Carrello 0
AZIENDE

Antoniolli e CTE: un accordo da 30 piattaforme aeree

Il noleggiatore friulano stringe un accordo di acquisto di piattaforme autocarrate articolate CTE e semoventi Genie

04/12/2013 - Antoniolli Srl è un’azienda presente sul mercato da sessant'anni, specializzata nella produzione di contenitori metallici, costruzioni metalliche ad uso industriale e noleggio/vendita di autogru e piattaforme aeree. Recentemente ha attuato un’espansione sul territorio nazionale partendo dal quartier generale di Pordenone per arrivare fino alle Marche e all’Emilia Romagna, con l’apertura di nuovi punti noleggio.

Cliente di CTE dal 2009, ha stretto in questi giorni un maxi accordo commerciale per la fornitura di 30 piattaforme aeree. L’ordine programmato prevede la consegna di 21 piattaforme autocarrate articolate ZED 20.2 H ed inoltre 9 semoventi Genie ricondizionati.

“Abbiamo deciso di aprire una nuova collaborazione con l’Emilia e le Marche, territori in cui crediamo sia strategico investire” spiega Sannio Antoniolli, titolare di Antoniolli Srl. “Inoltre, volevamo consolidare ulteriormente il rapporto con CTE, produttore con cui collaboriamo da diversi anni. Il 90% della nostra flotta di piattaforme autocarrate è a marchio CTE, quindi con questi nuovi acquisti abbiamo perseguito l’obiettivo di uniformare la nostra flotta. Abbiamo scelto piattaforme con 20 m di altezza di lavoro perché sono le più richieste dal mercato del noleggio, oltre che per il successo riscontrato dalla stabilizzazione da H. Ora attendiamo che il mercato ci dia le soddisfazioni che auspichiamo”.

ZED 20.2 H è uno dei modelli di punta di CTE: presentata sul mercato lo scorso anno, raggiunge 20 m di altezza di lavoro, 9,2 m di sbraccio e una portata massima di 300 kg. La stabilizzazione è ad H e a bielle (un sistema brevettato da CTE che garantisce la fuoriuscita della trave e dello stabilizzatore in un unico movimento, senza ausilio di martinetti e di cilindri) e consente di avvicinarsi ai marciapiedi ed evitare lo strisciamento degli stabilizzatori. Si rivela quindi perfetta in tutte le occasioni in cui si deve operare in spazi ristretti come i centri città, le aeree verdi, le strade. Questo tipo di stabilizzazione garantisce inoltre un’escursione dello stabilizzatore per permettere il superamento di ostacoli (ad esempio marciapiedi) fino a 220 mm: ideale per le installazioni di luminarie nei centri città e lungo i marciapiedi, per manutenzione dell’illuminazione pubblica e per le potature.

CTE su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui