Carrello 0
A Torino lo 'Sguardo (In)discreto' di UDA architetti
CASE & INTERNI

A Torino lo 'Sguardo (In)discreto' di UDA architetti

di Cecilia Di Marzo

Una fusione tra noto e ignoto in un delicato equilibrio

27/01/2014 - Un appartamento realizzato da UDA architetti al piano ammezzato di un palazzo affacciato sulla piazza simbolo di Torino, piazza San Carlo, diviene, tramite i suoi spazi e gli arredi in esso disposti, “il teatro aggiornato ai nostri tempi di una rappresentazione di una certa idea della casa borghese, della casa del ceto medio professionale torinese, fatta di rassicurante precisione ingegneresca e sottili inquietudini”.

La pianta caratterizzata da una progressione ad imbuto dal retro fino al salone affacciato sulla piazza, le finestre aperte sulla stessa, connotate dalla forma e dalla dimensione degli “oculi” sulle facciate dei palazzi che ne definiscono il perimetro, la necessità di organizzare gli spazi di relazione delle zone a giorno come aree ed ambienti di maggiore o minore esposizione alla vista dall'esterno diventano gli spunti di partenza per la costruzione di un luogo domestico dal sapore vagamente metafisico.

La casa diventa l'invenzione di un luogo secondo regole precise, come in un romanzo” spiega Valter Camagna “dove i luoghi in esso inventati sono per implicita adesione dei lettori alla narrazione più 'veri' e 'reali' dei luoghi esistenti nel mondo reale, così come dei molti luoghi mitici e simbolici creati dall'uomo”.

 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati