Network
Pubblica i tuoi prodotti
LIVE NOW
oggi alle ore 14:57
Vacunanex Cappotto: il sistema a basso spessore che funziona
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Scuole, 40 milioni di euro per adeguarle e costruire nuovi plessi

di Rossella Calabrese

Entro metà gennaio 2015 le Regioni devono predisporre i Piani degli interventi

Vedi Aggiornamento del 24/11/2015
Commenti 6782
20/10/2014 - È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il Dpcm 8 luglio 2014 che ripartisce tra le Regioni 40 milioni di euro per l’adeguamento strutturale ed antisismico delle scuole e per la costruzione di nuovi immobili in sostituzione di quelli esistenti a rischio sismico.
 
Lo stanziamento costituisce le annualità 2012 e 2013 del Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, istituito dalla Legge 326/2003 con una dotazione di circa 273 milioni di euro per il 2003, 2004 e 2005, e incrementato di 20 milioni all’anno, a partire dal 2008, dalla Finanziaria 2008 (Legge 244/2007).
 
La fetta più grande delle risorse è destinata alla Regione Campania (6.478.335,86 euro), seguono la Sicilia (5.469.610,16 euro), il Lazio (4.273.434,80 euro), l’Emilia Romagna (3.242.625,32 euro), la Calabria (2.970.667,72 euro), ecc.
 
A partire dal 2014 - si legge nel Dpcm 8 luglio 2014 - le risorse arriveranno dal “Fondo unico per l’edilizia scolastica” istituito dal decreto Sviluppo bis (art. 11, comma 4-sexies della Legge 221/2012 di conversione del DL 179/2012), nel quale sono confluite tutte le risorse destinate all’edilizia scolastica.
 
Ora che le risorse sono state assegnate, le Regioni e le Province autonome dovranno trasmettere  trasmette al Dipartimento della protezione civile, entro metà gennaio 2015 (90 giorni dalla pubblicazione del Dpcm 8 luglio 2014), un Piano degli interventi di adeguamento o di nuova edificazione, nel quale potranno indicare ulteriori interventi, anche eccedenti la quota assegnata, da finanziare con risorse aggiuntive che dovessero eventualmente rendersi disponibili.
 
 

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui