Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
NORMATIVA

Condono in Campania, il Governo contro la riapertura dei termini

di Paola Mammarella

Architetti: 'è finito il tempo dell'abusivismo', Realacci: l’impugnativa è la giusta risposta del Governo

Vedi Aggiornamento del 20/07/2017
Commenti 8952
08/10/2014 – È stata impugnata dal Consiglio dei Ministri la LR 16/2014 per il condono in Campania, che mira a sbloccare le pratiche delle sanatorie edilizie del 1985 e 1994 giacenti negli uffici comunali. A detta del CdM, la norma invade la competenza dello Stato in materia di governo del territorio.
 
Cosa prevede la legge regionale
La norma impugnata, con una modifica alla Legge Regionale 10/2004, sposta da dicembre 2006 al 31 dicembre 2015 il termine entro cui le Amministrazioni locali devono pronunciarsi sulle domande di regolarizzazione, cercando quindi di far riaprire le pratiche dei condoni del 1985 e 1994 che non sono mai state esaminate per mancanza di tempo.
 
Per velocizzare il rilascio dei pareri sulle istanze di semplificazione, la legge regionale prevede che nelle zone sottoposte a vincoli che non comportano l’inedificabilità assoluta, il titolo edilizio in sanatoria possa essere rilasciato senza il consenso delle amministrazioni preposte alla tutela del vincolo. La sanatoria viene invece esclusa nelle zone ad inedificabilità assoluta se il vincolo è stato imposto prima della realizzazione dell’opera da condonare. Allo stesso tempo, sono consentiti gli interventi per l’adeguamento antisismico e l’efficientamento energetico degli immobili nella zona rossa del Vesuvio.

Perché è stata impugnata
Secondo il Consiglio dei ministri, le disposizioni in materia di condono edilizio contrastano con i principi fondamentali della legislazione statale in materia di governo del territorio. In sostanza, è stato affermato che la legge regionale vìola l’articolo 117 della Costituzione perché invade le competenze esclusive statali in materia di tutela dell’ambiente.
 
Ricordiamo che nei giorni scorsi l’impugnativa era stata richiesta dal Ministro dell’Ambiente secondo il quale la norma, consentendo le sanatorie anche in zone a rischio idraulico, si poneva in contrasto con le prescrizioni più restrittive e vincolanti previste dagli atti di pianificazione di bacino.
 
I commenti
Positiva la reazione del Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (CNAPPC), che ha commentato l’impugnativa con un “è finito il tempo dell’abusivismo così come l’epoca dei condoni”. Secondo gli architetti italiani, ora il Paese ha bisogno di essere messo in sicurezza con una visione complessiva di riqualificazione del territorio, strategie compatibili dal punto di vista sociale, paesistico e ambientale e progetti di sviluppo non invasivi.

Secondo il Presidente della Commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, l’impugnativa è la giusta risposta del Governo all’ennesimo tentativo di sanatoria. Realacci ha affermato che il solo effetto annuncio dei condoni fa lievitare il cemento abusivo, tanto da aver generato, nel 2003,  40 mila nuove case illegali. L’abusivismo, ha sottolineato Realacci, “alimenta una vera e propria filiera del cemento illegale, non a caso l’81% dei Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose in Campania dal 1991 a oggi vede tra le motivazioni un diffuso abusivismo edilizio, speculazioni immobiliari e pratiche di demolizione inevase”. Citando i dati di Legambiente, Realacci ha infine ricordato che con 838 reati accertati (oltre il 15% del totale nazionale), 952 persone denunciate e 300 sequestri la Campania guida la classifica nazionale dei reati legati al ciclo del cemento.
 
Per chiudere la vicenda della riapertura dei condoni bisognerà ora attendere la pronuncia della Corte Costituzionale.
 


 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Nicola

E' ovvio che se tieni un "cristiano" nel fango potrà solo continuare a sporcarsi... In Campania perchè continuare a tenere i cittadini in uno stato di degrado? Potranno solo perpetrarsi continui abusi a danno di tutti. Mettiamoci un punto. Consiglierei di utilizzare i proventi dei condoni (quota-stato), per "SERI" sistemi di salvaguardia fututi!!! Perdonate la mia crudeltà, ma la mia scuola di pensiero è molto diversa da quella degli "ambientalisti sulle spalle degli altri". SI AL CONDONO.

thumb profile
Antonio R.

Dove erano i ministri e il Consiglio degli architetti quando si effettuavano gli abusi? Ora fanno anche i falsi moralisti!!! Il condono o vale per tutti (campani compresi) o non vale per nessuno : vedi condono 2003 dove la Campania non ha potuto usufruirne.

thumb profile
gaetano

Governo contro la riapertura dei termini? Siamo sicuri che siano questi i termini della questione? Credo piuttosto sia stata aggredita la sola opzione di ammissibilità alla sanatoria di immobili ricadenti in aree sottoposte vincolo di inedificabilità assoluta per rischio vulcanico, qualora tale vincolo fosse stato imposto dopo la realizzazione dei fabbricati. Per quanto attiene alla riapertura dei termini di esitazione delle istanze di condono (esitazione, non presentazione), questa è materia regionale (già oggetto della l.r. campania n. 10/2004 all'art. 9 comma 1) in quanto la legge nazionale non ha espressamente imposto un termine perentorio, per cui non vedo con quali argomenti possa essere proposto il sindacato di costituzionalità. arch. Gaetano Smaldone


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa