Carrello 0
URBANISTICA

Decreto Fare, Inu: ‘no alle modifiche della sagoma degli edifici’

di Rossella Calabrese

Si rischia ‘un attentato alla storia edilizia dell’Italia, alle forme delle sue città e dei suoi paesi’

Vedi Aggiornamento del 05/11/2018
19/07/2013 - Forte contrarietà è stata espressa dall’Istituto Nazionale di Urbanistica per la novità normativa che consente di modificare la sagoma degli edifici sottoposti a ristrutturazione edilizia.
 
L’INU, pur apprezzando le semplificazioni in materia edilizia contenute nel Decreto del Fare (DL 69/2013), ricorda che, attualmente, gli interventi di ristrutturazione edilizia comprendono la demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali a quello preesistente, fatte salve le innovazioni necessarie per l’adeguamento antisismico.
 
“Eliminando la parola ‘sagoma’ dal significato originario di Ristrutturazione Edilizia - affermano gli urbanisti - questa finirà per inglobare anche la demolizione e la ricostruzione di un edificio del tutto nuovo e, paradossalmente, anche a portare fuori terra i volumi che attualmente sono sotto terra”.
 
Qualora questo avvenisse, l’Inu teme “un attentato alla storia edilizia dell’Italia, alle forme delle sue città e dei suoi paesi, alla sua cultura materiale e immateriale che tanto contraddistinguono il paesaggio urbano italiano e, in fin dei conti, anche allo stesso paesaggio territoriale”. Inoltre, secondo l’Inu, si metterebbe immediatamente in crisi la pianificazione urbanistica vigente, con incalcolabili ricadute a catena nella gestione degli insediamenti.
 
L’Inu ricorda che da sempre la pianificazione urbanistica ricorre alla ristrutturazione edilizia come massimo intervento consentito quando ha bisogno di scongiurare la demolizione di immobili di interesse storico, architettonico o testimoniale, consentendo la demolizione e ricostruzione a parità di volume solo per edifici o tessuti insediativi privi di valori storici e ambientali.
 
L’Inu chiede a tutte le forze culturali, a quelle sociali e a quelle economiche di mobilitarsi per scongiurare una possibilità di trasformazione dagli effetti incontrollabili per paesaggio urbano italiano.
 
Un parere, quello dell’Inu, diametralmente opposto a quello del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, secondo il quale la possibilità di modificare la ‘sagoma’ degli edifici nella ristrutturazione edilizia “rende possibile la rigenerazione urbana sostenibile” (leggi tutto).
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Mario

Regolamenti su regolamenti, assurdità su assurdità ,artisti del teorico, ma che NON hanno mai lavorato a fare l'archietto.! Leggi e regolamenti fatti e gestiti purtroppo sempre da altri architetti super burocrati anzi burosauri, che colpiti dal virus solo italiano di mettere continuamente paletti su paletti, contro chi si dedica alla professione con amore, ed ora la vede snaturata da una miriade di mezze maniche che con le loro regole alla fine non hanno risolto nulla, perché i cattivi esempi li vediamo tutti i giorni, anche da grandi nomi. Fate un passo indietro che di regole ce ne sono anche troppe e fanno solo confusione, come quella che avete in testa voi burocrati, basta diamoci un taglio. cambiate mestiere che la campagna ne ha più bisogno. arch. Mario

thumb profile
gabriele

I N U : siete a dir poco ridicoli, dove eravate mentre le città italiane venivano stuprate da palazzoni giganteschi in periferia ??? eravate negli studi a progettarli !!!!!!!!!!!!!! è ridicolo che voi professionisti antiquati e retrogradi abbiate il coraggio di esprimervi a sfavore di un settore che vede una DISOCCUPAZIONE come mai prima di ora. spero che presto le sovvenzioni che vi tengono in piedi vengano tagliate e inutili enti come voi scompaiano, possibilmente portandosi dietro anche gli ordini professionali. MASSONI TRAVESTITI DA PROFESSIONISTI

thumb profile
Fabrizio

Sono favorevole, ma devono essere esclusi i fabbricati con connotazioni storico architettonica altrimenti si altera in modo irreparabile il patrimonio edilizio italiano.


x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati