Carrello 0
NORMATIVA

Ministero beni culturali e turismo, via libera alla riorganizzazione

di Rossella Calabrese
Commenti 6152

Tra le novità la struttura dedicata all’arte e all’architettura contemporanee e alle periferie urbane

Vedi Aggiornamento del 19/11/2015
Commenti 6152
03/09/2014 - Il Consiglio dei Ministri del 29 agosto scorso ha approvato il DPCM di riorganizzazione del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, presentato dal Ministro Dario Franceschini.
 
Il provvedimento - ha spiegato il Ministro in conferenza stampa - rende l’amministrazione dei beni culturali più snella, efficiente e economica attraverso:
- l’ammodernamento della struttura centrale e la semplificazione di quella periferica;
- l’integrazione definitiva tra cultura e turismo;
- la valorizzazione dei musei italiani (20 musei e siti archeologici di interesse nazionale dotati di piena autonomia gestionale e finanziaria con direttori altamente specializzati e selezionati con procedure pubbliche);
- il rilancio delle politiche di innovazione e formazione;
- la valorizzazione delle arti contemporanee;
- la revisione delle linee di comando tra centro e periferia (semplificazione delle procedure per ridurre i contenziosi) ed il taglio delle figure dirigenziali (37 dirigenti in meno).
 
“La riforma del Mibact - ha detto Franceschini - è un cambiamento profondo, in linea con le importanti riforme che gli italiani si aspettano da questo Governo. Una importante e necessaria riorganizzazione che supera la contrapposizione ideologica tra tutela e valorizzazione e permette di investire nel settore della cultura e del turismo come fattore trainante della ripresa economica del paese”.
 
Il testo approvato conferma i contenuti annunciati a metà luglio, tra i quali segnaliamo l’istituzione di un’apposita direzione generale, finalizzata a valorizzare l’arte e l’architettura contemporanea e promuovere la riqualificazione delle periferie urbane.
 
La nuova struttura si chiamerà ‘Arte e architettura contemporanee e periferie urbane’ e si occuperà della promozione del contemporaneo, promuovendone la qualità e partecipando direttamente all’ideazione di opere pubbliche, anche fornendo indicazioni per la loro progettazione. La nuova direzione promuoverà anche la riqualificazione e il recupero delle periferie urbane.
 

Per aggiornamenti in tempo reale su questo argomento segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
mariano carta

Finalmente , era ora, abbiamo a disposizione i " super esperti burocrati che, partecipano direttamente all' ideazione di opere pubbliche , anche fornendo indicazioni per la loro progettazione" e "promozione per la riqualificazione e il recupero delle periferie urbane". Cosi ci spiegano e ci "insegnano" come fanno la ricostruzione e manutenzione all' Aquila, a Pompei e in altri siti italiani"?. Per il disbrigo corrente di pratiche e adempimenti " non c'è fretta " i cittadini sono abituati ai tempi "lunghi". Che "riorganizzazione geniale" !


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa