Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Condominio, come si calcolano i limiti di spesa del Superbonus 110%
NORMATIVA Condominio, come si calcolano i limiti di spesa del Superbonus 110%
PROFESSIONE

DM Parametri, Aicarr: penalizzati gli impianti meccanici

di Paola Mammarella

Per il legislatore progettare impianti meccanici richiede impegno e capacità minori rispetto alle opere edili

Vedi Aggiornamento del 13/06/2014
Commenti 6552
11/06/2014 – "Le valutazioni del DM Parametri sugli impianti meccanici sono scorrette, inadeguate e incomplete". A denunciare lo scarso peso dato alla complessità e alle competenze tecniche necessarie per la progettazione degli impianti meccanici è un documentodiffuso dall’associazione italiana condizionamento dell’aria, riscaldamento e refrigerazione (AICARR).
 
L’analisi di Aicarr si è concentrata sul parametro G, che individua il grado di complessità della prestazione.
 
In primo luogo, Aicarr ha rilevato che il DM 143/2013 annovera tra le opere inerenti agli impianti meccanici negli edifici gli impianti per l'approvvigionamento, la preparazione e la distribuzione di acqua nell'interno di edifici o per scopi industriali, impianti sanitari, impianti di fognatura domestica od industriale ed opere relative al trattamento delle acque di rifiuto, reti di distribuzione di combustibili liquidi o gassosi, impianti per la distribuzione dell’aria compressa del vuoto e di gas medicali, impianti e reti antincendio, impianti di riscaldamento e raffrescamento, climatizzazione, trattamento dell’aria, impianti meccanici di distribuzione fluidi e impianti solari termici.
 
Il grado di complessità assegnato alla realizzazione di queste opere, sottolinea Aicarr, è compreso tra 0,75 e 0, 85. Alle opere edili e strutturali è invece assegnato un grado di complessità compreso, rispettivamente, tra 0,95 e 1,2 e tra 0,95 e 1,15. Per quanto riguarda gli impianti elettrici, infine, il grado di complessità varia da 1,15 a 1,30.
 
Ciò a detta di Aicarr significa che, secondo il legislatore, progettare opere edili e impianti elettrici comporta impegno e capacità professionali maggiori rispetto a quelle necessarie per progettare gli impianti meccanici.
 
Si tratta, afferma Aicarr, di un approccio sbagliato, che non considera come il grado di sostenibilità ambientale e di efficienza energetica, richiesti negli interventi di nuova costruzione e riqualificazione, comporti oneri crescenti a carico dei progettisti degli impianti meccanici. Ai progettisti, infatti, sono richieste non solo approfondite conoscenze scientifiche in settori dell'ingegneria e dell'architettura che fanno capo alla Fisica Tecnica, ma anche il costante aggiornamento in ambito normativo e tecnologico.

Basti pensare alle regole sul rendimento energetico in edilizia e sulla certificazione energetica, che sono sempre in evoluzione e richiedono soluzioni impiantistiche nuove, o al fatto che ai calcoli tradizionalmente richiesti si sono aggiunte le simulazioni termo energetiche, volte a caratterizzare il comportamento energetico del sistema edificio-impianti in modo da poterne prevedere le prestazioni, i consumi e le relative percentuali di copertura mediante le diverse fonti di energia. Ma non solo, perché nelle procedure di certificazione della sostenibilità secondo i protocolli più diffusi in Italia, quali LEED, ITACA e BREEAM, gli oneri maggiori ricadono quasi integralmente sugli impianti meccanici.
 
Secondo Aicarr, a rendere complessa la progettazione di un impianto meccanico sono infine l’analisi comparata fra molteplici soluzioni progettuali e l’attività integrata e coordinata con i colleghi architetti e strutturisti per la definizione degli spazi tecnici.
 
Ricordiamo che il grado di complessità dell’opera impatta sul compenso posto a base di gara nell’affidamento dei servizi di progettazione. Dalle valutazioni espresse da Aicarr si desume quindi che il parametro andrebbe rivisto per non penalizzare chi progetta gli impianti meccanici.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati