Carrello 0
RISPARMIO ENERGETICO

Bando ‘CSE - Comuni per la Sostenibilità’, domande dal 21 luglio

di Rossella Calabrese

Dal Ministero le istruzioni per accedere ai 15 milioni di euro destinati agli edifici comunali del Sud

Vedi Aggiornamento del 03/06/2015
10/07/2014 - Potranno essere presentate dal 21 luglio 2014 dai Comuni le domande relative al Bando da 15 milioni di euro per interventi di efficientamento energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili sugli edifici comunali in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
 
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti pubblicato le Modalità di trasmissione delle istanze e il Modello di domanda relativi all’Avviso pubblico CSE - “Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza Energetica”.
 
Il Bando, ricordiamo, è rivolto alle Amministrazioni comunali delle Regioni Convergenza che intendano realizzare interventi su edifici di proprietà  e dei quali abbiano la disponibilità esclusiva, della stessa, oppure di proprietà del Demanio o di un’altra Amministrazione pubblica e che siano nella disponibilità esclusiva del Comune che presenta la domanda.

È previsto un contributo a fondo perduto fino al 100% del costo ammissibile per la realizzazione di impianti fotovoltaici, solari termici, di minicogenerazione, pompe di calore per la climatizzazione e servizi connessi, beni per l’efficienza energetica.
 
Leggi tutti i dettagli del Bando
 
La trasmissione di istanze, comunicazioni e documenti dalle Amministrazioni comunali al Ministero, e viceversa, sarà effettuata esclusivamente attraverso la piattaforma informatica http://cse.mise.gov.it che sarà attiva dal 21 luglio 2014.
 
Dopo la registrazione, i Comuni riceveranno al proprio indirizzo PEC le credenziali per accedere alla piattaforma e effettuare tutte le operazioni, dalla richiesta di contributo alla rendicontazione delle spese. Tutte le richieste dovranno essere sottoscritte con firma digitale.
 
Mediante la piattaforma, sarà reso noto in tempo reale l’ammontare delle risorse disponibili e, per ciascun  Comune richiedente, l’esito del procedimento di assegnazione del contributo. L’ordine di valutazione delle istanze sarà cronologico, secondo la data e l’ora di presentazione registrate dalla piattaforma.
 
Sempre attraverso la piattaforma, i Comuni trasmetteranno la richiesta di erogazione del contributo, alla quale andranno allegati alcuni documenti richiesti in base alla tipologia di diagnosi energetica in attuazione della quale è realizzato l’intervento finanziato e al “mix” di prodotti tramite i quali l’intervento è realizzato.
 
 

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati