Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Edifici pubblici, niente collaudo se mancano le opere d’arte

Edifici pubblici, niente collaudo se mancano le opere d’arte

Mit: in mancanza dell’opera artistica, l’immobile resta inutilizzato se la PA non indice una gara per realizzarla

Vedi Aggiornamento del 03/08/2017
di Paola Mammarella
Vedi Aggiornamento del 03/08/2017
13/06/2014 - I nuovi edifici pubblici non possono superare il collaudo, e restano quindi inutilizzati,  se una quota della spesa per la loro realizzazione non è destinata all’abbellimento con un’opera d’arte. Lo ricorda la circolare 3728/2014 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che riprende quanto stabilito dalla Legge 717/1949.
 
La quota di importo complessivo del progetto da destinare alla realizzazione dell’opera d’arte ammonta al 2% per importi superiori o uguali a un milione di euro, all’1% per importi compresi tra i 5 milioni e i 20 milioni e allo 0,5% per importi superiori o uguali a 20 milioni di euro.
 
Sono esclusi i progetti di importo inferiore a un milione di euro, a prescindere dalla destinazione dell’immobile, nonché gli edifici industriali, le scuole, le università, gli ospedali e gli edifici destinati all’edilizia residenziale civile e militare.
 
Spetta al responsabile unico del procedimento (RUP) il compito di curare il raccordo tra la realizzazione dell’edificio pubblico e l’installazione dell’opera d’arte. In particolare, è necessario accertare che il quadro economico riporti la quota percentuale da destinare all’opera d’arte.
 
In mancanza dell’opera d’arte non potrà essere effettuato il collaudo dell’edificio a meno che la Pubblica Amministrazione non indica una gara per la realizzazione dell’opera o non versi alla Soprintendenza l’importo dovuto maggiorato del 5%.

Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione