Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Esclusione dalle gare, Authority: semplificare le procedure

di Paola Mammarella
Commenti 5481

Limitare l’obbligo di autocertificazione dei requisiti a chi sottoscrive i documenti di gara

Vedi Aggiornamento del 15/10/2014
Commenti 5481
24/03/2014 – Solo chi sottoscrive i documenti di gara dovrebbe avere l'obbligo di autocertificare l’assenza di cause di esclusione dalle gare a proprio carico. È la richiesta di semplificazione avanzata dall’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici perchè l’attuale normativa attribuirebbe troppo potere discrezionale alle Stazioni Appaltanti.
 
Come funziona la normativa attuale
Come sottolineato dall'Authority, il Codice Appalti prevede che l’obbligo di provare l’assenza di cause che possano comportare l’esclusione da un gara riguardi il titolare dell’impresa, il direttore tecnico, i soci e gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza. Questo perché la Stazione Appaltante abbia la possibilità di controllare l’idoneità e l’affidabilità dei soggetti con la facoltà di impegnare l’impresa in una gara.
 
L’Authority ha inoltre rilevato che molto spesso il potere di rappresentanza è detenuto dai procuratori speciali. Per questo motivo, le Stazioni Appaltanti nei bandi chiedono che  anche i procuratori siano dotati dei requisiti per l’ammissione.
 
Non essendoci una previsione di legge specifica, però, le Stazioni Appaltanti si trovano ad avere molto potere discrezionale o a dover affrontare problemi interpretativi.
 
Le proposte dell’Authorità di Vigilanza
L’Authority propone quindi di modificare il Codice Appalti adottando una modalità di comunicazione più semplice e prevedendo che, per la presentazione delle offerte, l’obbligo di dichiarazione per i procuratori speciali gravi sul soggetto che sottoscrive i documenti di gara.
 
Le dichiarazioni dovrebbero avere, sul modello del Durc, una durata prestabilita, in modo da poter essere riutilizzate in altre procedure di gara.
 
A detta dell’Authority, con le modifiche normative proposte, si ridurrebbero il numero di dichiarazioni che l’impresa è tenuta ad allegare e i tempi di esame da parte della commissione di gara, senza incidere sulla regolarità della procedura.
 



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
gio

Ottimo suggerimento dell'AVCP. Speriamo, però, che si semplifichi e si sburocratizzi anche l'AVCP e gli adempimenti che impone. Sta diventando come pagare le tasse, per quanto si vogliano pagare, c'è sempre un ostacolo o un cavillo o una novità dell'ultima ora che complica le cose e non si è mai sicuri di aver fatto tutto.


x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Partecipa