Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Primo resoconto sul Superbonus: 193 interventi per 14,7 milioni
NORMATIVA Primo resoconto sul Superbonus: 193 interventi per 14,7 milioni
NORMATIVA

Rinnovabili, si ammorbidisce la rimodulazione degli incentivi

di Paola Mammarella

Destinazione Italia: se il periodo di incentivazione termina a fine 2014 si potrà accedere a nuovi bonus anche se non si sceglie la revisione

Vedi Aggiornamento del 20/06/2014
Commenti 15584
07/02/2014 – Si ammorbidiscono la rimodulazione degli incentivi alle rinnovabili e l’obbligo di allegare l’APE ai contratti di affitto, previsti dal Ddl Destinazione Italia.
 
Con una serie di emendamenti, approvati dalle Commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera, vengono parzialmente accolte alcune richieste degli addetti ai lavori.
 
Rinnovabili
La prima versione del decreto prevede che gli incentivi alle fonti rinnovabili vengano rimodulati per pesare meno sulle tariffe elettriche. Gli operatori possono continuare a usufruire degli incentivi per il periodo residuo oppure scegliere un incentivo più basso, ma prolungato di sette anni rispetto alla scadenza inizialmente prevista.
 
La scelta contiene però una condizione. Chi decide di non avvalersi della rimodulazione per dieci anni dalla fine del periodo di incentivazione non potrà usufruire di altre agevolazioni.
 
L’emendamento approvato cerca di ammorbidire l’aut aut della versione iniziale. Per salvaguardare gli investimenti in corso, il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, con cui verrà regolata la revisione degli incentivi, dovrà specificare che se il periodo di incentivazione termina il 31 dicembre 2014, anche chi non sceglie la rimodulazione potrà accedere a nuovi strumenti di agevolazione. Nel decreto ministeriale potranno essere previsti anche termini più lunghi.
 
Con un altro emendamento è stato inoltre deciso che gli impianti fotovoltaici fino a 100 kW potranno continuare ad usufruire del prezzo minimo garantito. Si tratta del prezzo pagato nel momento in cui il produttore immette nella rete l’energia prodotta grazie alle fonti rinnovabili, che quasi sempre è superiore al prezzo di mercato.
 
APE negli affitti
Non si applicano le multe previste per i contratti stipulati senza allegare l’APE, Attestato di prestazione energetica, alle locazioni di edifici residenziali per un periodo di meno di quattro mesi all’anno.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui