Carrello 0
PROFESSIONE

Ingegneri: reintrodurre i compensi minimi per garantire la qualità della progettazione

di Paola Mammarella
Commenti 21271

La proposta al 59esimo congresso nazionale degli ingegneri, chiesto al Governo di passare dagli annunci alle opere

Vedi Aggiornamento del 03/03/2016
Commenti 21271
12/09/2014 – Cambiamenti normativi rapidi e determinazione di compensi professionali minimi in grado di garantire la concorrenza, ma allo stesso tempo di tutelare il cliente assicurando la qualità dei servizi. Sono le richieste avanzate da Armando Zambrano, presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI), durante il cinquantanovesimo congresso di categoria che si conclude oggi a Caserta.
 
Compensi professionali minimi
Secondo Zambrano, l’abrogazione delle tariffe, adottata prima con l'abolizione dei minimi tariffari e poi con la riforma delle professioni per la tutela della concorrenza, ha finito per distorcere il mercato professionale, con prestazioni fornite con compensi bassissimi e conseguente scarsa qualità dei servizi offerti.
 
Per ovviare a questa difficoltà, Zambrano propone di individuare standard professionali minimi per i vari servizi di progettazione, collegati a compensi minimi da quantificare basandosi sui tempi necessari per svolgere la prestazione.
 
In questo modo, ha sottolineato Zambrano, non si vuole tornare alle tariffe, ma si garantirebbe un accettabile livello di qualità delle prestazioni, evitando quanto finora accaduto con Amministrazioni che hanno proposto di pagare un euro per la progettazione di opere pubbliche, certificazione energetiche pubblicizzate a 30 euro e ribassi di progettazione fino all’80%.

Ricordiamo che le tariffe professionali sono state abrogate dal decreto Bersani (DL 1/2012 convertito nella Legge 27/2012). Dopo una lunga attesa, il DM 143/2014 ha introdotto i criteri per la quantificazione dei compensi da porre a base di gara.
 
Non essendoci però più un riferimento minimo, molti professionisti, spinti dalla concorrenza, hanno iniziato a farsi pubblicità proponendo prestazioni a prezzi irrisori su siti web che raccolgono offerte a basso costo.
 
Ma non solo, perché la mancanza di lavoro ha spinto anche alcune Pubbliche Amministrazioni a giocare al ribasso. È il caso del Comune di Bagheria, che ha quantificato in “1 euro” il compenso per ingegneri e architetti chiamati a redigere progetti per la riqualificazione degli edifici scolastici.

O il caso di Brolo (Me), che per la redazione dello studio geologico relativo al piano particolareggiato di recupero del centro storico offriva un ‘rimborso forfettario’ per le sole spese di stampa delle copie. O, ancora, il caso di Pomezia, che chiedeva collaboratori gratis per la pianificazione del territorio, la progettazione urbana, l’efficientamento dell’organizzazione del Comune e dei servizi locali, la consulenza tecnica e legale.
 
Semplificazioni normative
Nel suo discorso il presidente Zambrano ha esortato il Governo a passare dalla politica degli annunci a quella delle opere.
 
Al centro della critica sollevata dal presidente del CNI compaiono alcune norme che dovevano essere contenute nel decreto Sblocca Italia, ma che sono poi state stralciate. Si tratta del regolamento edilizio unico, che avrebbe consentito ai progettisti di operare con regole chiare su tutto il territorio nazionale, senza dover affrontare situazioni discordanti da Comune a Comune.

Il regolamento edilizio unico doveva far seguito all’adozione dei modelli standard per la presentazione della Scia e la richiesta del permesso di costruire. Al momento, però, i tempi annunciati dal Governo sembrano slittati e il Ministro alle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha assicurato che si tornerà sull’argomento con un altro provvedimento.
 
Zambrano ha posto l’attenzione anche sulla task force per la sicurezza degli edifici scolastici e il dissesto idrogeologico, su cui erano state avanzate proposte di collaborazione. Il sistema prevedeva un’attiva partecipazione dei professionisti nella progettazione delle opere pubbliche, ma al momento, ha sottolineato il presidente del CNI, è stata scelta un'altra strada basata sull'affidamento della progettazione alla pubblica amministrazione.

Foto: @PatriziaGuerra1




 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Antonio.R

x Danilo : Comunque poco rispetto a quanto abbiamo studiato!!!!

thumb profile
Antonio.R

x Danilo : Comunque poco rispetto a quanto abbiamo studiato!!!!

thumb profile
Antonio.R

x Danilo : Comunque poco rispetto a quanto abbiamo studiato!!!!

thumb profile
Antonio.R

x Danilo : Comunque poco rispetto a quanto abbiamo studiato!!!!

thumb profile
Andrea

mattia, gli architetti dicono la stessa cosa dell'ordine degli ingegneri

thumb profile
Salvatore Comenale Pinto

Al Convegno (degli Ordini) degli Ingegneri il Presidente del CNI chiede di reintrodurre compensi minimi, ma nello stesso Convegno il Centro Studi del CNI presenta una pubblicazione in cui afferma che l'abrogazione delle tariffe professionali,rientra tra i principi fondanti dell’esercizio della professione in Italia, che pochissimi altri Paesi possono vantare. Sarebbe bello sapere se chi ha idee poco chiare è chi chiede compensi minimi, o chi vanta l'abrogazione delle tariffe.

thumb profile
Cam

Grazie all'ennesimo INCAPACE ( questo però non ha uguali ) con l'abolizione dei minimi tariffari si sono ARRICHITE le multinazionali italiane e estere che con tangenti e altre pratiche simile acquisiscono incarichi che poi ridistribuiscono a professionisti a prezzi da fame.

thumb profile
pippis

Cosa significa introdurre requisiti professionali minimi? che per progettare un garage devo averne già progettati dieci per un importo lavoro almeno quintuplo e con fatturato mostruoso? anche nel privato vogliamo escludere per sempre quellic eh non "firmano" mai perché collaborano con grandi studi dove magari progettano opere da centinaia di migliaia di euro che però firma il capo/socio dello studio mentre il collaboratore sottopagato non conmpare mai? §Ci vogliono tariffe minime e sicure e basta, e la radiazione dall'albo per chi fa APE a 30 euro o progetti al con ribassi dell'80%, altro che. E una sanzione severa per le amministrazioni che chiedono ai professionisti di lavorare gratis...

thumb profile
Antonio R.

Che tipo di lavoro fai Danilo?

thumb profile
Antonio R.

Finalmente una proposta seria. Quello che non si capisce è che un minimo di tariffe tutela sia il tecnico (che lavora in pace pensando agli aspetti tecnici piuttosto che a quelli commerciali) e sia il cliente che sarà costretto a scegliere quello che più gli fornisce sicurezza, che più si ritiene bravo e non quello che lo fa pagare di meno : in genere il cliente non ha le competenze adatte per capire chi tecnicamente è migliore ed errore grave è quello di affidarsi a chi lo risparmiare ..... inizialmente. Speriamo che venga accettato ... ma poco ci credo.

thumb profile
Mattia

Era ora si facesse qualcosa!!!!! Tutti hanno ordini professionali seri (architetti che difendono a sangue i loro iscritti - avvocati che hanno un tariffario ecc ) fuori che noi, coglioni che abbiamo studiato 30 anni e ci facciamo prendere in giro anche dai barboni! Ma sicuramente non verrà fatto niente, parole dette e che rimangono là..


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa