Network
Pubblica i tuoi prodotti
LIVE NOW
oggi alle ore 14:57
Vacunanex Cappotto: il sistema a basso spessore che funziona
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
AZIENDE

Ruredil per un miglioramento sismico del polo scolastico in Neviano degli Arduini

Commenti 2913
26/09/2014 - L’edificio scolastico a destinazione “scuola materna + scuola elementare” nel comune di Neviano degli Arduini, zona collinare dell’ Appenino Parmense (classificato come zona sismica 3 ai sensi dell’OPCM 3274/2003) è stato realizzato alla fine degli anni 70 e manifesta caratteristiche tipologiche strutturali tipiche di quegli anni. L’edificio è a pianta rettangolare con quattro piani fuori terra ed è caratterizzato da una articolazione di spazi sui vari livelli in altezza; nello specifico al piano terra servizi amministrativi e piano pilotis, al piano primo scuola materna, al piano secondo scuola elementare e al piano sottotetto (a doppia altezza) è prevista la palestra a servizio della scuola e di altri fruitori in orari non scolastici.
    
L’Amministrazione Comunale di Neviano degli Arduini, anche a seguito di un precedente evento sismico (magnitudo 5.2) del dicembre 2008 con epicentro nel comune, ha disposto di predisporre un’indagine finalizzata a conoscere lo stato delle strutture del proprio immobile scolastico costituente il polo scolastico.

L’edificio è a telaio in c.a. con travi “in spessore” di solaio, pilastri in c.a. e solai in laterocemento, uno dei maggiori problemi è il non rispetto della gerarchia delle resistenze e uno scarso (se non assente) confinamento dei nodi trave pilastro. Pertanto la progettazione ha scelto di utilizzare il sistema di rinforzo Ruregold® (fibre in PBO con matrice inorganica stabilizzata) da applicare direttamente  su tutti i nodi “trave-pilastro”. In particolare l’intervento si è concentrato sulla necessità di intervenire a migliorare la risposta nei confronti dei meccanismi di rottura di tipo “fragile” (tipicamente a taglio) e per creare confinamento dei nodi trave pilastro, il tutto con interventi di demolizione “limitati” (demolizioni di pavimenti e tamponamenti limitati).

Il sistema di rinforzo Ruregold® è stato scelto anche perché in grado di garantire la durata nel tempo del rinforzo stesso grazie alle proprietà del sistema che offre, oltre ad una praticità di applicazione, ottima resistenza al fuoco ed alle alte temperature, l’assenza di fenomeni di corrosioni e, non ultimo, consente di effettuare una finitura mediante intonacatura e successiva tinteggiatura una volta eseguito il rinforzo.

Viste le tipologie strutturali e le necessità di intervento con la minor invasività prevista, si è valutato di agire con tecniche innovative, realizzando fasciature dei nodi e delle aste mediante rinforzi FRCM della linea Ruregold® con  reti in PBO (poliparafenilebenzobisoxazolo) e matrice inorganica stabilizzata Ruregold® MX Calcestruzzo. Il sistema di rinforzo Ruregold® è costituito da una fibra, di materiale polimerico, che viene posata direttamente sulla superficie in calcestruzzo, previa perfetta pulitura e bagnatura, mediante matrice Ruregold® MX Calcestruzzo. Le operazioni per la posa in opera del rinforzo necessitano di interventi di rimozione delle finiture esistenti (pitture, intonaco, ecc.) ma non ne pregiudicano il successivo ripristino così da riportare le zone di intervento nella stessa situazione antecedente i lavori ed essere del tutto identiche a quelle esistenti. Il rinforzo a taglio delle travi, dei pilastri ed il confinamento dei è stato realizzato mediante l’utilizzo delle fibre Ruregold® XP, applicate con apposita malta Ruregold® MX Calcestruzzo.

L’uso di questi materiali compositi nel rinforzo sismico di elementi in c.a. è finalizzato ad aumentare la resistenza a taglio di pilastri e pareti mediante applicazione di fasce, aumentare la resistenza nelle parti terminali di travi e pilastri mediante applicazione di fasce, aumentare la duttilità nelle parti terminali di travi e pilastri e miglioramento dell’efficienza delle giunzioni. A seconda della direzione e delle posa delle reti, tale tipologia di intervento ha la duplice funzione di rinforzo a taglio della parete o a flessione degli elementi.


RUREDIL su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui