Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
MERCATI Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
PROFESSIONE

Difetti progettazione, si può agire entro 10 anni

di Paola Mammarella

Cassazione: per le attività intellettuali non vale il termine di otto giorni previsto per le opere manuali

Vedi Aggiornamento del 12/08/2014
Commenti 16529
16/01/2014 – I vizi e i difetti delle opere derivanti da attività intellettuali possono essere denunciati entro dieci anni dal momento in cui se ne viene a conoscenza. In questi casi non vale il termine di otto giorni previsto dall’articolo 2226 del Codice Civile. Lo sostiene la Corte di Cassazione, che con la sentenza 28575/2013 ha fatto chiarezza sulla distinzione tra opere intellettuali e manuali.
 
Nel caso esaminato dalla Cassazione, un architetto aveva fatto notificare un decreto ingiuntivo ad un cliente che non lo aveva pagato dopo l’incarico svolto.
 
Il cliente si era opposto al pagamento sostenendo che l’architetto aveva violato i doveri derivanti dal suo incarico professionale, tanto da dover essere sostituito da un altro professionista.
 
Secondo il Tribunale territoriale, le motivazioni del cliente erano fondate, ma erano stati superati i termini per far valere la responsabilità del professionista.
 
Dopo una serie di ricorsi, la Cassazione, richiamando una precedente pronuncia emessa nel 2005, ha espresso un parere diverso. A detta della Corte, le disposizioni sulla decadenza e la prescrizione per le azioni volte a tutelarsi dai vizi delle opere non si applicano alle prestazioni intellettuali del professionista.
 
Come affermato dalla Cassazione, l’opera intellettuale è più eterogenea di quella manuale e la valutazione tecnica di un progetto non può essere effettuata in pochi giorni.
 
La Cassazione ha inoltre sottolineato che negli adempimenti delle obbligazioni per l’esercizio dell’attività professionale, la diligenza deve essere valutata in base all’attività esercitata. Come in tutti gli altri casi, infine, il risarcimento del danno può essere evitato dolo se il professionista dimostra la presenza di cause a lui non imputabili.

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter




 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui