Carrello 0
PROFESSIONE

Architetti: nel mirino dell’Antitrust i software per calcolare le parcelle

di Rossella Calabrese

Consiglio Nazionale: ‘grave che un’Autorità pubblica rincorra i fantasmi di un inesistente trust di 150 mila architetti’

Vedi Aggiornamento del 07/04/2015
10/06/2014 - L’Antitrust ha aperto un’istruttoria nei confronti degli Ordini degli Architetti di Roma, Firenze e Torino per verificare l’esistenza di eventuali intese restrittive della concorrenza.
 
Sotto la lente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è finito un software per calcolare i compensi professionali, che gli Ordini hanno messo a disposizione degli iscritti sui propri siti web.
 
Il calcolatore consente al professionista di definire il proprio compenso compilando una serie di voci già predisposte: importo dei lavori da eseguire, relativa classe e categoria, percentuale di spese previste, nonché selezionando le prestazioni che verranno erogate per i suddetti lavori, ottenendo così un valore dell’importo della parcella, calcolato in funzione delle prestazioni che verranno erogate.
 
Tutti e tre gli Ordini che offrono il servizio specificano nella stessa pagina web che le tariffe professionali sono state abrogate dal Decreto Bersani (DL 1/2012 convertito nella Legge 27/2012), che il metodo di calcolo costituisce solo uno dei possibili parametri per calcolare il compenso professionale e che l’applicazione di tale metodo di calcolo non è obbligatoria. Per calcolare i compensi, il software utilizza le tariffe professionali vigenti prima del Decreto Bersani.
 
Gli Ordini di Roma, Firenze e Torino - spiega l’Antitrust - essendo enti territoriali rappresentativi di “imprese”, sono delle associazioni di imprese; quindi i servizi di calcolo dei compensi professionali che essi offrono, costituiscono deliberazioni di associazioni di imprese e, pertanto, appaiono definibili come “intese”.
 
Tali intese - continua l’Antitrust - sono vietate dalla Legge 287/1990, in quanto suscettibili di determinare, favorire o facilitare il coordinamento dei comportamenti degli architetti in relazione alla quantificazione dei rispettivi compensi professionali, con conseguente alterazione della concorrenza.
 
Infatti, secondo l’AGCM, i compensi risultanti dai calcolatori proposti dai tre Ordini sono idonei a rappresentare per i professionisti un focal point in relazione al comportamento di prezzo da tenere sul mercato. E quando un organismo rappresentativo di imprese individua prezzi di riferimento, anche se non obbligatori, si possono determinare effetti negativi per la concorrenza, alla stessa stregua dei prezzi obbligatori.
 
Ciò in quanto - aggiunge l’Antitrust - la mera esistenza di prezzi cui far riferimento si presta, da un lato, a facilitare il coordinamento dei prezzi fra i prestatori dei servizi e, dall’altro, ad ingannare i consumatori in merito alla misura dei livelli ragionevoli dei prezzi. Si tratta - conclude il documento - di una decisione associativa che rientra tra le principali e più serie restrizioni della concorrenza.
 
Durissima la replica del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, che ha definito l’apertura dell’istruttoria da parte dell’Autorità “l’ennesima dimostrazione che la bizantina applicazione delle norme in Italia nasconde la consueta politica (e pratica) di essere deboli con i forti, forti con i deboli”.

Secondo il Cnappc, l’atto parte da premesse errate, “clamorosa quella di considerare gli Ordini professionali ‘associazioni d’impresa’” e da “una evidente ignoranza riguardo alla realtà professionale italiana e del suo mercato, dove vige una concorrenza spietata spesso a danno della qualità e della sicurezza dell’abitare”.
 
“Grave è che, ancora una volta - continua la nota del Cnappc - un’Autorità pubblica delegata a regolare il mercato e proteggere i consumatori, dedichi il suo tempo e le sue risorse a rincorrere i fantasmi di un inesistente trust di 150 mila architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, il cui reddito medio è certificato ormai inferiore ai 20 mila euro annui, mentre i cittadini italiani sono vittime quotidiane di vere intese restrittive della concorrenza e alterazioni del mercato, che spesso abbiamo denunciato e che l’Autorità non vede, o non vuole vedere”.
 
Tra gli esempi citati dal Cnappc:
- il fatto che il 99% degli architetti italiani siano esclusi dal mercato dei lavori pubblici, “avendo la norma artatamente innalzato le condizioni di accesso”;
- la vendita sul web di prestazioni professionali come la certificazione energetica a 40 euro, “evidenti truffe, vista la mole di lavoro necessaria per certificare opere che danno diritto a bonus fiscali”;
- le attività di dumping ripetute su tutto il territorio nazionale “con la complicità della P.A., in gare con sconti oltre il 90% o addirittura gratuite”.
 
“E che dire - continua il Cnappc - della limitazione alla concorrenza causata dallo strapotere delle partecipate pubbliche che programmano, progettano, appaltano, dirigono i lavori e se li liquidano, con incarichi diretti, sempre senza strutture adeguate e competenti? Da Expo a Mose, passando per L’Aquila, il G8, il Ponte di Messina, le Città della Salute, il mercato è drogato dallo stesso potere pubblico e politico che nomina Autorità di Vigilanza ‘terze’ che serenamente si dedicano del tutto impropriamente a vessare chi, con chiarezza, informa il consumatore dei suoi diritti, assumendo le proprie responsabilità in un codice deontologico che - con tutta evidenza - l’Antitrust sembra non aver letto”.
 
“Risponderemo puntualmente alle osservazioni dell’Antitrust - assicura il Consiglio Nazionale - ma esprimiamo pubblicamente la nostra indignazione, in quanto rappresentanti dello Stato responsabili (e non associazione d’imprese), nel verificare che l’Autorità continua ad esercitare i propri poteri alla luce del pregiudizio”.
 
“Non resta che informare l’Antitrust - conclude il Cnappc - sul fatto che gli Ordini hanno pubblicato ‘fogli’ che calcolano gli emolumenti sulla base di un Decreto del Ministero che li vigila (Parametri bis - DM 143/2013) ed il suggerimento a trascorrere un paio di giornate in uno Studio di architettura di un qualunque luogo italiano per essere meglio a conoscenza della realtà del mercato e della concorrenza, prima di prendere decisioni incongrue”.
 
 

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
roberto architetto

Condivido in pieno l'operato del CNA... . L'ANTITRUST si occupi della concorrenza tra le società che rivendono energia, MOSE docet. Suggerisco di inviare tutto il carteggio al Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

thumb profile
E i "cartello" dei petrolieri?

Dov'è l'antitrust quando TUTTI i marchi della benzina aumentano il costo del carburante il 1° luglio, il 24 dicembre, per la vigilia dei ponti etc? Dov'è l'antitrust quando , appena il barile di petrolio sale di 1 dollaro, TUTTI i marchi di carburante aumentano di 5 centesimi il costo della benzina? E dov'è l'Antitrust quando il prezzo del barile scende di 25 dollari, ma NESSUN marchio di carburanti abbassa mai il prezzo della benzina, neppure di un centesimo? e i problemi dei consumatori stanno nel fattoo che noi tecnici si tiri a campare cercando di farci pagare il nostro lavoro appena un po' meglio di un donna delle pulizie?

thumb profile
Altro che "cartello" degli Ordini

Dov'era l'antitrust quando in 6 anni l'assicurazione della stessa Golf volkswagen è passata da 250 a 600 euro l'anno senza che io abbia fatto incidenti in tutti questi anni? Dov'era l'Antitrust quando nel 2009 non so0no riuscito a trovare UNA assicurazione neppure obnline che facesse l'assicurazione al mio 125 con furto e incendio per meno di 480 euro annui? Dov'è l'antitrust quando a Firenze NON si riesce a trovare un pediatra che venga a visitare a casa tuo figlio di 4 anni con la febbre a 39°, perché hanno fatto tutto "intesa", pardon "cartello" per dire a noi genitori "portate il bimbo in studio", anche se ha il morbillo o la varicella, che sono pure contagiosi, oltre che pericolosi?

thumb profile
Lorenzo

Il Cnappc non ha fatto bene, perchè ha protestato, ma ha rimosso il software. Se chi ha i mezzi non si oppone alle richieste vessatorie e ingiuste dello Stato chi deve farlo il singolo professionista? Se l'unico potere degli Ordini è quello di scrivere un'educata lettera di proteste e poi adeguarsi a qualsiasi richiesta, giusta o ingiusta, allora possiamo davvero abolirli.

thumb profile
Sergio

Meno male che per una volta il nostro Consiglio Nazionale ha risposto a tono alle affermazioni dell' Autorità pubblica, che gettano discredito su migliaia di Architetti, gli stessi che oggi fanno fatica a sopravvivere, non solo per la crisi in atto ma anche e sopratutto a causa di Leggi dello Stato, che invece di favorire il lavoro lo tolgono. Ricordiamoci che l'Italia come è fatta di piccole e medie imprese è fatta anche di piccoli e medi studi, che ogni giorno con il loro lavoro aiutano a far crescere questo paese.

thumb profile
Pifferaio

Che vergogna! Vengono a cercare le tariffe dei professionisti Ma che vadano a caghèr Sulle assicurazioni giurano e spergiurano sempre che non c'è cartello Il solito libero finto mercato

thumb profile
Giorgio

Ordini professionali e politica sono la stessa cosa!!! SONO L'ALTRA FACCIA DELLA POLITICA, PRIMA O POI GLI SCANDALI COLPIRANNO ANCHE LORO.

thumb profile
GIUSEPPE

ABOLITE TUTTI GLI ORDINI PROFESSIONALI, NON SERVONO A NIENTE, ANZI SERVONO PER I CONSIGLIERI E I PRESIDENTI CHE S'INGRASSANO SEMPRE PIU'!!


x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa