Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
LAVORI PUBBLICI

Edilizia scolastica, al via il piano #scuolebelle

di Rossella Calabrese

Dal Ministero dell’Istruzione l’elenco degli oltre 7.700 plessi destinatari di 150 milioni di euro nel 2014

Vedi Aggiornamento del 29/02/2016
Commenti 11361
22/07/2014 - Iniziano questa settimana gli interventi di piccola manutenzione per il ripristino del decoro e della funzionalità delle scuole.
 
Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato l’elenco completo (aggiornato al 18 luglio) delle istituzioni scolastiche, per un totale di 7.751 plessi, interessate quest’anno dal programma #scuolebelle del Piano per l’edilizia scolastica del Governo, al quale è destinato un finanziamento di 150 milioni di euro per il 2014.

La nota spiega che il Miur verserà gli importi direttamente alle scuole; saranno poi i dirigenti scolastici ad ordinare i lavori attraverso gli appalti Consip o ricorrendo ai vecchi appalti, nel caso in cui quelli nuovi non siano ancora stati attivati.
 
Scarica il Piano Ripartizione Interventi Edifici Scolastici
 
Oltre al programma #scuolebelle, il Piano prevede anche #scuolenuove per la costruzione di nuovi edifici scolastici e per la realizzazione di manutenzioni importanti, che assorbirà 244 milioni di euro per 404 cantieri.

E il programma #scuolesicure, per la messa in sicurezza di 2480 edifici scolastici, con un finanziamento di 400 milioni di euro. Ogni intervento avrà un valore medio di 160 mila euro. Si tratta di interventi già dichiarati ammissibili ma che solo oggi sono stati finanziati e che potranno partire dopo l’iter di registrazione delle delibere.

Nel complesso il Piano coinvolgerà complessivamente 20.845 edifici scolastici per uno stanziamento pari a 1.094.000.000 di euro.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui