Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Prestazione energetica edifici: in arrivo le nuove norme UNI/TS 11300

di Rossella Calabrese

A breve i testi definitivi che sostituiranno quelli pubblicati nel 2008

Vedi Aggiornamento del 11/02/2019
29/04/2014 - L’Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI) pubblicherà a breve le nuove versioni della UNI/TS 11300-1 e della UNI/TS 11300-2 in materia di prestazioni energetiche degli edifici, che andranno a sostituire le corrispondenti parti pubblicate nel 2008.
 
Lo annuncia lo stesso UNI, comunicando che a breve saranno rilasciati i testi definitivi delle nuove norme, messi a punto tenendo conto dei commenti pervenuti durante le inchieste pubbliche, conclusesi nel settembre scorso.
 
La specifica tecnica UNI/TS 11300, articolata in quattro parti - spiega l’UNI - è nata con l’obiettivo di fornire una metodologia univoca di calcolo per la determinazione del fabbisogno di energia degli edifici, riassumendo e integrando con i necessari dati nazionali quanto la normativa europea stava predisponendo, tramite il mandato M/343 a supporto dell’implementazione della Direttiva 2002/91/CE.
 
L’Ente di Unificazione ricorda che a livello nazionale le UNI/TS 11300, pur con alcune limitazioni, costituiscono il principale riferimento normativo per la determinazione della prestazione energetica degli edifici e sono espressamente richiamate nei provvedimenti regolamentari che disciplinano la materia.
 
In accordo con la normativa europea, le UNI/TS 11300 prevedono differenti modalità di applicazione, che consentono di valutare sia gli edifici nuovi che quelli esistenti, in relazione a condizioni standard convenzionali di riferimento (asset rating) o in condizioni climatiche e d’esercizio specifiche (tailored rating).



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Pierugo

Siamo tutti d'accordo sul fatto che il continuo aggiornamento tecnico del professionista è alla base della buona prassi progettuale/lavorativa. Il problema (ormai evidente) è che è un business continuo che costringe sempre a cacciare il vile denaro per poter stare al passo con i tempi. Le nuove UNI/TS penso che a meno di 100 € non le troveremo. Ma l'UNI, che è composta dal fior fiore di esperti, non ci arriva a stabilire degli accordi con enti particolari (es. gli ordini) che agevolino l'acquisto di tali norme da parte dei professionisti? Che poi con un prezzo alla portata (25-30€) verrebbe a ridursi di molto il fenomeno della riproduzione illegale. Ripeto, è così difficile arrivarci?

thumb profile
Antonio R.

Mentre gli APE li fanno tutti (puri quelli con la licenza media che non capiscono nulla di trasmissione del calore) a 50 Euro , quanto va bene, cosa fanno i nostri amministratori ("a" minuscola)? emettono le nuove UNI/TS 11300 così siamo costretti ad aggiornare i software spendendo soldi!!! complimenti alla massa di caproni che ci governano (presenti e passati).


x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa