Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
PROFESSIONE Concorso per 120 ingegneri e geologi al MIMS, pubblicato il bando
NORMATIVA

POS, commissioni in base all’importo dei pagamenti

di Paola Mammarella

Il decreto del Ministero dell’Economia prevede commissioni differenziate a seconda della carta usata per il pagamento

Vedi Aggiornamento del 07/07/2014
Commenti 23279
03/04/2014 – Le commissioni sui pagamenti con moneta elettronica devono essere differenziate in base al tipo di carta utilizzata e ai volumi delle transazioni.
 
Sono queste le novità introdotte dal DM 51/2014, varato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze dopo che il DL 201/2011 (Manovra Salva Italia) ha previsto la riduzione delle commissioni a carico degli esercenti per le transazioni effettuate con carte di pagamento e che il DL 179/2012 ha imposto a professionisti e imprese l’obbligo di accettare i pagamenti tramite Pos.
 
In base alle nuove regole, che entreranno in vigore il 29 luglio 2014, gli “acquirer” cioè i gestori dei servizi di pagamento, devono distinguere le commissioni da applicare a ciascuna tipologia di carta di pagamento (di debito, di credito, prepagate) e ai diversi volumi delle transazioni.
 
Per promuovere l’uso della moneta elettronica, il decreto ministeriale prevede inoltre un'ulteriore riduzione delle commissioni per i pagamenti sotto i 30 euro.
 
I gestori dei servizi di pagamento dovranno comunicare con chiarezza le informazioni sulle commissioni applicate e rivederne periodicamente i livelli.
 
Ricordiamo che le norme attuative dell’obbligo di accettare pagamenti mediante POS sono state definite dal DM 24 gennaio 2014, con cui è stato stabilito che l’obbligo di accettare la moneta elettronica si applica ai pagamenti per l’acquisto di prodotti o la prestazione di servizi di importo superiore a 30 euro.
 
Il DM 24 gennaio 2014 prevedeva inizialmente una fase transitoria. Fino al 30 giugno 2014 sarebbero stati assoggettati all’obbligo soltanto i professionisti e le imprese che, nell’anno precedente a quello in cui è effettuato il pagamento, avevano fatturato più di 200mila euro.
 
Il Milleproroghe, in seguito, ha annullato la fase transitoria facendo slittare per tutti al 30 giugno 2014 l’obbligo di accettare i pagamenti con moneta elettronica.
 
Contro l’obbligo di dotarsi del POS, considerato una vessazione e non uno strumento a tutela della trasparenza, che potrebbe invece essere raggiunta col bonifico elettronico, si è schierato il Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, che sull’argomento ha presentato un ricorso al Tar.
 
Posizioni analoghe sono state espresse dagli ingegneri. Nei giorni scorsi il Consiglio nazionale degli ingegneri, ha infatti annunciato che si sta valutando la possibilità di un ricorso all’Antitrust.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
ingegnere stufissimo di vessazioni

ZAMBRAAAANO CHE FAI, DORMI?? Cosa aspetta lo §CNI ad affiancare lo CNAPP nel sacrosanto ricorso contro l'ennesimo balzello a danno dei professionisti? Cosa ci guadagni Zambrano ad acquiescere a queste vessazioni? fate ricorso al TAR! FATELO, invece di aspettare giugno, invece di parlare, invece di "valutare" ricortso all'Antitrust... E già che ci sei , chiedi che i professionisti siano pagati come tali, e non come mendicanti che elemosinano 100 euro dai clienti: A noi poveracci delle false partite IVa, a noi che siano dipendentiu di fatto a 1000 euro al mese, ma senza diritti e senza cointrobuti, a noi che sopravviviamo sotto la linea di galleggiamento, a noi che siamo schiavi dei grandi studi, a noi che non firmimiamo mai niente ma che abbiamo la p.iva e allora volete che ci assicuriamo (per quali responsabilità, se siamo i disegnatori dei grandi studi?!), a noi che paghiamo a fatica il minimo inarcassa, A TUTTI NOI nessuno darà da vecchi né una liquidazione, né una pensione decente: come vivremo allora?Vivremo d'aria, pPensando che abbiamo installato zelantemente un POS in casa (perché noi piccoli NON abbiamo uno studio, abbiamo la p.iva a casa o al ppiù a casa di mamma e papà) nel lulglio 2014 e non lo abbiamo mai utilizzato? VEERGOGNA;VERGOGNA VERGOGNA ... .