Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Assorinnovabili: ‘sul DL Spalma-Incentivi intervenga l’Europa’

di Rossella Calabrese

L’Associazione avverte i Comuni e i proprietari terrieri: ‘a rischio convenzioni, tributi e affitti’

Vedi Aggiornamento del 18/11/2014
30/06/2014 - Dopo le campagne di informazione, le proteste e l’appello a Napolitano, assoRinnovabili ha deciso di rivolgersi al Commissario Europeo per l’Energia, Günther Oettinger, per chiedergli di invitare il Governo italiano a riconsiderare la questione DL Spalma-Incentivi.
 
Si tratta del Decreto Legge 91/2014 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 giugno 2014 ed entrato in vigore il giorno dopo, che taglia gli incentivi che i titolari di impianti fotovoltaici di potenza superiore a 200 kW stanno percependo in forza delle norme sul Conto Energia.
 
Il DL mette sul piatto due opzioni: rimodulazione e allungamento da 20 a 24 anni del periodo di erogazione oppure riduzione dell’8% degli incentivi (leggi tutti i dettagli).
 
La posizione dell’Associazione dei produttori di energia da fonti rinnovabili sulla norma che riduce retroattivamente gli incentivi agli impianti fotovoltaici - si legge nella lettera - è “perfettamente in linea con quanto dichiarato dallo stesso Oettinger”.
 
Il Commissario Europeo per l’Energia - prosegue assoRinnovabili - “in un intervento dell’agosto scorso, ha condannato con fermezza l’introduzione di tagli retroattivi agli incentivi per le rinnovabili perché minano la fiducia degli investitori, ricordando che ‘tutti coloro che hanno installato pannelli solari, centrali a biogas o parchi eolici debbono ricevere il livello di incentivazione garantito al momento dell’installazione’”.
 
“Constatiamo con amarezza - commenta Agostino Re Rebaudengo, presidente di assoRinnovabili - che, nonostante il parere sull’incostituzionalità della norma fornito dal Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Valerio Onida, la nostra richiesta al Presidente della Repubblica di rinviare il decreto legge al Governo per eliminare lo spalma incentivi non è stata accolta. Confidiamo pertanto che l’Europa possa valutare la possibilità di indirizzare al Governo e al Parlamento Italiano un invito a riconsiderare la questione”.

Nella sua battaglia per impedire la conversione in legge del DL Spalma-Incentivi, Assorinnovabili chiede aiuto anche all’Associazione Nazionali Comuni Italiani (ANCI), a Coldiretti, a Confagricoltura e a Federfondiaria. “Oltre a minare la salute della green economy made in Italy - spiega l’Associazione -, il DL Spalma-Incentivi, che interessa ben 11 mila MW dei 18 mila MW di potenza fotovoltaica installata, rappresenta un grave pericolo anche per tutti i Comuni che ospitano impianti fotovoltaici e per i proprietari dei terreni su cui sono installati”.
 
“Aggiungendosi a una serie di provvedimenti di natura normativa, fiscale e regolatoria che nell’ultimo anno e mezzo hanno già eroso in modo considerevole i ricavi dei produttori di energia da fonte fotovoltaica - ricorda il presidente Re Rebaudengo -, la norma, qualora fosse convertita in legge, renderebbe molto probabile il rischio di numerosi default aziendali, con le imprese che si vedranno costrette a ridurre drasticamente i corrispettivi relativi alle obbligazioni assunte nei confronti dei Comuni (convenzioni e tributi comunali) e dei soggetti che hanno ceduto il diritto di superficie (canoni di affitto)”.



 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati