Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
PROFESSIONE

Ingegneri: dedurre le spese per la formazione obbligatoria al 100%

di Rossella Calabrese

Le altre richieste del Congresso Nazionale: chiarire l’assoggettabilità degli studi all’IRAP e applicare il Decreto Parametri

Vedi Aggiornamento del 11/02/2015
Commenti 13422
19/09/2014 - Rendere deducibili al 100% le spese sostenute per l’aggiornamento professionale e rivedere il concetto di ‘autonoma organizzazione’ degli studi professionali ai fini dell’assoggettabilità all’IRAP.
 
Sono solo alcune delle proposte contenute nella Mozione approvata al termine del Congresso nazionale degli Ingegneri che si è tenuto a Caserta la scorsa settimana.
 
Con l’introduzione dell’obbligo di aggiornamento professionale, gli ingegneri sono tenuti a frequentare corsi e seminari per acquisire 30 crediti formativi all’anno, con un esborso che ad oggi è deducibile al 50%. Per ridurre i costi, gli ingegneri chiedono che tali spese siano interamente deducibili.
 
Quello dell’assoggettabilità dei professionisti all’IRAP è un tema controverso, spesso oggetto di sentenze che hanno valutato i singoli elementi (presenza di segretaria o di praticanti, livello di reddito), ma che richiede un chiarimento definitivo.
 
Tra i 29 punti che compongono la Mozione, c’è l’impegno per la piena applicazione del Decreto Parametri (DM 143/2013) per la determinazione dei corrispettivi da porre a base d’asta per l’affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura, privilegiando i sistemi di aggiudicazione non riferiti al solo criterio del prezzo più basso.
 
Il CNI sta monitorando da diversi mesi l’applicazione del Decreto Parametri nei bandi di progettazione, rilevando spesso delle irregolarità. Qualche settimana fa i Consigli Nazionali di Ingegneri e Architetti hanno pubblicato una guida al calcolo dei compensi.
 
Gli ingegneri chiedono di consentire ai professionisti di intervenire in funzione sussidiaria della Pubblica Amministrazione nell’ambito del rilascio di pareri e attestazioni, sulla scia di una proposta avanzata tempo fa da Confprofessioni.
 
Ribadendo ancora una volta la centralità del progetto e il valore dell’idea progettuale, gli Ingegneri chiedono un maggiore ricorso ai concorsi di progettazione e il giusto riconoscimento alla progettazione quale specifica e rilevante attività intellettuale.
 
Chiedono anche di valorizzare i giovani professionisti, correggendo le storture normative che ancora oggi consentono rendite di posizione, situazioni di vantaggio per la parte pubblica a danno del sistema della libera professione.
 
Il riferimento è indubbiamente norme che riservano l’accesso alle gare alle strutture professionali di notevoli dimensioni, con un certo numero di dipendenti e con rilevanti fatturati, norme che, come rilevato dall’Agenzia delle Entrate, tagliano fuori più del 97% dei progettisti.
 
Un alleggerimento dei requisiti - previsti dall’articolo 263 del Regolamento Attuativo del Codice Appalti - stava per essere attuato con il DL Pubblica amministrazione e con il Decreto Sblocca Italia (leggi tutto), ma poi la modifica è saltata e potrebbe essere riproposta nella riforma della normativa sugli appalti pubblici.
 
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri si impegnerà ulteriormente per la revisione della disciplina delle Società tra Professionisti (STP), modello societario di recente istituzione, che non ha avuto successo (dal 2012 ad oggi se ne sono costituite solo 54) a causa di una normativa ancora incerta.
 
Infine, il CNI, per supportare la prevenzione e la programmazione di interventi di mitigazione dei rischi, propone di realizzare una mappatura aggiornata del territorio nazionale, sotto il profilo del rischio sismico ed idrogeologico, attraverso l’uso di strumenti informatici innovativi per le segnalazioni in tempo reale dei dissesti e delle situazioni di rischio verificabili sul territorio.
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
pippis

Caro GiFi, pensa un po' che illustrri politicanti come Bersani, Fassina o gente come Landini e la Camusso si indignano per le proposte di Renzi, perché a loro dire toglie diritti ai lavoratori. Ma certo quel genio di Fassina, da bravo radical-chic, non sa che in Italia esistono donne a cui vengono fatte firmare le dimissioni in bianco per il caso in cui capiti loro di aspettare un figlio, e non solo per i contratti a tempo indeterminato, pa persino per i cocopro e per le callaborazioni a (finta) P.Iva? Fassina, dall'alto della sua rendita di parlamentare, forse non sa che negli studi professionali l'ultima moda è fari ai piccoli collaboratori ing e arch dei contrattini " a commessa", in cui si dice: "ti dò mille euro per farmi questo lavoro, non mi importa se poi per causa varie i tempi si allungano e ci vogliono 5 mesi per farlo, e soprattutto ti pago quando pagamo me, e se non mi pagano non ti pago", trasferendo così sulle spalle più fragiili e debili, quelle dell'ultimo anello della catena, il RISCHIO D'IMPRESA (che sarebeb proprio dello studio grande che ingaggia gli "schivi") senza però dare loro il POTERE D'IMPRESA (decido cosa faccio come lo faccio e discuto col cliente) né L'UTILE DI IMPRESA (mi assumo il rischio ma vengo pagato in proporzione)? E dove sono CNI, CNAPP, Ordini provinciali, collegi regionali davanti a tutto ciò? PErsino le Direzioni Provinciali per il Lavoro (che dovrebbero essera dalal parte dei lavoratori) danno indicazioni agli studi grandi e/o società di ingegneria su come scrivere al meglio questa specie di contrattini capestro e vergognosi a danno delel piccole P.Iva, in modo da tutelare i grandi studi contro le eventuali rivalse legali dei piccoli schiavi che vorrebbero vere meglio riconosciuti

thumb profile
GIFI

MA TUTTI I RAGAZZI CHE FANNO GLI SCHIAVI NEGLI STUDI CON FALSE PARTITE IVA, SILENZIO!!! TANTO SONO LORO I PRIMI AD USUFRUIRE DEGLI SCHIAVETTI!!!

thumb profile
Salvatore

Continuiamo a girare attorno ai problemi, buttiamo fumo in faccia. Il sistema è totalmente sbagliato ma del resto in un paese che si dice democratico ma che assolutamente non lo è, i cittadini tutti anzi gli schiavi, vanno solo presi in giro. La formazione obbligatoria è una grandissima ... (a buon intenditor), non prepara e non tutela nessuno ma fa un grosso favore agli ordini, i quali andrebbero aboliti senza se e senza ma. Senza voler entrare nel merito di altri problemi ancora più gravi come i minimi obbligatori Inarcassa, vera e propria tangente.