Carrello 0
AZIENDE

Triflex, lo specialista delle impermeabilizzazioni con resine liquide

Commenti 3678

Commenti 3678
28/04/2014 - In base ad una indagine condotta dall’azienda, il mercato italiano tende ancora a selezionare soluzioni per l’impermeabilizzazione economiche e poco durature, spesso posate scorrettamente, affrontando poi onerosi costi di manutenzione o rifacimento dei lavori. Un comportamento, questo, in totale contrasto con il trend di mercato dominante, che mira invece ad una edilizia sempre più efficiente, sotto tutti i punti di vista.

Triflex, azienda del gruppo tedesco Follmann, è il leader europeo nelle impermeabilizzazioni realizzate con resine liquide. Attiva dal 1977 in questo ambito, Triflex propone sin dal 1987 sistemi impermeabilizzanti liquidi in PMMA, ideali per impermeabilizzazioni sicure e durevoli di tetti, balconi, parcheggi, anche nel caso di ristrutturazioni, situazioni di infiltrazioni apparentemente irrisolvibili, forme architettoniche e dettagli costruttivi molto complessi.

Triflex è la soluzione ideale, inoltre, per l’impermeabilizzazione di tetti di impianti industriali, eolici, fotovoltaici, sciistici, dove le materie lavorate e le forti sollecitazioni meccaniche richiedono soluzioni di qualità e particolarmente resistenti. Non da ultimo, Triflex propone sistemi ideali per l’impermeabilizzazione di edifici pubblici, sia nuovi che ristrutturati, garantendo la massima durata e il minimo intervento di manutenzione, andando ad abbattere gli altissimi costi sostenuti dalla Pubblica Amministrazione in questo ambito e proponendosi come alleato nell’attuazione del DM 8 ottobre 2012.

Secondo una recente indagine di mercato condotta da Triflex in Italia, intervistando 100 esperti del settore tra progettisti, responsabili aziendali della manutenzione e aziende di impermeabilizzazione, il problema più ricorrente che gli addetti si trovano ad affrontare è quello delle infiltrazioni, della scorretta posa e dell’usura delle guaine impermeabilizzanti. Il 36% degli intervistati dichiara di essersi dovuto fare carico più volte della copertura economica dei danni arrecati al cliente per causa di impermeabilizzazioni realizzate scorrettamente e il 16% dichiara di avere dovuto effettuare da 3 a 5 interventi di manutenzione prima di individuare la soluzione di impermeabilizzazione ideale.

“Questo avviene perché purtroppo ancora spesso, a nostro parere, in fase di esecuzione dell’opera si cerca di risparmiare sull’acquisto di alcuni materiali da costruzione, ricorrendo inoltre a manodopera non qualificata, senza tenere conto che quel piccolo risparmio ad inizio lavori si trasformerà nel tempo in un enorme costo dovuto all’esigenza di continua manutenzione e, talvolta, rifacimento completo del lavoro” così Werner Ambach, responsabile commerciale di Triflex Italia.

“Triflex opera a livello internazionale ed è attenta osservatrice dei trend evolutivi dei vari mercati. L’Italia è per il nostro Gruppo un mercato strategico, che si sta rapidamente evolvendo verso una edilizia efficiente, non solo dal punto di vista energetico, bensì anche per quanto riguarda la progettazione, la posa, i costi di manutenzione del costruito, che devono essere nulli o molto bassi. Nei momenti di crisi, ogni errore commesso, oltre ad uno spreco, rappresentapossibilità bruciate sia in termini di posti di lavoro che di investimenti. E’ scorretto investire per rimediare agli errori quando, compiendo scelte più consapevoli sui materiali e sulla manodopera, quegli investimenti potrebbero essere dirottati su progetti nuovi che creerebbero lavoro.” continua Werner Ambach.

“Sono queste le riflessioni che ci spingono, per il 2014, ad intensificare le nostre attività in Italia, proponendo a progettisti, installatori e manutentori un vasto programma di informazione e formazione sui sistemi impermeabilizzanti di qualità e sulle loro responsabilità, anche in base alla norma UNI 11345. Infine, i sistemi Triflex sono molto apprezzati dagli architetti italiani. Le nostre soluzioni, infatti, non pongono limiti alla creatività del progettista, in quanto consentono di impermeabilizzare anche forme architettoniche irregolari e complesse. Questo è un vantaggio fondamentale se si vuole vincere in Italia, riconosciuta a livello mondiale come leader del design, della creatività e del buon gusto. Triflex infine affianca l’architetto con consulenze professionali durante tutta la fase di progettazione, fino ad arrivare a consigliare posatori formati da Triflex, in grado di garantire una esecuzione a regola d’arte. Per far sì che le idee degli architetti prendano forma e siano garantite anche a lungo termine.”

Referenza di impermeabilizzazione: Sede aziendale di Giacomuzzi a Caldaro, Italia, realizzato con Triflex ProDetail
Grazie al colore bianco brillante, l'edificio di nuova costruzione degli architetti Monovolume di Bolzano risplende in tutta la sua luminosità. La sfida di questo progetto consisteva nell’eseguire l’impermeabilizzazione dei ca. 200 m lineari del muro e dei circa 40 m2 di superficie del tetto. In base all’indicazione del committente, l’impermeabilizzazione doveva essere eseguita mantenendo lo stesso colore dell'intonaco. L’effetto visivo luminoso creato dall’intonaco bianco non doveva essere in alcun modo disturbato da lamiere e cerniere poste sulla facciata esterna. Non doveva essere visibile alcuna differenza di colore. Cercando la soluzione ideale, che unisse funzionalità ed effetto visivo, si è scelto di utilizzare Triflex ProDetail. La resina impermeabilizzante bicomponente, armata su tutta la superficie, a base di polimetilmetacrilato (PMMA) garantisce un'impermeabilizzazione che dura nel tempo e si distingue per l’aderenza su tutta la superficie del sottofondo in modo duraturo.

I sistemi Triflex trovano applicazione nei seguenti casi:
1. Tetto
2. Balconi
3. Tetti parcheggio
4. Energia Rinnovabile / Industria
5. Segnaletica



Triflex Italia su ARCHIPRODUCTS
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa