Carrello 0
NORMATIVA

Bonus mobili: Federlegno chiede la proroga per il 2015

di Paola Mammarella

Entro fine anno lo avranno utilizzato 375 mila contribuenti, per una spesa di 1,9 miliardi di euro

Vedi Aggiornamento del 15/04/2015
10/10/2014 – Il Bonus Mobili sta consentendo la tenuta di molte imprese e il mantenimento di circa 10 mila posti di lavoro. Per questo la proroga al 2015 è di vitale importanza. Ad affermarlo è il centro studi di Federlegno Arredo, che ha tracciato una stima degli effetti che la detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti sta avendo sull’economia.
 
Oltre a consentire ad almeno 10 mila addetti della filiera del legno di conservare il proprio lavoro, secondo Federlegno Arredo il Bonus Mobili genererà, entro la fine del 2014, una spesa pari a 1,9 miliardi di euro, con un gettito Iva aggiuntivo di 360 milioni di euro.
 
Ma non solo, perché secondo il presidente di FederlegnoArredo Roberto Snaidero, a fine anno saranno almeno 375 mila i contribuenti che avranno utilizzato la detrazione tra il 2013 e il 2014. Si tratta, afferma Snaidero, di un risultato straordinario, con effetti positivi sull'occupazione del settore, che consente un risparmio sulla Cassa Integrazione di circa 40 milioni di euro e costituisce un toccasana per il Legno Arredo, che con i suoi 430 mila addetti è una delle filiere più importanti in Italia.
 
Le proiezioni sull’effetto del Bonus Mobili sono state redatte sulla base delle dichiarazioni dei redditi del 2013 di Caf e sindacati. Come accaduto alla fine dello scorso anno, i risultati raggiunti hanno quindi spinto l’associazione che riunisce le aziende del settore arredo a chiedere la proroga del Bonus Mobili per il 2015.
 
Nei giorni scorsi il Ministro alle infrastrutture e trasporti, Maurizio Lupi, ha mostrato un’apertura sulle detrazioni fiscali, affermando che il bonus del 50% per le ristrutturazioni edilizie e quello del 65% per la riqualificazione energetica saranno prorogati per il 2015 con la Legge di stabilità. Si presume, quindi, che nelle intenzioni del Ministero c’è quella di estendere la proroga alle detrazioni per l’acquisto di arredi.
 
Ricordiamo che il Bonus Mobili è stato introdotto con il Decreto Ecobonus (DL 63/2013), che ha esteso la detrazione del 50% sulle ristrutturazioni ai mobili e agli elettrodomestici efficienti per l’arredo dell’immobile ristrutturato, acquistati entro il 31 dicembre 2014.
 
La detrazione del 50% può essere concessa su una spesa massima di 10 mila euro e non c’è correlazione tra le spese sostenute per l’acquisto degli arredi e il prezzo della ristrutturazione. Ciò significa che la detrazione del 50% è riconosciuta su tutto l’importo speso per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti, anche nel caso in cui gli arredi costino più dell’intervento di ristrutturazione.

 


 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati