Carrello 0
PROFESSIONE

Spese di formazione, i professionisti chiedono la deducibilità totale

di Rossella Calabrese
Commenti 9829

Il Governo si è impegnato ad accogliere la proposta. Soddisfatto il Consiglio Nazionale Ingegneri

Vedi Aggiornamento del 06/02/2015
Commenti 9829
05/03/2014 - Dal 1° gennaio 2014 è in vigore l’obbligo di formazione continua per tutti i professionisti. Ma il Testo Unico per le Imposte sui Redditi (Tuir) consente di dedurre solo il 50% delle spese sostenute per la frequenza dei corsi.
 
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) ha quindi avviato, in raccordo con la Rete delle Professioni Tecniche, una serie di iniziative a livello parlamentare per rendere interamente deducibili tali spese, attraverso la modifica del Tuir.
 
Un primo risultato - si legge ina nota del CNI - è stato conseguito lo scorso 19 febbraio, in sede di approvazione definitiva del Decreto Destinazione Italia. Il Governo si è impegnato formalmente a valutare la possibilità di modificare le norme introducendo, a favore dei professionisti, la deducibilità integrale.

“Accogliamo con favore l’Ordine del Giorno col quale il Governo si impegna a valutare la questione - afferma Armando Zambrano, Presidente del CNI. Ci auguriamo, tuttavia, che ciò si traduca in un intervento concreto che garantisca la deduzione integrale di questi oneri per i professionisti, categoria che a suo tempo accolse con favore l’obbligo della formazione”.



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
muuuuuuh-gete le vacche iscritte

Zambrano, non ci prendere in giro con questi pannicelli caldi ... cosa diavolo voui che sia detrarre iul 20 o il 30% dei costi sostenuti, quando in un anno ci tocca buttar via centinaia di euro per una finte ad inutile formazione. Sapete che all'Ordine ingegneri di Milano lo CNI ha negato i crediti ad un corso organizzato dal POLITECNICO DI MILANO?! Motivazione: il corso non era organizzato dall'Ortdine di Milano. Ma la fomazione continua non serve per aggiornarsi? e se il Politencico di Milano e la migliore facoltà di ingegneria d'Italia, forse un suo corso sarà buono per aggiornarsi, no? Ma noooooooo! Nopn vanno soldi agliu ordini ed allo CNi, quindi certo che non è buono, il corso del politecnico di Milano. Meglio un corsettino idiota tenuto da uno qualuqnue degli iscritti all'Ordine stesso che spara quattro pirlate su un argomento di cui non frega niente a nessuno... VERGOGNA CNI!!!!!! dovreste tutelare gli ingegneri e invece siete servi delk dio quattrino!!


x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: le tecnologie Leggi i risultati