Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
LAVORI PUBBLICI

L’Emilia prova a far rinascere le città colpite dal sisma del 2012

di Rossella Calabrese

Piani organici comunali per i centri storici e urbani e 11 milioni di euro per la ‘città pubblica’

Vedi Aggiornamento del 26/08/2014
Commenti 6801
30/04/2014 - La Regione Emilia Romagna lancia due iniziative per la rinascita dei centri storici e urbani colpiti dal sisma del maggio 2012.
 
L’obiettivo dei provvedimenti - varati dal commissario delegato alla ricostruzione e presidente della Regione, Vasco Errani - è quello di favorire il ripristino delle condizioni di vita, la ripresa delle attività economiche e la riduzione della vulnerabilità in ambiti che hanno subito danni molto gravi al patrimonio edilizio abitativo, produttivo e per servizi, ai beni culturali e alle infrastrutture, attraverso programmi di rigenerazione che si integrino con gli interventi di ricostruzione già in atto.
 
I Comuni avranno potranno realizzare un Piano organico e recuperare anche gli immobili di proprietari che non intendono farlo, attraverso la vendita e successiva destinazione all’affitto. Le modalità sono fissate da due Ordinanze: 32/2014 e 33/2014.
 
Con una misura dedicata alla “città pubblica”, la Giunta mette a disposizione dell’area colpita dal sisma ulteriori 11 milioni di euro.
 
Piano organico, delocalizzazioni, acquisti di immobili
Il Piano organico è un documento programmatico-operativo che, sulla base delle risorse per la ricostruzione effettivamente disponibili (previste dalla Lr 16 e Lr 19) delinea la strategia generale e definisce l’insieme delle azioni che il Comune, d’intesa anche con altri soggetti pubblici e privati, intende attivare per la rigenerazione degli ambiti urbani, la rivitalizzazione delle funzioni economiche, sociali e amministrative e all’aumento dei residenti.
 
Il Piano organico dovrà essere approvato dal Consiglio comunale di ciascuna municipalità interessata e avrà la funzione di ordinare gli interventi che si possono realizzare rapidamente, possibili nel breve periodo, tra quelli previsti dal Piano di Ricostruzione.
 
Prevista anche la delocalizzazione, ovvero la possibilità, da parte di chi ha l’immobile danneggiato gravemente (E3 e E2) o demolito, di acquistare o ricostruire in un’altra zona della città con un contributo pari a quello dovuto per l’edificio danneggiato. Quest’ultimo deve in cambio essere ceduto gratuitamente al Comune. Entrambe le ordinanze prevedono misure che consentono l’acquisto con modalità e finalità differenti.
 
I proprietari di alloggi gravemente danneggiati avranno la possibilità di acquistare una nuova abitazione, in zone indicate dal Piano organico, anziché riparare la vecchia che verrà ceduta in cambio al Comune.
 
Viene disciplinato l’acquisto di immobili danneggiati, da parte di imprese, costruttori o soggetti terzi, anche pubblici, come le Acer, che possono essere recuperati con il contributo dovuto per quell’immobile. Il nuovo proprietario è però obbligato a mettere lo stesso edificio in locazione a canone concordato per un periodo medio lungo. Possibile anche vendere l’immobile, ma con una riduzione del contributo dovuto, o realizzare un affitto con patto di futura vendita.
 
Città pubblica e politiche per i centri storici
Con uno stanziamento di 11 milioni di euro previsti dal bilancio 2014, la Giunta, sempre nell’ambito di qualità complessiva della rinascita dei centri storici e urbani, ha approvato una delibera che si occupa della città pubblica (marciapiedi, strade, piazze), per integrare i piani di rivitalizzazione con interventi destinati a completare operazioni anche nelle parti con destinatarie di contributi per la ricostruzione.
 
A tutti gli interventi resi possibili dalle nuove ordinanze si aggiungono quelli già consentiti dalle precedenti disposizioni, in particolare attraverso le Unità Minime di Intervento (UMI), i Piani della ricostruzione ed i Piani per la riparazione degli edifici pubblici e dei beni culturali, che potranno concorrere, con iniziative integrate anche con soggetti privati, alla messa a punto da parte di ciascun Comune di politiche organiche di rivitalizzazione del centro storico.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa