Carrello 0
NORMATIVA

Via libera del Governo alla legge contro il consumo di suolo

di Paola Mammarella

Nel testo anche il risanamento dei centri storici, Ministro Orlando: necessario ora incentivare il recupero del patrimonio edilizio

Vedi Aggiornamento del 21/01/2015
13/12/2013 – Costruire solo riutilizzando il patrimonio esistente. È questo il must del disegno di legge sul contenimento del consumo di suolo e riuso del suolo edificato, approvato in Consiglio dei Ministri.
 
Come spiegato dal Ministro per le Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo, e dal Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, la norma cerca di ottenere un risparmio di suolo ripristinando un equilibrio tra l’eccessiva cementificazione, che aggrava il dissesto idrogeologico, e la scarsità di terreni destinati all’agricoltura.
 
Per questo motivo la norma prevede che i terreni che usufruiscono di aiuti di Stato potranno essere utilizzati solo per uso agricolo, mentre saranno concessi incentivi agli interventi di recupero del patrimonio rurale. Allo stesso tempo, il ddl definisce come agricoli tutti i suoli destinati all’agricoltura, a prescindere dal fatto che vengano realmente coltivati.
 
Il ddl prevede inoltre il risanamento di complessi edilizi situati nei centri storici e interventi di qualificazione dell'ambiente e del paesaggio che abbiano come obiettivo anche la messa in sicurezza delle aree esposte a rischio idrogeologico, soprattutto di quelle più esposte a eventi meteorologici estremi.
 
Per controllare il rispetto della norma, sarà istituito un Comitato interministeriale col compito di monitorare il consumo di superficie agricola e realizzare ogni anno un rapporto a livello nazionale. Al Ministero delle Politiche agricole sarà inoltre istituito un registro dei Comuni virtuosi, che al consumo di suolo preferiranno il riuso.
 
Secondo il Ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, il decreto rappresenta un cambio di mentalità verso un'edilizia di riuso e rigenerazione, che possa far muovere l'economia senza un ulteriore impatto sull'ambiente e sulle attività agricole.
 
Per il Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, la norma apre a uno scenario in cui si potrà costruire solo se prima si dimostra che si è riutilizzato il patrimonio esistente. Attorno a questo paletto il Ministro Orlando prevede una serie di interventi per incentivare realmente e rendere convenienti gli interventi di recupero.

Giudizio positivo anche dal Cnappc, Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, che ora spera in un’accelerazione sulle politiche di rigenerazione urbana sostenibile.

Ricordiamo che la prima versione del ddl sul risparmio di suolo è stata approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso giugno. Secondo le Regioni, il testo presentava però una scarsa visione di insieme e non rispettava le competenze legislative regionali, che avrebbero potuto bloccare gli strumenti urbanistici vigenti.


Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
arch. A.P.

"recupero centri storici":forse sarebbe il caso di renderlo noto anche a quegli apparati ottocenteschi che si chiamano Soprintendenze, presieduti dai quei donchisciotte della storia che con la storia non sanno/vogliono confrontarsi! se fossero esistiti nel '400 altro che Leon Battista Alberti, altro che Venezia: palafitte e capanne.

thumb profile
Ing. Luigi P.

Da notare, riporto testualmente "Per controllare il rispetto della norma, sarà istituito un Comitato interministeriale col compito di monitorare il consumo di superficie agricola e realizzare ogni anno un rapporto a livello nazionale. Al Ministero delle Politiche agricole sarà inoltre istituito un registro dei Comuni virtuosi, che al consumo di suolo preferiranno il riuso." Chiaro, per una legge che serve a poco quanto nulla, perchè se solo ammettessero di poter far costruire case al posto degli attuali tetti dei palazzi (cosa che cmq si fa in barba ad ogni legge e normativa), senza sottostare a quelle 4 frasi del c.c. sulle parti comuni ... si metterebbe in moto una macchina senza fine, a costi + contenuti, senza far fare le mega ville in zona agricola (sostituiti dai mega attici che potrebbero sorgere con la metodologia che ho detto prima) ... invece no, creiamo commissioni, comitati, registri ... tanto gli stipendi mica li pagano loro ...


x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati