Carrello 0
"Diverse Maniere: Piranesi, Fantasy and Excess”
EVENTI

"Diverse Maniere: Piranesi, Fantasy and Excess”

di Valentina Ieva

La prestigiosa mostra dal 7 marzo al Sir John Soane’s Museum di Londra

18/02/2014 - Uno dei primi musei di architettura, il Sir John Soane’s Museum di Londra, aperto nel 1833, ospita dal prossimo 7 marzo la prestigiosta retrospettiva ”Diverse Maniere: Piranesi, Fantasy and Excess” a cura di Jerzy J. Kierkuć-Bieliński. Esposta una collezione di oggetti ispirati ai libri di Giambattista Piranesi “Diverse Maniere d’Adornare i Cammini” (1769) e “Vasi, Candelabri, Cippi, Sarcofagi…" (1778),  i primissimi libri dedicati all’interior design.

Qualcuno ha definito Giambattista Piranesi: ” … così pieno dell’aria, del cielo, del suolo di Roma, da ritrarla con prodigiosa fedeltà, e da farla comparire come per incanto innanzi gli occhi di chi non l’ha ancora mai veduta…”  (G. Rovani – Cent’Anni, p.713).

Quello di Londra è un itinerario assai inedito, in quanto accanto agli originali di Piranesi, la cui collezione risale ai tempi in cui Sir John Soane conobbe l'architetto e incisore a Roma, una serie di sculture 3-D print che riproducono alcuni oggetti ricreati dai disegni di Piranesi per Diverse Maniere, realizzate grazie alle sperimentazione dello studio madrileno Factum Arte con la Fondazione Cini di Venezia.

Prevista nel corso della mostra, aperta fino al 31 maggio 2014, una serie di conferenze con relatori di fama internazionale, da Michele de Lucchi, a Ross Lovegrove, da Sam Jacob a Grayson Perry. Gli incontri saranno dedicati al rapporto fra copia e originale, oltre che all'impiego delle nuovissime tecnologie a servizio della conservazione di oggetti storici e archeologici.

Il Sir John Soane’s Museum rappresenta una location più che esclusiva sin dalla sua apertura nella metà dell'Ottocento, a seguito della morte di Sir John Soane, professore di Architettura al Royal College, nonchè uno dei primi collezionisti di manufatti architettonici e archeologici. Soane decide di adibire i suoi appartamenti a museo privato destinato ai suoi giovani studenti. Ancora oggi la sede conserva intatte le collezioni del professore e organizza mostre temporanee sui temi dell'architettura e dell'archeologia.

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui