Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, i tecnici chiedono norme certe e più controlli
NORMATIVA Superbonus 110%, i tecnici chiedono norme certe e più controlli
ARCHITETTURA

Trento: Renzo Piano presenta la nuova Biblioteca di Ateneo

di Cecilia Di Marzo

Un gioco di volumi, pieni e vuoti, in cristallo, acciaio e pietra

Commenti 2597
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento
©Foto Alessio Coser, archivio Università di Trento

08/10/2014 - È stata presentata lunedì a Trento la Nuova Biblioteca di Ateneo progettata da Renzo Piano. L'architetto ha illustrato il progetto: sette piani (oltre al parcheggio interrato), facciate e tetto a vetri, circa 480mila volumi e 500 postazioni per ospitare la nuova Biblioteca di Ateneo adattando il progetto del Centro congressi in costruzione a Le Albere. 

Il costo legato alla trasformazione d’uso dell’edificio (che sarà sempre a carico della Provincia autonoma di Trento) è di circa 10 milioni di euro e si stima la consegna per fine 2016. Allo studio di Renzo Piano sono stati chiesti oggi dall’Ateneo alcune variazioni negli arredi e nella destinazione degli spazi, per meglio rispondere alle esigenze espresse dal sistema bibliotecario dell’Università. A 300 metri in linea d’aria dal Muse e a pochi passi dal grande parco pubblico de Le Albere, la nuova biblioteca sarà raggiungibile in 15 minuti a piedi dalla zona universitaria di via Verdi. 

Cristallo, acciaio e pietra i materiali utilizzati per la struttura che potrà ospitare più di 500 persone tra utenti e addetti. Proprio come per il vicino Muse, anch’esso progettato da Renzo Piano, l’architettura presenta un gioco di volumi, vuoti e pieni che conferiscono un effetto di leggerezza e luminosità. 

L’ingresso alla biblioteca sarà dal piano terra dove gli utenti saranno accolti in una grande hall che affaccerà sugli spazi di consultazione, dedicati ai periodici, ai dizionari e alle enciclopedie, ai cataloghi e alle nuove acquisizioni. Prevista anche la possibilità di ricavare una zona relax a diretto contatto con l’esterno. Al primo piano vi sarà un’aula didattica multimediale e gran parte degli uffici della Biblioteca e al secondo piano gli spazi studio affiancati da una sala polifunzionale. Al terzo piano vi saranno due ampi spazi per la consultazione illuminati da lucernari. Spazio a Letteratura, Linguistica e Scienze anche nelle collezioni custodite al quarto piano. Le due ali dell’edificio saranno collegate da un pavimento a vetri. Il quinto e ultimo piano, che ospiterà in particolare la sezione di Storia, avrà una copertura di cristallo.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
netandertal

Luca, fosse l'italiano il problema basterebbero un po di mesi spesi a rivedersi le regole grammaticali e avremmo risolto, qui sono il pensieri che latitano. Forse Salvatore immagina un mondo dove Piano debba progettare gratis. Peppe poi pronuncia la parola magica "concorso" e non si capisce se sia più ingenuo o ipocrita,

thumb profile
Luca

Complimenti a chi "la" concessa? Va bene la fretta di scrivere, la rabbia e tutto quanto ma usare un italiano corretto mi sembra il minimo!

thumb profile
salvatore

bella parcella veramente, complimenti a chi la concessa, di questi tempi fa proprio notizia.

thumb profile
peppe

scusate, perchè non leggo la parola "concorso" in questo articolo?


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa