Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
FINANZIAMENTI

Puglia, 60 milioni di euro per le PMI delle Zone Franche Urbane

di Rossella Calabrese

A breve il Bando con le modalità e i termini di presentazione delle istanze

Vedi Aggiornamento del 08/04/2015
Commenti 7114
10/04/2014 - 60 milioni di euro per le piccole e medie imprese delle 11 Zone Franche Urbane (ZFU) della Regione Puglia.
 
Li ha stanziati il Ministero dello sviluppo economico con il DM 21 gennaio 2014, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che modifica il DM 10 aprile 2013, includendo le ZFU della Puglia, che sono:
 
- ZFU di Andria
- ZFU di Barletta
- ZFU di Foggia
- ZFU di Lecce
- ZFU di Lucera
- ZFU di Manduria
- ZFU di Manfredonia
- ZFU di Molfetta
- ZFU di San Severo
- ZFU di Santeramo in Colle
- ZFU di Taranto
 
Con apposito Bando, che sarà emanato dal Ministero dello sviluppo economico, verranno definite le disposizioni di attuazione dell’intervento, il modello di domanda per la richiesta delle agevolazioni e le indicazioni circa le modalità e i termini di presentazione dell’istanza.
 
Per informazioni è possibile rivolgersi alla Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali: [email protected]. Alle richieste di chiarimenti pervenute sarà data risposta cumulativa con lista di FAQ che verranno pubblicate nella sezione “ZFU Convergenza e Carbonia Iglesias”
 
Ricordiamo che, come disposto dal DM 10 aprile 2013, le Zone Franche Urbane (ZFU) sono aree circoscritte, all’interno dei Comuni, nelle quali le piccole e micro-imprese godono di esenzioni fiscali e contributive. Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese di micro e piccola dimensione, già costituite e regolarmente iscritte nel Registro delle imprese alla data di presentazione dell’istanza.
 
Con la Circolare 32024 del 30 settembre 2013, il Ministero dello Sviluppo Economico ha aggiunto che “possono accedere alle agevolazioni anche gli studi professionali e, più in generale, i professionisti purché svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione dell’istanza di agevolazione, al Registro delle imprese”. Leggi tutti i dettagli



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui