Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
LAVORI PUBBLICI Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
PROFESSIONE

Fondi europei ai professionisti, il Cni lancia la consultazione

di Paola Mammarella

Individuare le modalità di lavoro per inserirsi nei processi decisionali e accedere alle risorse per la ricerca

Vedi Aggiornamento del 16/06/2015
Commenti 7634
09/07/2014 – Rendere possibile l’accesso dei professionisti ai fondi strutturali e a quelli di ricerca e innovazione europei e nazionali. È l’obiettivo con cui il Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI) ha lanciato una consultazione per individuare le modalità di lavoro più adatte ad aggiudicarsi le risorse in campo.
 
Ricordiamo che ad aprile la Commissione Europea ha chiarito che i professionisti potranno usufruire dei fondi strutturali gestiti a livello nazionale o regionale,degli 80 miliardi di fondi Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione e dei 2,4 miliardi di fondi Cosme, studiati per la competitività e la crescita economica.
 
Si tratta di risorse che prima erano riservate alle imprese, ma per cui adesso possono concorrere anche i professionisti grazie ad un cambiamento di rotta dell’Unione Europea, che ha deciso di valorizzare il giro d’affari creato dalle libere professioni.
 
Il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, ha però annunciato un cammino in salita. Le sue preoccupazioni riguardano infatti le modalità con cui verranno redatti i bandi regionali che gestiranno i finanziamenti comunitari.
 
Sulla base di queste considerazioni, il CNI ha avviato una riflessione sul coinvolgimento degli ingegneri professionisti nell'ambito della programmazione delle risorse.
 
Non si tratta, spiega il CNI, solo di provare a intercettare direttamente le risorse pubbliche, in qualità di  progettisti e attuatori delle attività e degli interventi previsti dalla programmazione, ma di assumere, attraverso le strutture di rappresentanza ordinistica, il ruolo di parti attive nell’ambito dei processi decisionali e di indirizzo negli interventi da realizzare.

Per questa ragione il CNI, attraverso il Centro Studi, ha deciso di realizzare una indagine rivolta a tutti gli iscritti per contribuire a individuare le modalità di lavoro più adatte per consentire ai professionisti di partecipare ai processi decisionali.
 
Gli interessati potranno rispondere sul sito www.centrostudicni.it o collegandosi al sito www.quiz.centrostudicni.it. 



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa