Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

I piccoli studi potranno assumere a tempo determinato

di Paola Mammarella

Nel Jobs Act anche la smaterializzazione del Durc con verifiche esclusivamente telematiche

Vedi Aggiornamento del 12/03/2015
Commenti 16715
28/04/2014 – Possibilità per i piccoli studi di assumere con contratti a tempo determinato e smaterializzazione del Documento Unico di Regolarità Contributiva (Durc). Sono alcune delle novità del Jobs Act, che dopo la fiducia alla Camera passa all’esame del Senato.
 
Contratti a tempo determinato negli studi
In base al Jobs Act, il numero complessivo dei rapporti di lavoro a termine costituiti da ciascun datore di lavoro non potrà eccedere il limite del 20% dell'organico complessivo presente in azienda.
 
È però prevista un’eccezione per le imprese che occupano fino a cinque dipendenti. In queste realtà sarà sempre possibile stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato.

La disposizione riguarda molto da vicino gli studi professionali, che nella maggior parte dei casi sono costituiti da meno di cinque elementi.

Secondo l'impostazione iniziale, invece, i piccoli studi venivano di fatto esclusi dalle norme sui contratti a tempo determinato. Il testo iniziale conteneva infatti il riferimento generico al limite del 20% dell’organico, senza però prevedere misure speciali per le realtà con un massimo di cinque lavoratori.
 
Questo avrebbe significato che per stipulare un contratto a tempo determinato sarebbe stato necessario avere altri cinque dipendenti. Cosa che quasi mai accade nei microstudi.
 
La nuova norma eleva poi da dodici a trentasei mesi la durata del rapporto di lavoro a tempo determinato per il quale non è richiesta la causale.
 
Il Jobs Act prevede infine la possibilità di prorogare fino a un massimo di cinque volte il contratto a tempo determinato nell'arco dei tre anni, sempre che si riferisca alla stessa attività lavorativa.
 
Durc
Con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni, tutti gli interessati potranno verificare con modalità esclusivamente telematiche e in tempo reale la regolarità contributiva nei confronti dell'Inps, dell'Inail e delle Casse edili.
 
L'esito dell'interrogazione avrà una validità di 120 giorni dalla data di acquisizione e sostituirà ad ogni effetto il Durc.
 
Le modalità operative e gli eventuali casi di esclusione dalle semplificazioni saranno definiti da un decreto del Ministero del Lavoro, che dovrà essere adottato, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge sul Jobs Act, di concerto con i Ministeri dell’Economia e della Semplificazione, sentiti l’Inps, l’Inail e la Commissione nazionale paritetica per le Casse edili.




 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Unlabieveble how wel

Unlabieveble how well-written and informative this was.