..de si svegli e apra gli occhi. Non è vero che sono tutti uguali. 5 stelle ha nel proprio programma il reddito di cittadinanza e il no alle grandi opere inutili. Inutile lamentarsi dei colpi di testa dei partiti se poi non si dà forza a chi vuole opporsi a questi scempi. SVEGLIAAAAAAAAAAA!

thumb profile
Giacomo

Concordo con Abramo. I costi dei nuovi stadi, della ristrutturazione degli esistenti e della gestione dell'ordine pubblico che se li paghino le società calcistiche. Sono società che muvono milioni e che strapagnao i calciatori professionisti, con sponsor vari al seguito, diritti tv, etc... perchè far gravare questi costi ancora sulla collettività? Come se non ci fossero opere pubbliche bisognose di intervento...

thumb profile
Abramo

45 milioni per nuovi stadi? Dove tantissimi tifosi vanno per distruggere e non per seguire la partita? Perchè non pensiamo alla manutenzione delle strade che sono un bene di tutti, mentre oggi si rischia di spaccare le sospensioni ad ogni buca (voragine). Oggi già paghiamo le forze dell'ordine che ogni Domenica vanno a farsi prendere in giro allo stadio da un ammasso di delinquenti, io li metterei al controllo delle strade, mentre la sicurezza negli stadi a carico della società che ospita l'evento. Sicuramente molti teppisti resterebbero tagliati fuori. Meditate gente, meditate......

thumb profile
Ing. Luigi P.

Mi chiedo ... a chi devono ingrassare stavolta ??? Sicuramente qualche altra sfilza di mega imprese di costruzioni e di megastudi ... inutile dire poi che questa mega imprese daranno lavoro ai + piccoli, perchè è vero ... ma sappiamo tutti a che prezzi ... quindi ... Non era meglio stanziare questi soldi per sovvenzionare zone ERS e similari ... almeno con questa voglia che hanno le banche di dare i mutui si potrebbe dare spazio a chi vuole ma non può accedere ai normali prezzi di mercato (che cmq sono già bassi vista la profonda crisi) ... Bhà ... sempre lo stesso motto ... Poveri noi !!!