Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus facciate, pubblicata la Guida aggiornata
NORMATIVA Bonus facciate, pubblicata la Guida aggiornata
NORMATIVA

Federarchitetti: POS facoltativo per gli studi tecnici nel 2014 e 2015

di Rossella Calabrese

La proposta della Federazione per evitare l’ulteriore aggravio di costi per i professionisti

Vedi Aggiornamento del 18/03/2014
Commenti 7999
17/12/2013 - Rendere facoltativo negli anni 2014 e 2015, per i professionisti dell’area tecnica, l’obbligo di installare il POS negli studi. Lo chiede Federarchitetti al Governo.
 
La Federazione motiva le sue richieste spiegando che l’obbligo di POS costituisce un ulteriore aggravio di costi per i professionisti, senza avere effetti tangibili sul controllo della trasparenza fiscale; inoltre, secondo la federazione, manca un sufficiente tempo di sperimentazione del sistema.
 
Nella lettera, Federarchitetti cita il chiarimento della Banca d’Italia, che ha ricordato la volontà del legislatore di promuovere l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico nelle transazioni commerciali, ai fini del contrasto dell’evasione finanziaria e fiscale, e l’evoluzione tecnologica che il mercato offre a tale soluzioni. Bankitalia ha poi sottolineato che, oltre al POS, rimane ammessa la possibilità di accettare pagamenti con le altre modalità attualmente correnti.
 
Inoltre, Federarchitetti chiede di mettere in campo reali misure di contrasto ai rapporti professionali illegali, denunciati dal recente Rapporto della Guardia di Finanza, adottando le soluzioni proposte dalla Federazione stessa, come la mobilità dei dirigenti, le centrali di committenza regionali e procedure di affidamento unificate.
 
Infine, Federarchitetti invita la politica a promuovere un tavolo congiunto tra le componenti sindacali ed ordinistiche delle professioni tecniche, per individuare le priorità necessarie ad immediate riforme e per dare riscontro ai problemi che hanno determinato la profonda crisi del settore, con tutte le gravi implicazioni per la collettività.
 
 
Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Maximo F Consolini

Ma qualcuno ha mai considerato l'entità dei pagamenti e come vengono regolati? E come gestire i limiti d'importo della singola transazione? ahhhhh ........... la semplificazione

thumb profile
pippis1981

Il POS è un ladrocinio di stato, esattamente come la formazione continua A PAGAMENTO. Datemela gratis la formazione continua, oppure lasciatemi lavorare in pace, ché ad aggiornarmi quando neo ho bisogno pensao io. Fate piuttosto una legge che obblighi i clienti a pagare subito e non dopo due anni: io sto ancora aspettando 1400 da aprile 2013 dal sig. P. , 2000 euro da agosto 2013 dal sig. G.M, 500 euro da luglio 2012 dalla sig.ra S.S., 1000 euro da dic 2012 da F.M. , 1500 da marzo 2013 da G.I e sua moglie S.G...... Per tacere di C.C.che mi doveva 800 e mi ha già detto che non ce li ha e non me li darà, da L.N. e R.P. che dopo due anni che gli seguo varie pratiche vogliono liquidarmi con 250 euro (sì duecentocinquanta) perché hanno finito i soldi ..... A questo lo stato non dice che è obbligatorio che mi paghino? Eil sig. V. che è sparito dopo avermi chiesto un progetto preliminare con computo metrico esecutivo annesso, ovviamente MAI pagato? Che gli dice lo stato, che può scegleire di pagare col POS oppure di non pagarmi affatto? E V.F. che mi ha fatto fare progetto, disegni, computo del consolidamento di casa sua e poi è sparito nel nulla cambiando persino numero di telefono?