Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
PROFESSIONE Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
NORMATIVA

Ingegneri della sezione B, nel timbro va indicato ‘iunior’

di Paola Mammarella

Tribunale di Avellino: riportare solo ‘Ing’ significherebbe fornire una informazione incompleta

Vedi Aggiornamento del 13/07/2015
Commenti 11755
28/10/2014 – Agli ingegneri iscritti nella sezione B dell’Albo deve essere consegnato il timbro con la dicitura “Ingegnere Iunior”. Lo ha spiegato il  Consiglio nazionale degli Ingegneri (CNI) con la circolare 434/2014 con cui ha spiegato quanto ribadito dal Tribunale di Avellino con l’ordinanza 395/2014, sulla base delle norme che regolano l’accesso agli albi delle professioni regolamentate.
 
La pronuncia si è resa necessaria perché un iscritto si era rivolto al tribunale contestando il fatto che gli fosse stato consegnato dall’Ordine un timbro indicante “Ingegnere Iunior”, mentre lui avrebbe preferito solo l’abbreviazione “Ing.” per evitare discriminazioni.
 
Il Tribunale ha respinto la richiesta escludendo che dalla dicitura potesse derivare un danno economico dal momento che il timbro viene utilizzato in un momento successivo rispetto al conferimento dell’incarico.
 
Il Consiglio nazionale degli Ingegneri (CNI) ha accolto con favore la posizione ribadita dal Tribunale e ha ricordato che il problema sollevato dall’iscritto si rifà alla riforma per l’accesso agli albi delle professioni regolamentate, avvenuta con il Dpr 328/2001.
 
Il regolamento ha istituito due diverse figure professionali: gli ingegneri e gli ingegneri iunior (in base al titolo di studio conseguito), cui è seguita la suddivisione dell’albo in due sezioni, la A e la B. La norma ha anche previsto che gli iscritti alla sezione A possano utilizzare metodologie avanzate e innovative, mentre quelli iscritti nella sezione B debbano ricorrere a metodologie standardizzate.
 
Nel consegnare il timbro con la dicitura “Ingegnere Iunior” l’Ordine ha quindi semplicemente applicato il regolamento. In caso contrario, ha concluso il Tribunale, sarebbe stata fornita un’informazione incompleta.



 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
alex

finalmente

thumb profile
Giovanni

Una volta tanto che in Italia viene fatta rispettare la legge... non ci sta bene!! Ma guarda che siamo proprio forti!! Dico io: ci sono i corsi di studi di tre anni e quelli di cinque che rilasciano titoli differenti, così com'è giusto che sia?? Bene! Per un titolo ottenuto con tre anni quindi ci sarà un titolo, per i cinque ce ne sarà un altro, più qualificante, visto che, fino a prova contraria e allo stato delle cose, è la formazione scolastica o accademica a fornire la base per l'abilitazione alla professione, non il quanto sei bravo o meno. Altrimenti si sceglie di fare i pittori, gli scultori, gli arredatori... I discorsi sui geni senza titolo... su Le Corbusier, su Carlo Scarpa... lasciano il tempo che trovano. Non credo che loro si siano mai posti il problema; altro livello e altro tipo di argomento. Che poi ci siano dei cani col titolo e delle persone in gamba con la terza media questo è fuori discussione; è il sistema accademico che è sbagliato; era normale e prevedibilissimo che la riforma universitaria avrebbe generato solo confusione, creando i geometroni, gli architettini e gli ingegneretti, ma finché non impariamo a rispettare le regole e non smettiamo di portare in tribunale polemiche sterili da bar riguardanti il nostro singolo giardinetto non cresceremo mai come popolo e continueremo a meritarci lo stato di cose in cui ci ritroviamo.

thumb profile
LUCA

CARO COLLEGA DELLA SENTENZA VAI AL CONSIGLIO DI STATO, LA VITTORIA E' FACILE FACILE!!!

thumb profile
GIUSEPPE

L'UNICA COSA GIUSTA SAREBBE QUELLA DI ANDARSENE DALL'ITALIA, QUESTO PAESE DI BALORDI E IGNORANTI, ALTRO CHE TIMBRO! CERTO QUANDO PENSO AGLI INGEGNERI ELETTRONICI CHE PROGETTANO STRUTTURE IN ACCIAIO O IN CEMENTO ARMATO MI VENGONO I BRIVIDI.