Carrello 0
AZIENDE

Autodesk delinea il futuro del Building Information Modeling

19/12/2013 - Nel corso dell’annuale Autodesk University, Autodesk, Inc. ha presentato una serie di nuove tecnologie per il Building Information Modeling (BIM).  Con gli annunci di oggi e numerose altre recenti innovazioni, Autodesk conferma il proprio impegno nel portare i benefici del BIM in tutto il ciclo di vita del processo edilizio per i professionisti dell’AEC (Architecture, Engineering and Construction) nel settore degli edifici e delle infrastrutture. 

“Stiamo espandendo la portata del BIM su più fronti – dalla progettazione concettuale fino alla fase di costruzione. Le innovazioni presentate permettono ai professionisti di passare dalla progettazione di oggetti e dalla semplice rappresentazione delle loro idee in 2D e 3D a una progettazione contestuale, ottimizzando e migliorando la previsione delle prestazioni dei loro progetti”, ha commentato Amar Hanspal, senior vice president of Information Modeling and Platform Products di Autodesk. “Autodesk permette di ottenere maggiore produttività nella progettazione nei settori dell’edilizia, delle infrastrutture e della costruzione, sia in ufficio che in cantiere, il tutto grazie al nostro portfolio di soluzioni desktop, cloud e mobile”. 

Gli annunci di oggi riguardano tutti gli aspetti del processo BIM – dalla progettazione concettuale fino alla costruzione – sia per gli edifici che per le infrastrutture:

- Aggiornamenti Autodesk Dynamo e Autodesk FormIt – per i progettisti di edifici, Autodesk ha presentato importanti aggiornamenti per la progettazione computazionale con l’integrazione di  Autodesk Dynamo e Autodesk DesignScript. Dynamo è un ambiente di programmazione visiva open source per BIM. Può essere utilizzato come singolo prodotto o per estendere le funzionalità parametriche dei prodotti software Autodesk Revit. Autodesk DesignScript è un linguaggio di programmazione unico nel suo genere che permette ai progettisti di creare e analizzare modelli geometrici complessi che potrebbero essere difficilmente modellabili con le tecniche interattive. Oggi, tutto ciò è disponibile in Dynamo, facendo confluire in un’unica soluzione il meglio di entrambe le soluzioni: un’interfaccia utente (UI) chiara e moderna che combina DesignScript con la piena integrazione di Dynamo con Revit. 

Autodesk ha inoltre annunciato che Autodesk FormIt, uno strumento di progettazione concettuale basato su BIM, oggi include un’applicazione basata su web eseguibile su un’ampia scelta di browser per Windows e Mac (attualmente disponibile in versione beta all’indirizzo autodeskformit.com). Su tutte le piattaforme - incluse le precedenti versioni per iPad e Android -  Autodesk FormIt fornisce a architetti e progettisti strumenti semplici da utilizzare per creare, collaborare e condividere le proprie idee progettuali sin dalle fasi iniziali e di portare avanti il proprio processo BIM portando i modelli all’interno di Autodesk Revit. FormIt per iPad è stato aggiornato per trarre pieno beneficio dal sistema operativo iOS 7 e include nuove funzionalità per l’analisi energetica che permettono agli utenti di ottenere informazioni sulle potenziali prestazioni dell’edificio – aspetto particolarmente utile nella fase iniziale del processo BIM e che permette di ridurre il numero di eventuali modifiche successive. Guardando al futuro, Autodesk ha mostrato una nuova funzionalità della famiglia di applicazioni FormIt che permette la collaborazione in tempo reale, e ai progettisti del futuro di accedere contemporaneamente e collaborare su modelli di progettazione, utilizzando l’applicazione Formit preferita. 

- L’acquisizione di Graitec –  Autodesk ha annunciato il completamento dell’acquisizione delle linee di prodotto Advance Steel e Advance Concrete di Graitec e dei relativi dipendenti. Basata sull’attuale portfolio Autodesk per l’ingegneristica strutturale, le linee di prodotto acquisite offrono una soluzione per la modellazione, il dettaglio e la costruzione che supportano i workflow basati su BIM relativi alle strutture in acciaio e cemento armato.* 

- Autodesk Structural Bridge Design – per gli ingegneri e i progettisti di ponti, Autodesk ha recentemente presentato Autodesk Structural Bridge Design. Conseguente all’acquisizione avvenuta in agosto degli asset tecnologici dell’azienda inglese Bestech Systems, questo nuovo software rappresenta una importante innovazione al portfolio Autodesk BIM per le infrastrutture. Autodesk Structural Bridge Design fornisce agli ingegneri massima flessibilità e efficienza nei propri processi di progettazione di ponti di piccole e medie dimensioni, integrando le funzionalità di loading, analisi e controllo dei codici in un unico ambiente. Utilizzando questo approccio unico nel suo genere, possono essere utilizzati dati più consistenti lungo l’intero processo di progettazione di un ponte, permettendo di portare a termine i progetti in modo più veloce e accurato. Per maggiori informazioni sulla soluzione Structural Bridge Design è possibile leggere i relativi blog post.

- L’acquisizione di Azalient Technology – Autodesk ha inoltre annunciato l’acquisizione degli asset tecnologici della società inglese Azalient Ltd. L’acquisizione permette l’evoluzione e l’adozione di workflow di progettazione basati su BIM da parte degli ingegneri e dei pianificatori del traffico che lavorano su progetti stradali, autostrade e progetti ferroviari. La tecnologia di analisi del traffico acquisita permette ai progettisti di simulare le modalità di spostamento dei cittadini – con auto, autobus o treni. Fornisce inoltre strumenti che permettono di prevedere l’esigenza di nuovi progetti infrastrutturali, come gestire nuove richieste e prevedere disagi al traffico durante la costruzione, con l’aggiunta di analisi dei costi e dei benefici di progetti infrastrutturali alternativi. I termini dell’acquisizione non sono stati divulgati. * 

- La collaborazione con Topcon – a seguito di un’ampia collaborazione in essere tra Autodesk e Topcon, le due aziende stanno lavorando insieme per ampliare ulteriormente l’integrazione dei workflow BIM e i layout in campo per ottenere una maggiore prevedibilità, produttività e profittabilità. Autodesk sta sviluppando la nuova app mobile BIM 360 per iPad che semplifica ulteriormente il processo di localizzazione delle coordinate BIM nel cantiere edile. Progettata per gli appaltatori e gli operatori MEP, l’app controlla una stazione totalmente robotizzata – così come il nuovo sistema di posizionamento LN-100 3D di Topcon da poco annunciato – che è in grado di posizionare con precisione punti di controllo nel cantiere edile, e i dati creati possono essere riutilizzati nel modello di progettazione per una qualità garantita. 

Questi annunci seguono numerosi altri importanti investimenti sostenuti da Autodesk negli scorsi mesi per portare il BIM nei settori delle infrastrutture e delle costruzioni. Nell’ambito delle infrastrutture, Autodesk ha recentemente presentato Autodesk InfraWorks 360 Pro, Autodesk Roadway Design per InfraWorks 360 Pro, e Autodesk Vehicle Tracking (a seguito dell’acquisizione degli asset tecnologici di Savoy Computing). Nell’ambito edile, Autodesk BIM 360, una serie di strumenti basati su cloud e accessibili da dispositivi mobile per il coordinamento in fase di pre-costruzione, è stato pesantemente utilizzato durante l’anno scorso. Autodesk conta circa 50 nuovi utenti al giorno per BIM 360 e ha circa 15.000 utenti attivi al mese, una crescita del 65% anno su anno. Autodesk ha numerosi clienti del settore edile che fanno parte delle Top 100 aziende al mondo. Ad esempio, Gilbane Building Company, società appaltatrice tra le Top 25 e azienda di gestione edile tra le  Top 10 in America[1], ha recentemente investito nei servizi web Autodesk BIM 360 Glue e Autodesk BIM 360 Field.

“BIM 360 Glue ci ha permesso di migliorare il nostro flusso di lavoro in cantiere, permettendoci di portare un modello tridimensionale  direttamente sul campo. E il controllo della qualità  è migliorato notevolmente grazie al fatto che possiamo camminare con il modello in mano e vedere come sarà l’edificio prima che venga realmente costruito. In questo modo possiamo identificare in modo più efficace potenziali problemi che potrebbero diventare ancora più seri in cantiere, vedendo più chiaramente come dovrebbe essere costruito l’edificio e utilizzando quel modello costruire correttamente”, ha dichiarato Daniel Raimer, Senior Project Engineer and Quality Manager presso Gilbane Building Company.

“Gli aggiornamenti di prodotto, le innovazioni e le acquisizioni che abbiamo presentato nel corso dell’Autodesk University dimostrano chiaramente il nostro impegno continuo e gli investimenti nell’ampliamento del nostro portfolio BIM per soddisfare le esigenze in continua evoluzione del nostro mercato”, ha aggiunto Hanspal. “Nessun altro fornitore è in grado di fornire lo stesso valore che forniamo a tutto il processo BIM. E con il nuovo anno, continueremo ad impegnarci per ampliare tale vantaggio competitivo”. 

AUTODESK su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati