Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
NORMATIVA

La Tasi costerà a imprese e professionisti da uno a 2 miliardi

di Paola Mammarella

Cgia Mestre: anche se la nuova imposta assorbirà la maggiorazione Tares, gli immobili a uso produttivo rischiano di essere i più colpiti

Vedi Aggiornamento del 30/03/2015
Commenti 9681
14/01/2013 – La Tasi, tassa sui servizi indivisibili,  potrebbe costare alle imprese un miliardo di euro se si applicasse l’aliquota base dell’1 per mille. A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano i Comuni, però, è molto probabile un incremento delle aliquote, con un costo ancora maggiore a carico degli immobili produttivi. A tracciare questo quadro è stato uno studio della Cgia Mestre, che a titolo esemplificativo ha delineato i due scenari estremi che potrebbero verificarsi.
 
Aliquota all’1 per mille
Nel primo scenario, la Cgia Mestre ha ipotizzato che venga applicata l’aliquota base dell’1 per mille prevista dalla Legge di Stabilità per il 2014. In questo caso, i capannoni del gruppo D pagherebbero in media 557 euro a testa, gli studi privati circa 192 euro, i laboratori artigianali 79 euro, negozi e botteghe 97 euro. A versare di più sarebbero le banche, che in media dovrebbero pagare 1501 euro.
 
In totale, quindi, la Tasi peserebbe sul settore produttivo per un milione e 44 mila euro.
 
Aliquota al 2,07 per mille
Nella seconda ipotesi ai calcoli della Cgia Mestre viene applicata una aliquota al 2,07 per mille. Si arriva a questo valore seguendo una serie di considerazioni. Secondo l’emendamento che il Governo dovrebbe presentare a breve al ddl Enti locali, la somma di Imu e Tasi non potrà superare l’11,4 per mille.
 
Ipotizzando che l’aliquota Imu applicata sugli immobili ad uso produttivo rimanga come negli anni passati al 9,33 per mille, effettuando la differenza tra l’11,4 per mille e il 9,33 per mille si deduce che l’aliquota massima della Tasi non potrà superare il 2,07 per mille.
 
Applicando l’aliquota massima, in media i capannoni pagherebbero 1153 euro, gli studi 398 euro, i laboratori artigianali 163 euro, le banche 3108 euro, i negozi e le botteghe 390 euro.
 
Il costo complessivo per il settore i questo caso sarebbe di 2 miliardi e 161 mila euro.
 
Secondo il segretario della Cgia Mestre, Giuseppe Bortolussi, il secondo scenario prospetta un’ipotesi estrema che non si verificherà facilmente. Allo stesso tempo è però lecito immaginare che i Comuni ritocchino al rialzo l’aliquota base dell’1 per mille.
 
A detta di Bortolussi, anche se bisogna considerare che la Tasi assorbirà la maggiorazione Tares, con le modifiche nella tassazione degli immobili si rischia di colpire maggiormente le imprese, che hanno già subito un aumento dei costi con il passaggio dall’Ici all’Imu.

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa