Network
Pubblica i tuoi prodotti
AZIENDE

Nuovo stabilimento in Messico per il Gruppo Faber

Commenti 2686
22/01/2014 - Faber sbarca in America. Dopo l’apertura della stabilimento di Pune in India nel 2012, l’azienda che nel 1955 ha dato vita al distretto delle cappe, inaugura oggi 14 gennaio la Faber North America, la nuova sede produttiva San Luis Potosì, tra i centri più industrializzati del Messico. Con 103 dipendenti e una superfice di 12.000 metri quadri, lo stabilimento realizzerà inizialmente cappe di fascia media per poi estendere la produzione a modelli di fascia alta, destinati principalmente al mercato Nord americano.
 
L’investimento, dell’ordine dei 12 milioni di euro, sottolinea la volontà del Gruppo di continuare il processo di internazionalizzazione già intrapreso negli anni ‘80 con l’apertura di 5 sedi produttive all’estero: Argentina, Francia, Svezia, Turchia e India. Già presente sul mercato Usa con un partner commerciale, dal 2014 Faber, secondo produttore mondiale di cappe in termine di volumi, mira a consolidare la propria leadership di settore, presidiando da vicino i singoli  mercati per servirli al meglio. Obiettivo: partendo da un totale di circa 400 mila cappe, arrivare a realizzare 1 milione di pezzi, per presidiare Stati Uniti, Canada, Centro America, e parte del Sud America, con prodotti in linea con le esigenze del mercato locale.
 
“Se finora Faber ha avuto un ruolo marginale in Centro e Nord America, dove eravamo presenti con un ufficio commerciale, spiega Riccardo Remedi, Direttore Commerciale di Faber – questa apertura vuole consolidare la nostra posizione di leadership avvicinandoci alle esigenze del mercato interno locale e gestire direttamente i flussi di domanda e offerta. Cosa che facciamo già dagli anni ‘90 con il mercato Sud americano, servito dallo stabilimento argentino di San Luis Potosi”.
 
Un’operazione strategicamente importante anche per lo stabilimento di Sassoferrato (AN), il centro della produzione alto di gamma destinata per il 90% all’export. Parte della domanda proveniente dal Messico e dal Nord America sarà infatti destinata proprio alla sede italiana, caratterizzata da un elevato standard qualitativo e tecnologico di cui il polo marchigiano detiene ancora il primato grazie al suo elevato grado di know-how.
 
Il piano industriale dell’azienda non guarda infatti soltanto ai mercati emergenti. Dal 2011, Faber ha avviato un piano di investimenti per il biennio 2012-2013, pari a 7 milioni di euro, per potenziare la sede marchigiana sia sul fronte della capacità produttiva sia sul settore Ricerca e Sviluppo e Tecnologia, sempre più importante dal punto di vista strategico, oltre all’introduzione di nuovi modelli ancora più avanzati al fine di conquistare nuovi mercati. Una strategia che sta portando risultati positivi: anche nel 2013 infatti la chiusura si aggira intorno al 2% in più rispetto al 2012. 

FABER su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Crediti Formativi Professionali, li hai conseguiti tutti? Leggi i risultati