Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
6000 Campanili, assegnati i 50 milioni della seconda tranche

6000 Campanili, assegnati i 50 milioni della seconda tranche

Le risorse hanno fatto scorrere la graduatoria post click day e finanzieranno 59 progetti che si sommano ai 115 della prima tranche

Vedi Aggiornamento del 18/05/2015
di Paola Mammarella
Vedi Aggiornamento del 18/05/2015
14/02/2014 - Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, ha firmato il DM 13 febbraio 2014 con cui è stata approvata la graduatoria della seconda tranche del Programma 6000 Campanili.
 
Si tratta di 59 progetti che potranno essere realizzati in altrettanti enti locali grazie ai 50 milioni di euro messi a disposizione dalla Legge di Stabilità per il 2014, con cui è stato possibile scorrere la graduatoria formatasi dopo il click day dello scorso 24 ottobre.
 
La Regione che si è collocata in testa, con nove progetti approvati, è il Piemonte, seguito dal Veneto con sette progetti e da Abruzzo e Lombardia, che si sono aggiudicati sei progetti ciascuna.
 
Ricordiamo che il programma 6000 Campanili è stato previsto dal Decreto del Fare, che ha stanziato 100 milioni di euro per i Comuni con popolazione inferiore a 5 mila abitanti interessati a realizzare interventi di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di edifici pubblici, adozione di misure antisismiche, manutenzione delle reti viarie realizzazione di infrastrutture accessorie, reti telematiche e messa in sicurezza del territorio.
 
Per l’assegnazione del budget è stato previsto un click day, avvenuto lo scorso 24 ottobre, con cui è stata costituita un graduatoria. I 100 milioni disponibili sono stati così ripartiti tra 115 progetti.
 
Dato il successo dell’iniziativa e l’alto numero di domande presentate, la Legge di Stabilità per il 2014 ha stanziato altri 50 milioni, che hanno reso possibile lo scorrimento della graduatoria formata dopo il click day.
 
È stato così possibile finanziare altri 59 progetti vincitori, facendo salire a 174 il numero totale degli interventi da realizzare.

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+

 
Le più lette