Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
NORMATIVA

Soa, non sono ammessi buchi temporali nelle attestazioni

di Paola Mammarella

CdS: i requisiti devono valere per tutta la durata della gara e non solo al momento della domanda

Vedi Aggiornamento del 09/12/2015
Commenti 5596
12/05/2014 – I requisiti generali e speciali per la partecipazione ad un appalto devono essere posseduti per tutta la durata della gara. Lo ha affermato il Consiglio di Stato, che con la sentenza 1987 ha fatto ulteriore chiarezza nell’ambito delle attestazioni Soa.
 
Il Consiglio di Stato ha spiegato che l’impresa o il raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) devono essere in regola con le attestazioni non solo nel momento in cui si presenta domanda di partecipazione alla gara, ma anche in quello dell’aggiudicazione provvisoria e per tutta la durata della procedura di evidenza pubblica.
 
In altre parole, nell’attestazione Soa non devono essere presenti buchi temporanei. Diversamente, l’impresa o il raggruppamento vengono esclusi.
 
Sulla base di queste considerazioni, infatti, il Tar prima e il Consiglio di Stato poi hanno escluso una Rti in regola quando aveva presentato domanda di partecipazione, ma che al momento dell’aggiudicazione provvisoria era risultata con l’attestazione Soa scaduta.
 
Ricordiamo che la normativa sulla qualificazione delle imprese è recentemente cambiata con l’approvazione del DM 24 aprile 2014, che ha ridotto il numero della categorie superspecialistiche e ha affermato il principio in base al quale l’impresa che si aggiudica una gara d’appalto e che possiede la qualificazione per la sola categoria prevalente dovrà subappaltare i lavori o costituire una Ati, servendosi di imprese con la capacità tecnica adeguata.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui