Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA

Con lo Spalma-incentivi bonus al fotovoltaico in 24 anni anziché in 20

di Rossella Calabrese

Assorinnovabili: ‘inaccettabile norma retroattiva che causerà il licenziamento di almeno 10.000 lavoratori’

Vedi Aggiornamento del 05/11/2014
Commenti 18458
19/06/2014 - Le 8.600 imprese, su un totale di 200.000, che percepiscono il 60% degli incentivi per il fotovoltaico potranno scegliere tra un allungamento da 20 a 24 anni del periodo di erogazione dei benefici e un’autoriduzione degli incentivi erogati su 20 anni.
 
Dopo un mese di ipotesi e smentite, il Ministero dello Sviluppo economico ha finalmente messo nero su bianco il Decreto ‘spalma-incentivi’, assicurando però che il provvedimento “non penalizza il fotovoltaico ma attenua i colossali incentivi (oltre 6 miliardi di euro l’anno per un ventennio) erogati a favore dei grandi operatori, con la stessa logica che ha portato a far pagare di più chi ha ricevuto di più”.
 
Con il provvedimento - spiega il Ministero - “vengono eliminati privilegi particolari che si erano accumulati nel tempo e che pesavano sulla collettività, vengono redistribuiti i costi sulla base dei consumi effettivi, vengono resi più severi i controlli sugli incentivi erogati agli operatori”.
 
Ma le aziende del settore non ci stanno. Secondo Assorinnovabili (l’Associazione di categoria che conta oltre 500 iscritti), la norma “di fatto taglia le risorse destinate agli impianti solari già funzionanti causando il licenziamento di almeno 10.000 lavoratori proprio delle PMI”.
 
Si tratta, per Assorinnovabili,  di “un inaccettabile provvedimento retroattivo che danneggia la credibilità del Paese, tradisce la certezza del diritto e che allontana definitivamente gli investimenti dall’Italia, diminuiti già del 58% dal 2007. Un provvedimento che non considera le conseguenze disastrose per gli operatori e i lavoratori, per l’ambiente e la salute dei cittadini”.
 
“Un provvedimento contro la Costituzione Italiana e contro l’Unione Europea - prosegue l’Associazione - che condannano ogni genere di norma retroattiva. Non si può rompere il rapporto di fiducia tra cittadini, imprese e Stato! È possibile ridurre le bollette per tutti senza spegnere la green economy che è uno dei settori fondamentali per lo sviluppo economico e ambientalmente sostenibile del nostro Paese”.
 
Nelle intenzioni del Governo, le misure - che dovrebbero essere inserite nel Decreto Legge Omnibus discusso nel Consiglio dei Ministri di venerdì 13 giugno - sono finalizzate a ridurre di un miliardo e mezzo di euro la bolletta energetica di imprese e famiglie. Lo sconto riguarderà prevalentemente le piccole e medie imprese (70% dei risparmi complessivi a favore di circa 700 mila soggetti) ma avrà effetti benefici anche per le famiglie (30%).
 
Un altro miliardo e mezzo è invece destinato ad incentivi fiscali agli investimenti produttivi e alla capitalizzazione d’azienda: è previsto un credito d’imposta del 15% e il potenziamento degli incentivi fiscali per chi aumenta il capitale della propria società; sarà più facile anche l’emissione di obbligazioni societarie.
 
Inoltre, per le PMI che vogliono rafforzate il loro patrimonio quotandosi in Borsa, viene introdotto un sconto fiscale maggiorato e vengono introdotte una serie di misure destinate a semplificare e a ridurre i costi per l’accesso e la permanenza in Piazza Affari.
 
Infine, le imprese avranno maggiore accesso al credito grazie alla possibilità che viene concessa alle compagnie di assicurazione e alle società di cartolarizzazione di fare finanziamenti diretti, grazie alle maggiori possibilità di emettere obbligazioni societarie da parte di società non quotate presso investitori qualificati e grazie alla possibilità per banche, fondi e assicurazioni localizzate all’estero (purché non nei paradisi fiscali) di erogare prestiti diretti a medio e lungo termine alle imprese, affiancandosi così al sistema bancario. Il complesso di queste misure dovrebbe far crescere di almeno 20 miliardi di euro il volume di crediti disponibili per le Pmi.
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
antonello

Sapete l'ultima? Una delle aziende su cui ho installato il fv, azienda agricola italiana, si è sentito dire che gli limitano il credito perchè è già esposta sulle rate dell'impianto fv, poichè il governo ha deciso di intervenire sugli incentivi già pattuiti....... Pensare che l'agricoltore ha fatto l'impianto per finanziare il rilancio dell'azienda agricola strozzata dalle importazioni fuori controllo dall'estero. Grande Italia!! consiglio Gabri di andarlo a spiegare a chi ha creduto di fare l'impianto. Spero inoltre Gabri che nessun ente pubblico lo/la rincorra per ADEGUARE PAGAMENTI DEL PASSATO RITENUTI TROPPO BASSI.

thumb profile
Alberto

Quoto Gianluca. E aggiungerei: le fonti fossili non gravano sulle bollette? Vengono conteggiati e monetizzati in bolletta i danni ambientali e alla salute derivanti dall'uso delle fossili? No? e allora di cosa parliamo? Non c'è nessuno che si lamenta del fatto che i cip6 sono andati anche a "termovalorizzatori" che appestano l'aria con fumi e polveri gravando anch'essi sulle bollette? Gente disinformata e senza coscienza... finisce che fa la fine dei sorci... portandosi dietro anche tutti gli altri!!!!!

thumb profile
Gianluca

Mi piacerebbe sapere e dato da come dice l'articolo spendiamo circa 6 miliardi di Euro l'anno per incentivare le energie rinnovabili; quanto invece quanto sono costate e quanto costano all'anno le seguenti voci di spesa del ns. governo: 1) Acquisto di aerei da guerra americani che non volano 2) Contingenti militari nelle zone di guerra 3) Sbarco dei clandestini a Lampedusa Dato che costano così tanto all'anno le rinnovabili ma danno lavoro a tante persone e famiglie compresa la mia....... perchè non eliminiamo le tre voci dal bilancio per sovvenzionare l'uso del sole e del vento per farsi che il ns. paese ai affranchi per quanto riguarda l'importazione dell'energia'

thumb profile
Risposta per gabri

Le imprese di cui tu parli (da perfetto ignorante) ha messo mani al portafogli ed ha investito sulla base di norme vigenti, e paga regolarmente le tasse ad uno Stato che cambia le regole a suo piacimento, andando contro i principi costituzionalmente garantiti. Poiché sicuramente sarai sicuramente un mediocre, le tue affermazioni fanno drizzare i capelli !!!!! Abbiamo o no bisogno di imprese che investano in Italia ? E tu investiresti ????? Se la tua risposta e' si .......... sei da internare !!!!!

thumb profile
Viva l'Italia

Un'altra figuraccia, si cambiano le regole dopo che aziende ( italiane e non ) hanno realizzato investimenti anche indebitandosi con il sistema bancario per produrre energia pulita. Vogliamo attrarre investimenti stranieri in Italia.....vai Matteo la strada e' quella giusta .....che schifo !!!!!!!!! L'Italia per salvarsi ha solo bisogno di fallire !!!!! Banda di buffoni ! E' meglio comprare l'energia elettrica dai paesi limitrofi magari prodotta da centrali atomiche ! VERGOGNA

thumb profile
manu

Facile finanziare con i soldi degli altri, magari degli stessi che vengono finanziati.. ma con questo andamento quì non ci viene più nessuno a portare lavoro ed il paese collassa!. Gli incentivi erano troppo alti, Ok... ma l'impegno è preso.. e poi, avete idea di quante voci si possono tagliare dalla bolletta elettrica per ridurla senza toccare soldi privati?

thumb profile
gabri

era l'ora, la precedente norma ci ha riempito di imprese straniere venute qui per ingrassare coi nostri incentivi facendo campi fotovoltaici con pannelli cinesi