Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Pannelli innovativi per l’edilizia con prodotti di scarto, il progetto di Enea
TECNOLOGIE Pannelli innovativi per l’edilizia con prodotti di scarto, il progetto di Enea
NORMATIVA

Cnappc: ‘Sblocca Italia troppo altalenante, si rischia la palude’

Lettera degli architetti al premier Matteo Renzi e ai Ministri Lupi, Galletti, Franceschini, Madia e Delrio

Vedi Aggiornamento del 21/10/2014
Commenti 11357
05/09/2014 - Grande delusione degli architetti italiani per gli esiti a cui sembra avviato il Decreto Sblocca Italia che poteva e doveva essere il primo atto di una seria azione di investimenti intelligenti nell’edilizia e nella politica di rigenerazione delle città e dal quale risulta addirittura clamorosamente scomparso persino il Regolamento Edilizio unico.
 
“Rimettere mano alle città, a partire dalle sue periferie - sottolinea Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori in una lettera aperta inviata al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ai Ministri Lupi, Galletti, Franceschini, Madia e al sottosegretario Delrio - non solo risponde all’esigenza dei cittadini che vorrebbero vivere in luoghi sicuri, sani e più belli, ma crea anche le condizioni per riavviare il commercio, promuovere le iniziative imprenditoriali, valorizzare i beni culturali, richiamare gli investimenti”.
 
Il percorso altalenante dello Sblocca Italia (vedi bozza del decreto) - per Freyrie - è il sintomo preoccupante che, ancora una volta, la bizantina vischiosità legislativa, se non viene affrontata con la forza di un progetto chiaro e condiviso, sterilizza anche le migliori proposte.
 
“Il Decreto - si legge ancora nella lettera - poteva e doveva porre le basi per far ripartire l’economia lanciando un progetto di Riuso delle città, con adeguati investimenti e norme adatte; mettendo a sistema, ed al servizio del progetto, le politiche importanti già varate o annunciate sul consumo del suolo, sui consumi energetici e la sicurezza degli edifici, sulle periferie, sulle scuole e gli asili nido, sui beni demaniali, sull’urbanistica e sui lavori pubblici, sulla tutela dei beni culturali”.
 
Gli architetti italiani tuttavia non demordono nel chiedere che si avvii subito una politica nazionale di Rigenerazione Urbana Sostenibile, che è premessa fondamentale da cui dedurre le norme urbanistiche, edilizie e dei lavori pubblici e gli investimenti.
 
Chiedono anche, nella lettera, “lo spostamento di parte delle risorse disponibili dalle grandi infrastrutture alle città, essendo dimostrato che ogni euro di denaro pubblico investito nelle città - a differenza di ferrovie e autostrade - ne attrae quattro dal mercato privato; norme edilizie chiare e prestazionali, condivise su tutto il territorio nazionale, che favoriscano la qualità dell’abitare invece della buro-edilizia fonte, tra l’altro, di corruzione e di abusivismo; certezza dei diritti e delle procedure, con solo due modelli autorizzativi: la SCIA e il Premesso di costruire, dando massima trasparenza e pubblicità ai progetti - visibili a tutta la comunità dei cittadini - ma limitando nel tempo la possibilità sia per la P.A. che per i terzi di bloccare un’opera già approvata in via definitiva e in cantiere”.
 
Ed ancora “la riapertura del mercato della progettazione pubblica giudicando sul merito dei buoni progetti e non su requisiti abnormi e arbitrari richiesti ai progettisti, uscendo dallo stato di illegalità certificato dall’Autorità di Vigilanza e dalle Direttive Comunitarie; linee guida nazionali sulla tutela dei beni monumentali e paesaggistici, per uscire dalle interpretazioni autocratiche e condividere un progetto che salvaguardi la bellezza dell’Italia”.
 
“Caro Presidente - conclude la lettera - gli architetti italiani sono molto vicino al limite della sopravvivenza, con redditi da incapienti e disoccupazione giovanile mai vista prima: però non scioperiamo né ci incateniamo davanti a Palazzo Chigi. Poiché viviamo di progetti, continuiamo a credere che possiamo progettare per l’Italia un futuro migliore, con razionalità e capacità di visione.
 
Chiediamo al Governo la stessa caparbietà e coraggio, ascoltandoci e attuando ciò che con tanti altri da tanto tempo proponiamo, lasciando che si sveli a tutti chi lavora per la conservazione di uno status quo che ha tutte le caratteristiche della Stige, la palude degli accidiosi, nella quale non vogliamo affogare”.
 
Fonte: Ufficio stampa CNAPPC
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Findnig this post. I

Findnig this post. It's just a big piece of luck for me.

thumb profile
Vittorio Foschi

Scusaci Presidente Freyrie, ma gli Architetti non hanno bisogno di modelli SCIA di trenta pagine unificati, che fanno riferimento a normative obsolete ed a Legislazioni che si accumulano da gli anni venti, sono ancora in vigore i Regi Decreti, non e' possibile pensare ad un Regolamento Unico , ma che sarebbe un RUE Unificato per la montagna la collina la pianura e la Costa, basta con le facilonerie gli Architetti vogliono che il Progetto si riprenda la Leadership nel processo edilizio ed influenzi il Governo del territorio, a proposito prima di parlare di Regolamenti unici, di modelli unici non sarebbe , cosa buona e giusta, fare la riforma al titolo V della Costituzione e stabilire fra Stato , Regioni, Provincie che ci sono ancora e Comuni o Unioni dei Comuni , chi sono gli Attori del Governo del Territorio! Gli Architetti hanno il diritto di avere chiarezza e vogliono che il Progetto torni a vivere!!!! Vittoriofoschiarchitetto