Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
RISTRUTTURAZIONE Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
LAVORI PUBBLICI

Campania, dalla Regione 827 milioni di euro alle scuole

di Rossella Calabrese

Risorse per l’efficientamento energetico, la sicurezza e l’accessibilità degli edifici scolastici

Vedi Aggiornamento del 21/11/2014
11/07/2014 - Uno stanziamento di 827 milioni e 300 mila euro per la riqualificazione del sistema scolastico è stato approvato nei giorni scorsi dalla Giunta della Regione Campania.
 
Gli interventi sono stati presentati dal presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, alla presenza dell’assessore all’Istruzione Caterina Miraglia e del direttore scolastico regionale Diego Bouchè.
 
Le risorse sono così distribuite:
- 325 milioni di euro del POR FESR Campania 2007/2013 a valere sull’Obiettivo Operativo 6.3 “Città solidali e scuole aperte”;
- 102 milioni di euro di risorse POR FESR per l’adeguamento statico degli edifici scolastici di proprietà dei comuni della Campania.
 
Con i 325 milioni di euro sono stati avviati percorsi per potenziare e riqualificare il sistema delle infrastrutture scolastiche. Gli interventi interessano un bacino d’utenza scolastica di circa 800.000 tra alunni delle elementari e medie e studenti delle superiori, per un totale di 1000 scuole.

L’Autorità di Gestione del POR FESR Campania e il Ministero Istruzione Università e Ricerca scientifica (MIUR) hanno sottoscritto due protocolli d’intesa.
 
Con un protocollo sono stati stanziati 250 milioni di euro (al momento erogati 42,5 milioni) per migliorare la sostenibilità ambientale e l’innovatività delle strutture scolastiche, al fine di valorizzare l’offerta formativa delle scuole della Campania, attraverso: 
- interventi per il risparmio energetico (impianti fotovoltaico, termico, isolamento verde etc.);
- interventi per garantire la sicurezza degli edifici scolastici (impianti idrico-elettrici-rilevamento, scale emergenza, etc.);
- interventi per aumentare l’attrattività degli Istituti scolastici (spazi interni ed esterni, segnaletica funzionale etc.);
- interventi per garantire l’accessibilità a tutti degli Istituti scolastici (porte, arredi, infissi esterni, ascensore, piattaforma elevatrice, etc.);
- interventi finalizzati a promuovere le attività sportive, artistiche e ricreative (impianti sportivi).
 
L’altro protocollo ha disposto lo stanziamento di 75 milioni di euro (tutti già erogati) per il finanziamento di 3.000 laboratori didattici, con:
- l’incremento delle dotazioni tecnologiche e delle reti per gli ambienti di apprendimento scolastico;
- l’incremento del numero di laboratori tecnologici, multimediali e digitali per migliorare l’apprendimento delle competenze chiave (matematiche, scientifiche e linguistiche);
- l’acquisto di apparecchiature finalizzate alla partecipazione di allievi diversamente abili.
 
Per quanto riguarda invece i 102 milioni di euro per l’adeguamento statico delle scuole, su 54 progetti presentati, sono stati ammessi al momento a finanziamento il 38,8% per un totale di circa 41 milioni di euro.
 
Infine, con una delibera di Giunta del 27 giugno 2014, sono stati programmati ulteriori 400 milioni di euro di investimenti per dotazioni tecnologiche, ausili per diversamente abili, laboratori didattici necessari all’apprendimento delle competenze chiave, efficientamento energetico degli edifici scolastici, messa a norma degli impianti, dotazione di impianti sportivi e miglioramento dell’attrattività degli spazi negli Istituti di istruzione statali del 1° e 2° Ciclo d’istruzione.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui